Tunisia: road trip tra mare e deserto

Tunisia: road trip tra mare e deserto

Scritto da Camilla Castellani on . Postato in Itinerari

Tunisia: road trip tra mare e deserto

Imprevisti e probabilità. No, nessuna partita a Monopoli: c’è da organizzare un road trip. Precisamente, in Tunisia.

Tunisia: road trip tra mare e deserto

Tunisia.
Non è un segreto che la Tunisia, la nazione più piccola del Nord-Africa, si sia trovata spesso ad affrontare periodi di grande fragilità. Mi riferisco alle agitazioni a cavallo tra il 2010 e il 2011 che hanno segnato la Primavera Arabae ad alcuni episodi come l’attacco terroristicoal Museo del Bardo di Tunisi del 2015.

Ma è anche inutile tenerne nascosta la ripresa. Solo nei primi quattro mesi del 2019 infatti, il turismo tocca gli oltre 2 milioni di visitatori stranieri. Perciò, è il momento buono per ritornarci o scoprirla per la prima volta.

Il clima tunisino è mite per la maggior parte dell’anno, un’ulteriore nota positiva per fare della Tunisia destinazione perfetta per un road trip. Tra Mar Mediterraneo e deserto del Sahara, è l’occasione perfetta per vivere un terra milllenaria dove cultura e storia berbera, romana, araba, andalusa e francese si fondono in un caleidoscopio di colori, profumi e architetture.

ECCO L’ITINERARIO PROPOSTO PER UN ROAD TRIP DI SEI TAPPE IN TUNISIA

Tappa 1: Tunisi
Capitale della Tunisia, a Tunisi si mescolano influenze nord africane, mediorientali ed europee. La città conserva un fascino senza tempo grazie ad architetture ed edifici tradizionali. Alcuni palazzi sono invece stati convertiti in bed & breakfast, sale da tè, ristoranti o gallerie d’arte. La maggior parte culminano con magnifiche terrazze da cui ammirare il panorama e ascoltare la chiamata alla preghiera dei Muezzin. “Perdersi” passeggiando per i vicoli della medina significa scoprire botteghe artigiane e laboratori centenari. Da non perdere poi: i resti cartaginesi, l’intricata medina sito del patrimonio UNESCO, la moschea Zituna, il coloratissimo souk e il Museo nazionale del Bardo, nella meravigliosa e fastosa residenza del bey del XIX secolo. Dal grande giardino svettano i tre piani dove sono esposte, tra le molte, la collezione più ricca di mosaici romani. 

Tappa 2: Cartagine e Sidi Bou Said
Dichiarata sito UNESCO, Cartagine è una città avvolta nella leggenda e nella storiasulla sponda orientale del lago di Tunisi. Lavarietà di popoli che hanno colonizzato il paese, fenici, romani e arabi, hanno tutti lasciato un segno della loro dominazione nelle architetture che ancora oggi caratterizzano il sito archeologico. ”La città splendente”, come era conosciuta un tempo, si narra sia stata fondata con uno stratagemma della regina Didone, fuggita dalla città di Tiro dopo che il fratello Pigmalione uccise suo marito per impossessarsi delle sue ricchezze. Nel 146 a.C. Cartagine viene distrutta e poi ricostruita dai Romani diventando una delle colonie dell’Impero Romano più floride e ricche di sempre. 

Sidi Bou Said dista da Tunisi circa 20 km e, dal 1979, questa piccola città è area protetta UNESCO per l’inestimabile valore storico e archeologico: visitandone i dintorni si trovano infatti i siti archeologici su cui, in passato, è sorta Cartagine. Sidi Bou Said, arroccata su di un colle a strapiombo sul mare, spicca per i suoi colori bianco e blu in ricordo del pittore francese Rodolphe d’Erlanger, deceduto proprio qui. Nel Novecento diventa meta di artisti ed intellettuali: al Café des Nattes si ritrovano personaggi come Henri Matisse, Jean Paul Sartre, Oscar Wilde, Paul Klee e Simone de Beavoir.

Tappa 3: Kairouan
Kairouan è la quarta città santa dell’Islam dopo la Mecca, Medina e Gerusalemme. Situata nell’entroterra, è costellata di cupole bianche che segnano la presenza di tombe dei santi musulmani ed edifici dedicati alla preghiera. Per questo motivo è conosciuta come la “città delle trecento moschee”. Da non perdere sono la Grande Moschea, una delle più antiche del mondo e prima moschea del Maghreb costruita sotto la dinastia degli Aglabiti, e la Piccola Moschea a Tre Porte, caratteristica per la sua facciata a fregi e con iscrizioni arabe. Ma è nel souk che si trova il punto di forza del commercio e dell’artigianato di Kairouan: i tappeti in punto Gordes. 

Tappa 4: Djerba
Djerba è l’isola più grande della Tunisia. Cantata da Omero nell’Odissea, patria dei Lotofagi dove i compagni di Ulisse, cibandosi del fiore di loto, rischiarono di dimenticare il loro passato e con esso la terra da cui provenivano,è oggi una delle mete turistiche più frequentate e apprezzate della Tunisia. Nonostante i flussi frequenti di visitatori, Djerba preserva il suo lato naturalistico: pedalando o camminando si possono raggiungere piccole calette e spiagge lontane dal caoscome Shamas, appartata e solitaria. A Djerba si trova la sinagoga della Ghriba, segno  tangibile della multiculturalità del paese che ogni anno ospita uno dei pellegrinaggi più importanti.Imperdibile la visita a Djerbahood a Erriadh, il piccolo villaggio berbero oggi museo di street art a cielo aperto che nel 2014 ha visto all’opera tra i suoi vicoli 150 artisti provenienti da tutto il mondo.

Tappe 5: Dougga
Dougga si trova sulla cima di una collina a 571 m di altitudine nella valle di Oued Khalled. Secoli di storia raccontati in 75 ettari. Dougga è infatti oggi sito archeologico di sintesi tra le diverse culture che l’hanno vissuta tra il II e III sec d.C, nonché l’esempio meglio conservato di una città africo-romana nel Nord Africa. Per questo motivo dal 1997 è annoverato nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dell’UNESCO. Il centro monumentale – foro e mercato – insieme con i bagni pubblici, il teatro ed il circo, integralmente conservati, riflettono perfettamente il modo in cui una popolazione indigena si sia urbanisticamente adattata ed evoluta durante il periodo romano. Il monumento più imponente nel complesso archeologico di Dougga è il Capitolium eretto al tempo dell’imperatore romano Marco Aurelio.

Tappa 6: Douz e Tozeur
Il roadtrip continua nella splendida località di Douz, conosciuta come “la porta del deserto”. Oasi più antica della Tunisia, si erge a ridosso del deserto del Sahara tra foreste di palme da dattero che nei secoli ne hanno reso florida l’economia. Qui ancora oggi è presente la cultura nomade dei M’razig, popolo di pastori nomadi che da sempre preferisce vivere nell’autenticità della vita del deserto. Molto conosciuto è il Souq di Douz, il mercato cittadino, in cui si vendono spezie e prodotti artigianali che colorano e profumano tutta la città. Douz vanta una posizione privilegiata per il turismo: ricca di hotel che offrono tutti i comfort e una splendida vista sulle dune, luogo prefetto in cui soggiornare in vista di un’escursione nel deserto.

Più a nord di Douz si trova Tozeur e poco più a ovest troviamo Nefta. Queste sorgono al limitare di palmeti sconfinati, delle vere oasi nel deserto. Si viene accolti dalle tipiche architetture di mattoni ocra, disposti secondo disegni geometrici, e dai palazzi sahariani di incredibile bellezza. 

A metà strada fra Douz e Tozeur si trova il lago salato di Chott El-Jerid: una distesa dai colori cangianti e sempre diversi che si estende per oltre 5.000 km² in una forte depressione del terreno.

Ma che road trip sarebbe senza musica? Ecco qualche pezzo che vi consiglio di aggiungere alla vostra playlist “Tunisian roadtrip 2019”:

1. My God Is the Sun – Queens Of The Stone Age (album: …like Clockwork)
2. Mahita – Mansur Brown (album: Shiroi)
3. Luh You – Anderson .Paak (album: Venice)
4. A Night In Tunisia – Miles Davis (album: The Musings Of Miles)
5. Atlas Air – Massive Attack (album: Heligoland)
6. Incense – Eryka Badu, Kirsten Agresta (album: New Amerykah Part Two: Return Of The Ankh)

Vuoi sapere di più? Visita www.discovertunisia.com
#DiscoverTunisia

Camilla Castellani
camilla@agendaviaggi.com

Tags: ,

Camilla Castellani

Camilla Castellani

Arte, fotografia e musica i suoi giù grandi interessi. Appassionata di cultura urbana. Le entusiasma viaggiare e lo farebbe, se avesse soldi. Le piace scrivere di tutto, tranne la sua bio.