panorama della provincia di Terni

VACANZA NEL TERNANO, IL CUORE VIVO D’ITALIA

Scritto da Redazione on . Postato in Destinazioni

La provincia di Terni, una terra che ha ispirato scrittori, pittori e sognatori. Dove scoprire la ricca eredità dell’impero romano, meravigliosi spettacoli naturali e una delle cucine regionali più interessanti dell’intera penisola.

tn_TERNI 4

LA TERRA DELL’IMPERO

La provincia di Terni fu il primo territorio che i romani incontrarono espandendosi a nord. Così visitare Terni significa immergersi nella storia. Alla caduta dell’impero romano il territorio venne conquistato dai barbari che, a ondate successive, occuparono paesi e città. La necessità di fuggire alle invasioni portò la gente a rifugiarsi sulle alture, già abitate dalle antiche popolazioni. Per questo le colline sono disseminate da castelli, sistemi difensivi e torri di avvistamento. Il ponte di Augusto ne è un esempio superbo. È un ponte imponente, grandioso, costruito per collegare il monte Maggiore, dove sorge la città di Narnia, al monte Corviano.

Ponte di Augusto a Terni

La storia della provincia più antica d’Italia è anche una storia di profonda religiosità. La via Flaminia ha favorito la diffusione della spiritualità cristiana nel territorio. L’abbazia di San Cassiano a Narnia, posizionata proprio sul tracciato della via Flaminia, è un bell’esempio di un’architettura religiosa diffusa sull’intero territorio della provincia. Narnia è famosa anche e soprattutto per la sua città sotterranea, dove visitare una bella chiesa proto-romanica e la cella dei condannati, piena di graffiti che testimoniano le terribili condizioni fisiche e psicologiche in cui versavano le vittime del terribile Tribunale dell’Inquisizione, che operava proprio in città.

Un’altra bella città della provincia di Terni è Amelia, centro di grande interesse storico, totalmente circondato da mura megalitiche risalenti al VII secolo a.C. Da visitare ad Amelia la statua bronzea di Giulio Cesare, unica al mondo, conservata nel Museo Archeologico della città, oppure il piccolo teatro della città, opera del conte Stefano Cansacchi e Gian Antonio Selva, che dieci anni dopo costruiva il Teatro della Fenice di Venezia.

teatro di Amelia

LA TERRA DELL’ACQUA

L’acqua è la seconda protagonista di questo territorio selvaggio. Il fiume Nera, attraversa tutta l’Umbria prima di gettarsi nel Tevere. È proprio vicino a Terni che il fiume incontra il suo affluente, il Velino, che si getta nel Nera e forma la Cascata delle Marmore, la più alta d’Europa, 165 metri divisi in 3 salti. Uno spettacolo della natura che ha ammaliato uomini e donne di ogni epoca, tra cui Lord Byron, che ad essa dedicò alcuni dei suoi splendidi versi.

Vedere la Cascata delle Marmore

Bella la visuale dal belvedere degli innamorati, proprio sotto le acque della cascata. Dai belvedere inferiore e superiore si può ammirare la cascata da punti di vista diversi.

LA TERRA DELLA BUONA TAVOLA

Altro grande protagonista della provincia è il cibo. Tartufo, carne bovina, paste fatte in casa, pasticceria, norcineria e, soprattutto olio e vino. La strada dei vini Etrusco Romana attraversa le migliori cantine della provincia, con zone di produzione di ottimi vini D.O.C e I.G.T. Un percorso d’interesse non solo enogastronomico ma anche storico, archeologico, ambientale e artistico. Alla cantina della famiglia Zanchi, vignaioli da 3 generazioni, si trovano le etichette più rappresentative del territorio, dal Ciliegiolo al Grechetto o il Trebbiano, da degustare ammirando il bel panorama sulle colline umbre.

Enoteca Zanchi Amelia

Grandi sorprese nel territorio di Terni per gli amanti del tartufo. La provincia è, infatti, un’immensa tartufaia, in particolare nella Valnerina, area privilegiata per il tartufo nero. Tra le aziende agricole specializzate nella produzione di questo prelibato frutto della terra, spicca la Piermarini, azienda selezionata da Eataly per rappresentare la regione Umbria ad Expo 2015. Nel ristorante Piermarini s’impara tutto quel che c’è da sapere sul tartufo, dalla caccia con i cani al risultato finale, un delizioso piatto ti mostrono tutto il processo a qui il tartufo è sottomesso: dalla caccia con i cani al piatto finale.
IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

Come arrivare a Terni
In Auto
: L’autostrada del Sole è la strada obbligata sia per chi arriva da nord che da sud. Nel primo caso la direzione è Roma e l’uscita è Valdichiana, nel secondo si va in direzione Firenze e si esce a Orte.
Da Roma o dalle Marche si può prendere la strada statale 3 (Flaminia) che arriva a Terni per proseguire per Spoleto, Foligno fino all’Adriatico.
In Treno: Da Roma la principale linea ferroviaria è la Roma-Ancona. Da nord e da sud la soluzione più veloce si alta velocità: Italo e Frecciarossa fino a Roma e cambio treno nella Capitale.

Dove dormire a Terni
– Hotel de Paris: in centro città, proprio davanti alla stazione di treni. Ambiente elegante e tranquillo, è un ottimo punto di partenza per arrivare alle principale zone turistiche.
– Hotel Del Lago: leggermente fuori città, a 15 minuti delle Cascate delle Marmore, l’hotel offre una bellissima vista sul lago Piediluco.
Albergo Badia Alle Grazie: a pochi chilometri da Amelia si trova un ex monastero inserito in un contesto naturale incredibile. A disposizione degli ospiti wine bar, sala lettura, sala da biliardo, piscina e un ristorante di cucina tipica umbra.


Olga Garcia Camps

Tags: , ,