Parte da 3 al 6 luglio, la seconda edizione di Voices&Borders, il festival estivo di arti performative di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Tema di questa nuova edizione è: la trasformazione.

FONDAZIONE FELTRINELLI: AL VIA IL FESTIVAL ESTIVO DI ARTI PERFORMATIVE VOICE & BORDERS

Scritto da Anna Alemanno on . Postato in Appuntamenti, cinema

Parte da 3 al 6 luglio, la seconda edizione di Voices&Borders, il festival estivo di arti performative di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.  Tema di questa nuova edizione è: la trasformazione.

Milano, Italia.
Parte da 3 al 6 luglio, la seconda edizione di Voices&Borders, il festival estivo di arti performative di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Tema di questa nuova edizione è: la trasformazione.

Un eclettico programma – fra teatro, danza, musica e video a cura di giovani talenti della scena indipendente di Palermo – Maziar Firouzi e Quartiatri; un gruppo musicale internazionale Moussa Sanou e Yiriba-Lilli; due esponenti del mondo della danza contemporanea sperimentale; Davide Camplani della compagnia berlinese Sasha Waltz&Guests e Compagnia NUT; due musicisti partenopei Antonio Raia e Renato Fiorito,  accompagnati dai disegni in tempo reale di Cyop&Kaf.

Ogni giorno laboratori aperti a tutti e spettacoli serali, in una festa aperta alla città che conclude la seconda Stagione pubblica di Fondazione Feltrinelli. Nelle giornate del festival, gli spazi di Fondazione Feltrinelli si trasformano con l’intervento di Noura Tafeche, artista e illustratrice, che diffonderà messaggi di incoraggiamento al cambiamento e alla ribellione, attraverso le sue installazioni. Esposte negli stessi giorni anche le opere degli street artist Kool Koor, KayOne e Nais realizzate appositamente per la Fondazione lo scorso maggio.

Mercoledì 3 luglio è la giornata dedicata al teatro. Maziar Firouzi, giovane artista italoiraniano, e Quartiatri la compagnia teatrale della scena indipendente di Palermo, vincitrice del Premio #lacittàlaboratorio2017 si esibiscono in laboratori e spettacoli ripensati per Fondazione Feltrinelli. Giovedì 4 luglio Moussa Sanou e Yiriba-Lilli gruppo musicale internazionale si esibisce in un concerto dedicato alla forza della tradizione e della cultura come fondamento per un viaggio musicale. Venerdì 5 luglio l’appuntamento dedicato alla danza con Davide Camplani della compagnia berlinese Sasha Waltz&Guests e Compagnia NUT e a conclusione del festival, sabato 6 luglio, la giornata sarà dedicata alla relazione fra musica e immagini con due musicisti partenopei Antonio Raia e Renato Fiorito, accompagnati dai disegni in tempo reale dei due street artisti napoletani Cyop&Kaf.

Parte da 3 al 6 luglio, la seconda edizione di Voices&Borders, il festival estivo di arti performative di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.  Tema di questa nuova edizione è: la trasformazione.

PROGRAMMA

Mercoledì 3 luglio
La trasformazione di sè
Dalle 17.30 alle 20.00
Laboratorio di teatro
La Convenzione del potere. Esperimento 1,2,3
Con Maziar Firouzi

Un workshop di ricerca teatrale dedicato alla riscoperta dell’identità: attraverso un approccio giocoso al metodo teatrale, con la voce e con il corpo, si sperimenta lo svelamento dei meccanismi autoritari. Con l’idea e il coraggio di essere cittadini che agiscono il cambiamento e comprendono il sottile gioco del potere. Durata: 150’

Ore 21.30
Spettacolo/Teatro
ELLE life show
Una produzione di Quartiatri

Premio #cittalaboratorio 2017, con il sostegno di Comune di Palermo, Teatro Biondo di Palermo, Orestiadi di Gibellina e in collaborazione con Spazio Franco. Drammaturgia e regia Dario Muratore. Con Dario Mangiaracina, Chiara Muscato, Marcella Vaccarino, Gisella Vitrano. Musiche Dario Mangiaracina. Luci Francesco Vitaliti

Una giovane cantante sogna di “sfondare” nel mondo della musica e si affida senza remore ad un produttore e al suo entourage. Ciò che l’aspetta è la creazione di un disco, la preparazione di un live. L’imperativo: essere all’altezza delle aspettative. Ma quando il sogno prende forma ecco emergere l’inquietante presentimento di una vita condizionata e il dubbio che quel successo non rappresenti davvero la dimora del suo talento, ma piuttosto una torre che la tiene prigioniera. Un life show costruito a doppio binario tra il testo teatrale La chiave dell’ascensore di Àgota Kristóf e una drammaturgia originale sui rapporti di potere e l’incontro con l’Altro. Durata: 50’.


Giovedì 4 luglio
La trasformazione dei sensi
Dalle 18.30 alle 20.00
Laboratorio di percussioni
GNOGONBEN. L’incontro
Con Moussa Sanou

Un laboratorio di percussioni africane per risvegliare la sensibilità musicale attraverso il gioco. Gnogomben che nella tradizione orale africana significa Incontro, è un’esperienza coinvolgente alla scoperta di suoni e rumori per risvegliare la creatività e l’ascolto e riappropriarsi del sé in una dimensione di gioia, divertimento e socialità consapevole.
Durata: 90’

Ore 21.30
Concerto
YRIBA – LILLI
Con Moussa Sanou & gruppo Yiriba-Lilli
Moussa Sanou – voce leader/kora/n’goni/percussioni

Kalifa Kone – batteria
Cherif Soumano – kora
Loredana Potenza – voce/danza
Moussa Ndao – djembè/doum
Cristian Atzori – bass

Un concerto che celebra la forza della tradizione e della cultura come fondamenta per un viaggio musicale. Il gruppo Yiriba-Lilli è frutto del talento musicale di Moussa Sanou, musicista, cantante, compositore e polistrumentista e della sua ricerca di connessioni musicali diverse e originali. Durata: 90’

Venerdì 5 luglio
La trasformazione dei corpi
Dalle 17.00 alle 20.00
Laboratorio di danza
From your Back
Con Davide Camplani
in collaborazione con Laura Aimo

Un workshop per sperimentare il potere della cura di sé e dell’altro attraverso la danza. Un insieme di pratiche semplici per “guardarsi alle spalle” e accorgersi di risorse e possibilità inesplorate del corpo, dello spazio, del gruppo. Gesti e silenzi per avvertire cosa sta dietro a ciò che solitamente vediamo, pensiamo, agiamo, per fare esperienza del potere creativo che scaturisce dall’incontro con l’altro.

Ore 21.30
Spettacolo/danza
SLEEP + INTERNAL FLIGHT
Una produzione Compagnia NUT
Internal Flight
Coreografie: Barbara Geiger
Con: Aurora Bassi, Claudia Gambino, Francesco Meola, Edoardo Mozzanega, Franco Reffo 
Musiche: Einstuerzende Neubauten, Nils Frahm, A Filetta, Arvo Part, Estas Tonne 

Sleep
Coreografie: Barbara Geiger
Con: Barbara Geiger, Claudia Gambino, Francesco Meola, Edoardo Mozzanega. Musiche: Max Richter 

Due performances di danza per quattro interpreti nata dall’evoluzione di un frammento della precedente produzione della compagnia, YES! Nei due momenti coreografici si ricerca l’armonia fra la parte femminile e la parte maschile, in un’evoluzione priva di antagonismo, alla ricerca di una comunicazione possibile. Scoprendo che le due dimensioni scorrono parallele, in una corsa comune verso la stessa meta. Durata 50’

Sabato 6 luglio
La trasformazione dei luoghi
Dalle 18.00 alle 20.00
Laboratorio di suoni e immagini
Con Antonio Raia, Renato Fiorito, Cyop&Kaf

Un laboratorio di approfondimento con i giovani protagonisti dell’ultima serata del festival che si raccontano e svelano alcune possibili tecniche di realizzazione di una performance costruita sulla relazione tra immagine e suono. Ai partecipanti che porteranno con sé strumenti musicali o supporti grafici, verrà inoltre data la possibilità di interagire con gli artisti improvvisando canovacci di composizione musicale e disegno dal vivo. Durata: 120’

Ore 21.30
Spettacolo/live sound – visual
Asylum
Con Antonio Raia, sax tenore, Renato Fiorito, elettronica, Cyop&Kaf, immagini live

Il sassofonista Antonio Raia e il compositore elettroacustico Renato Fiorito creano insieme una partitura dal vivo arricchita dai disegni in tempo reale di Cyop&Kaf, artisti visivi che vantano opere di street art, libri d’arte e documentari per il grande schermo.

Lo spettacolo di chiusura di Voices&Borders, Asylum – da Asilo Filangieri, l’ex orfanatrofio napoletano in cui gli artisti hanno lavorato –  trasporta il pubblico in una nuova visione del suono e dello spazio, raccontando con note, immagini e segni, la bellezza struggente della città di Napoli.
Durata 60’.

Info e biglietti: www.fondazionefeltrinelli.it

Foto Credits: Claudio Kamel ELLE LIFE Show.

Anna Alemanno

Anna Alemanno

Reggina di nascita, palermitana d'adozione e milanese per scelta, ho studiato Lettere Moderne a Firenze.Giornalista professionista, sono appassionata d'arte, fotografia, cinema e viaggi. Quando posso prendo il  mio zaino e vado in giro per l'Europa. La mia città dell'anima è Parigi, dove ho vissuto per un anno. Mi piace pensare che esista un posto nel mondo che racchiuda tutte le mille sfaccettature di me. Ma lo sto ancora cercando. Autrice del blog alamerciduvoyageblog.com anna@agendaviaggi.com