Elisa Ossino, architetto, stylist ed interior designer

Milano Design Week 2019. Per Boffi, De Padova, MA/U Studio e ADL, un’edizione record

Scritto da Carlo Ingegno on . Postato in Appuntamenti, Spazi & Natura

Erei è un divano modulare, composto da pouf e tavolini. Solido, si appoggia sul pavimento, con gambe estremamente esili, contagiando l’ambiente con tutta la sua leggerezza

In primo piano il seducente concept “When Water Meets”, progettato da Piero Lissoni, che basa il suo schema architettonico sulla purezza dell’acqua, ideale modello di vita. Tra i protagonisti della kermesse meneghina Elisa Ossino, architetto, stylist ed interior designer che con Erei, ottiene il premio: “Archiproducts Design Awards 2018”, categoria arredamento.

Erei è un divano modulare, composto da pouf e tavolini. Solido, si appoggia sul pavimento, con gambe estremamente esili, contagiando l’ambiente con tutta la sua leggerezza

Milano, Italia.
Una presenza congiunta quella tra Boffi, De Padova, MA/U Studio e ADL si è divisa tra il Salone del Mobile, e i due showroom milanesi di Boffi Solferino e De Padova Milano. Un appuntamento che ha visto 40 novità di prodotto, 18 Designer e la presenza di oltre 50.000 visitatori, un’edizione con numeri da record.

Tra i protagonisti Elisa Ossino, architetto, stylist ed interior designer, da sempre alla ricerca spasmodica, focalizzata sulla progettazione di interni, allestimenti, set, e la profonda identità dell’immagine. Premiata con Archiproducts Design Awards 2018 (categoria arredamento), con la creazione Erei, ispirata alla catena montuosa siciliana, la regione che le ha dato i natali. Erei è un divano modulare, composto da pouf e tavolini. Solido, si appoggia sul pavimento, con gambe estremamente esili, contagiando l’ambiente con tutta la sua leggerezza, con una trasformazione di stile che si contrappone ai classici profili del divano. Una base con un sistema di sedute scomponibili, che creano più configurazioni. Seducente l’imbottitura, con raffinate cuciture che stemperano il lontano 1800 del mitico capitonnè, verso una innovativa narrazione contemporanea.

Carlo Ingegno

Carlo Ingegno

Nato a Napoli, trasferitosi per amore a Buenos Aires dove la bella Patricia gli regala ben 4 figli. Negli anni ‘80 torna in Italia, a Milano, questa volta per lavoro in Rcs dove si occupa di immagine e grafica. Inoltre viaggia, fotografa e scrive storie dal mondo con approccio esplorativo sempre attento ai dettagli. Oggi dirige Agenda Viaggi con un gruppo di persone molto speciali. Vive da qualche anno con sua moglie Raffaella e la gatta Misha a Verzimo, un paesino del XI sec. in provincia di Vercelli, in una casa piccola, soleggiata, per metà ristrutturata, un giardino incolto e mobili tutti diversi per epoche e stili, come la vecchia tavola da surf testimone di lunghe cavalcate sulle onde in California o come l’eccentrico menù del caffè Granola a Copenaghen, la foto scattata alla cisterna di vetro colorata a Dumbo, Brooklyn, dell’artista Tom Fruin, e le belle stampe che immortalano la piacevole solitudine sulla spiaggia di Margate nella contea del Kent in Inghilterra.