Il Piccolo Principe: cena stellata sulla terrazza più bella della Versilia

Il Piccolo Principe: cena stellata sulla terrazza più bella della Versilia

Scritto da Isabella Radaelli on . Postato in Alberghi e Spa, Food&Drink

Il Piccolo Principe: cena stellata sulla terrazza più bella della Versilia

Lo chef Giuseppe Mancino “sarto della materia prima” presenta le nuove proposte dell’estate.

Il Piccolo Principe: cena stellata sulla terrazza più bella della Versilia

Viareggio, Italia.
Il ristorante gourmet Piccolo Principe è situato al quinto piano del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio, in una delle più belle terrazze della città, dove la vista spazia dalle Alpi Apuane al mare.
Entrando nel locale, ci si immerge in un ambiente raffinato dove predominano il bianco e il blu, i tavoli con lunghe tovaglie bianche sono apparecchiati con cura, con stoviglieria e posate di pregio, le sedie di plexiglass di design, i vasi cinesi della balconata rispecchiano splendidamente il paesaggio marinaro che lo circonda, anche nel dehors dove, durante la bella stagione, si può cenare a bordo piscina.
La grande cucina a vista dà la possibilità di vedere lo chef e la sua brigata all’opera.
Alla guida del ristorante l’executive chef Giuseppe Mancino, campano di nascita, ma ormai toscano o meglio viareggino d’adozione, che, con maestria, estro, passione e caparbietà conduce il Piccolo Principe dal 2004. Il primo riconoscimento arriva nel 2008, ottiene la prima stella Michelin che verrà bissata nel 2014 con la conquista della seconda. E’ uno dei più giovani chef ad aver ottenuto le due stelle Michelin.
Salernitano di nascita, Giuseppe inizia a lavorare come pizzaiolo, ma il destino lo costringe a passare alla cucina.
L’esperienza maturata “sul campo”, sia in Italia che all’estero, sommata ad alcuni punti di riferimento come Gualtiero Marchesi e Alain Ducasse lo portano al raggiungimento della sua attuale consapevolezza.
Come un abile direttore d’orchestra, Giuseppe si è circondato di scelti collaboratori che dirige in modo impeccabile, tra cui il sous-chef Alessio Bachini; la brigata di cucina è formata da giovani di talento, che, sotto l’attenta guida dello chef riesce ad esprimere nel migliore dei modi il suo pensiero, il personale di sala anch’esso formato da giovani, è affiatato, professionale e attento, ma non troppo ingessato, garantendo il giusto connubio a soddisfazione degli ospiti.
Cucina superba, materie prime di eccezionale qualità, abbinamenti spregiudicati ma eleganti, con accostamenti estrosi e pieni di inventiva, estremamente azzeccati, un vero piacere per il palato, ma anche per gli occhi, insieme ad un abile impiattamento che fa dispiacere distruggere.
Lo chef Mancino è definito il “Sarto della materia prima”, perché partendo da un ingrediente principale che appartiene alla tradizione culinaria, “confeziona” piatti vestendoli con tanti sapori di contorno, creando delle combinazioni di gusti ed equilibri.
Ad accompagnare le pietanze una ottima proposta di vini italiani e stranieri, con un occhio di riguardo per le etichette toscane e per gli champagne, selezionate dal sommelier Manuel Ghezzi.
Il servizio di sala è molto attento e professionale, coordinato dal maître Fabio Santilli.

Il Piccolo Principe: cena stellata sulla terrazza più bella della Versilia


Tra i piatti signature dello chef la Calamarata di Gragnano, mix tra la classica pasta allo scoglio rivista in chiave moderna cotta sottovetro; poi il sushi toscano affumicato: una tartare di carne con pane fritto, tartufo di stagione selezione Savini, pecorino ed erbe amare; ravioli di farina di riso con granchio, lumachine di mare, aglio nero, polvere d’alghe e pomodoro giallo.
Ecco le novità per la primavera-estate:
Dall’8 marzo 2019 Il Piccolo Principe apre a pranzo con due menù degustazione creati in esclusiva: il menù Carte Blanche il menù Tradizione.
Il menù Tradizione da 4 portate a Euro 99,00 a persona, bevande escluse, con piatti gourmet classici rivisitati in chiave moderna;
il menù Carte Blanche da 3 portate a Euro 79,00 a persona, bevande escluse, con piatti selezionati dallo Chef Giuseppe Mancino.
I menù degustazione presenti nel menù della sera sono 5: quello di mare, quello di terra, il vegetariano e due a scelta dello Chef, da 10 o da 4 portate. Il Menù degustazione “Il Mare” include: la Triglia, le Cappesante, la Calamarata, i Ravioli, il Dentice, e la Pera.
Il Menù degustazione “La Terra” comprende: l’Uovo croccante, il Sushi toscano affumicato, il Riso Carnaroli, gli Agnolotti ripieni, il Piccione, i Formaggi e Arachidi e Mango.
Nel Menù degustazione “Vegetariano”: la Terrina di gazpacho, l’Uovo croccante, i Tortelli di cime di rapa, gli Spaghetti di grano duro, il Carciofo, i Formaggi e come dolce Vaniglia, ganache montata, sablè bretone, salsa zafferano e gel di limone.
Il Menù degustazione “A modo mio…passato e presente” è un percorso in 10 portate a sorpresa in cui lo Chef guida i suoi ospiti trasportandoli nel suo universo gustativo, olfattivo e visivo.
Anche il Menù degustazione “L’essenziale” è liberamente interpretato dallo Chef scegliendo fra i suoi piatti, e comprende 4 portate.

Il ristorante Il Piccolo Principe 2 Stelle Michelin è aperto dall’8 Marzo al 31 Ottobre 2019.
Dall’8 Marzo al 31 Maggio e dal 18 Settembre al 31 Ottobre è aperto sia a pranzo dalle ore 12:30 alle ore 14:30 che a cena dalle ore 20:00 alle ore 22:00. Giorni di chiusura: lunedì e martedì.
Dal 1° Giugno al 17 Settembre è aperto solo a cena alle ore 20:00 alle ore 22:30. Giorno di chiusura: lunedì
Le foto dall’alto: la 1 e la 3 Isabella Radaelli, 2 e 4 Andrea Moretti.

Piccolo Principe
gourmet restaurant
Piazza Puccini 1
55049 Viareggio (Lu)
Tel.0584 401806

Isabella Radaelli

Isabella Radaelli

Giornalista gourmet e viaggiatrice, ha trasformato le passioni per il cibo, il vino e i viaggi in un lavoro. Collabora per diverse riviste e giornali nel settore dell’enogastronomia, del turismo e del benessere ed è socia e consigliere di Neos – giornalisti di viaggio associati. Quando è all’aeroporto si sente già in vacanza e quando intraprende un nuovo viaggio si entusiasma come fosse il primo. Il viaggio per lei è a 360° e attraversa non solo i Paesi, ma tocca la cucina, le persone, le albe e i tramonti. Adora uscire a cena e andare alla scoperta di nuovi locali. Quando si deve sedere in un ristorante o in qualunque altro luogo, non sceglierà mai un posto a caso, perché segue le regole del Feng Shui. Ha pubblicato due libri: “Emozioni” una raccolta di poesie e “Tutti i segreti del Tortello Cremasco – Non c’è la zucca!”.