“My City”, in scena a Homi Fashion & Jewels, la nuova collezione di gioielli di Laura Visentin

“My City”, la nuova collezione di gioielli di Laura Visentin, in scena a Homi Fashion & Jewels

Scritto da Carlo Ingegno on . Postato in Agenda Moda

Laura Visentin presenta la sua nuova collezione di gioielli “My City” in occasione di Homi Fashion&Jewels a Milano dall’11 al 14 marzo 2022, presso l’inedita area espositiva Showroom Doralia.

Milano, Italia.

My City a Homi Fashion & Jewels

“My City”, protagonista a Homi Fashion & Jewels, la nuova collezione di gioielli di Laura Visentin e creazioni sono pezzi unici e tiratura limitata, realizzate in argento 925, quarzi, acciaio, acciaio brunito e molle di bronzo, elemento che caratterizza molte delle sue produzioni. L’Ispirazione  deriva dai principali capolavori custoditi nelle raccolte dei Musei Civici di Bassano del Grappa, che sono esposti nei saloni monumentali della pinacoteca o conservati nel prezioso Gabinetto dei Disegni e delle Stampe.

Orecchini: opere pittoriche

Gli orecchini Dürer sono ispirati alla corazza del “Rinoceronte” della xilografia originale di Albrecht Dürer eseguita nel 1515 conservata nel museo.

Gli orecchini Goccia e Emma, invece, rivisitano quelli indossati da Susanna nell’opera pittorica “Susanna e i Vecchioni” della nota artista Artemisia Gentileschi della prima metà del XVII secolo.

Bracciali e orecchini, ripropongono affascinanti elementi del passato

Il bracciale Quadrifoglio e gli orecchini Gingko si rifanno all’Erbario Parolini custodito nel Museo e acquisito nel corso dell’Ottocento, che raduna più di 13mila campioni botanici raccolti da Alberto Parolini e dai suoi collaboratori.

Gli Orecchini Canova ripropongono elementi del collier di camei creato da Antonio Canova, unico gioiello realizzato dallo scultore alle fine del Settecento.

Creazioni rigorosamente disegnate a mano

I gioielli firmati Laura Visentin sono ornamenti raffinati, di piccole dimensioni e dall’eleganza senza tempo. Le forme morbide, stondate e irregolari.

Tutte le creazioni sono disegnate e fatte a mano da Visentin e  dai suoi collaboratori in Italia.

L’autrice orafa vicentina è stata inoltre selezionata con il suo bracciale Ginkgo per la mostra  “#BEFREE: La libertà nel gioiello e nell’accessorio moda” curata dal Poli.Design e ospitata sempre all’interno dei padiglioni della manifestazione milanese.

Il bracciale Ginkgo è realizzato con la tecnica della fusione a cera persa in bronzo

Si tratta di un bracciale contrarie che esprime la libertà di indossare i preziosismi della natura e dedicato alla maestosità dell’albero di Ginkgo. Il Ginkgo Biloba è una pianta molto antica, le sue origini risalgono a 250 milioni di anni fa. È una pianta fragile e resistente, doppia e unica, semplice e complesso allo stesso tempo. Fondamentalmente libera. Lo spunto creativo per questa realizzazione è nato dalla casuale lettura di una intensa poesia di Johann Wolfgang von Goethe sul Ginkgo Biloba. Lo scrittore associa la pianta alla presa di coscienza della molteplicità in ognuno di noi, che a volte può anche essere complicata o dolorosa. Il bracciale Ginkgo è realizzato con la tecnica della fusione a cera persa in bronzo.

Per saperne di più su Laura Visentin Profile 

Laura Visentin è nata a Bassano del Grappa in provincia di Vicenza nel 1967. Vive e lavora a Rosà in provincia di Vicenza. Il suo percorso formativo  è  umanistico, con una grande passione per la letteratura e le arti. Si è laureata nel 1993 in Materie Letterarie presso l’Università degli Studi di Padova. L’interesse per il gioiello contemporaneo è sollecitato anche dal mondo scultoreo del padre, Gianni Visentin, le cui opere sono esposte nei principali musei del mondo e consegnate a illustri personalità tra cui Giovanni Paolo II, Ronald Reagan, George Bush, Michail Gorbaciov. Laura Visentin si è avvicinata al mondo del gioiello d’autore e contemporaneo stimolata dalla necessità di creare pezzi che potessero esprimere il suo carattere e la sua personalità, con i quali cercare di trascrivere le sensazioni del mondo che la circonda. L’imprenditorialità veneta le ha fatto scoprire il prodotto tecnologico-industriale delle molle, rivisitato in maniera inedita e diventato oggetto d’indagine, con finalità artistica e decorativa. Ha frequentato, negli anni, corsi di approfondimento delle tecniche base, di pigmento e di tessuto di metallo presso la Scuola di Gioiello Contemporaneo Alchimia di Firenze e presso lo Studio della designer Carla Riccoboni. L’oreficeria di ricerca rappresenta per lei l’essenza della creatività italiana, in cui trovano armonica sintesi gli aspetti legati all’enorme bagaglio storico della tradizione orafa e gli aspetti più innovativi e d’avanguardia legati al design e alla progettazione.

Le fotografie della collezione di Luara Visentin sono tutte di Sofia Fernandez Stenstrom

Carlo Ingegno

Nato a Napoli, si trasferisce per amore a Buenos Aires dove ci rimane per ben dodici anni. Qui la prima esperienza lavorativa, nell'editoriale Rizzoli, che aveva acquistato nella città tanto amata da Jorge Luis Borges una nota casa editrice. Negli anni ‘80 torna in Italia, a Milano, questa volta per lavoro in Rcs, dove si occupa di immagine e grafica. Inoltre viaggia, fotografa e scrive storie dal mondo con approccio esplorativo sempre attento ai dettagli. Oggi dirige Agenda Viaggi con un gruppo di persone molto speciali. Vive a Monza ma spesso si sposta a Verzimo, un paesino del XI sec. in provincia di Vercelli, in una casa piccola, soleggiata, per metà ristrutturata, un giardino incolto e mobili tutti diversi per epoche e stili, come la vecchia tavola da surf testimone di lunghe cavalcate sulle onde in California o come l'eccentrico menù del caffè Granola a Copenaghen, la foto scattata alla cisterna di vetro colorata da Dumbo, Brooklyn, dell'artista Tom Fruin, e le belle stampe che immortalano la piacevole solitudine sulla spiaggia di Margate nella contea del Kent in Inghilterra.