10 BELLEZZE DI SAN PIETROBURGO

Scritto da Beatrice Caldovino on . Postato in TopTen

Per un viaggio alla scoperta di San Pietroburgo bisogna sapere che il periodo migliore per andarci è quello delle suggestive notti bianche, dalla fine di maggio all’inizio di luglio.

San Pietroburgo, Russia.
Nelle notti bianche la città è al massimo del suo splendore e nel solstizio d’estate del 21 giugno il crepuscolo non lascia mai spazio all’oscurità della notte. Le strade prendono vita, è il periodo giusto per visitare le dieci bellezze di questa affascinate ed elegante città russa.

1. NOTTI BIANCHE
Le lunghe notti bianche creano un’atmosfera romantica e così anche San Pietroburgo diventa, almeno per una stagione l’anno, la città degli innamorati. Nel centro di San Pietroburgo sono tante le occasione di incontrare sposini felici che fanno foto ricordo vicino ai monumenti, sul fiume e nei parchi. Succede così che chi visita San Pietroburgo, in particolare durante il periodo delle notti bianche, tra amori, abbracci e carezze, finisce col rimanere innamorato di questa città per sempre!

1-Notti-Bianche-a-san-pietroburgo-700

2. SI ALZANO I PONTI SULLA NEVA
I motoscafi, le barche e le motonavi animano normalmente le arterie acquatiche di San Pietroburgo, ma durante le notti bianche i ponti si alzano per lasciare libera la navigazione sulla Neva. Un giro in barca diventa così un’esperienza sorprendente, poiché ci si rende conto di come, in pochi metri, cambi completamente la prospettiva e si può ammirare la città da un punto di vista esclusivo. Le architetture particolari e le suggestive illuminazioni dei giganteschi ponti aperti sono uno spettacolo imperdibile. I ponti si alzano tutte le notti diverse ore per consentire il passaggio di enormi navi da carico che risalgono il fiume verso l’entroterra russo.

2-Notti-bianche-a-sanpietroburgo-Ponti-700

3. MUSEO DELL’ERMITAGE – PALAZZO D’INVERNO
L’ Ermitage fu la residenza degli zar per oltre due secoli, fino alla rivoluzione d’ottobre quando diventò definitivamente un museo di proprietà dello Stato. Per la sua grandezza e per i 3 milioni di opere che custodisce, realizzate tra l’Età della pietra ed il XX secolo, è considerato uno dei musei più prestigiosi al mondo. La storia del museo – composto da diversi edifici, il più famoso dei quali è sicuramente il Palazzo d’Inverno – ebbe inizio nel 1764 quando l’imperatrice Caterina la Grande acquistò una considerevole collezione di dipinti dell’Europa occidentale, ponendo le basi di quello che sarebbe poi diventato il simbolo della capitale del nord, meta degli appassionati di arte di tutto il mondo. Dopo secoli di raccolta, l’Ermitage vanta oggi la più grande e probabilmente più importante collezione di dipinti al mondo, inclusi capolavori di Caravaggio, Raffaello, Leonardo da Vinci, Rembrandt, Rubens, Van Gogh, Matisse, Renoir, Cezanne e Picasso.

3-Ermitage-notti-bianche-san-pietroburgo-700

4. NEVSKJ PROSPEKT
La Nevskj Prospekt, l’arteria principale della città lunga quasi 5 chilometri, è fiancheggiata da splendidi palazzi e impreziosita da chiese, teatri, negozi storici, ponti e bellissime piazze: un luogo vivace, animato in qualsiasi ora, molto frequentato dagli abitanti per i suoi caffè, ristoranti e cinema, e dai turisti trattandosi di un vero e proprio museo a cielo aperto.

4-Nevskj-Prospekt-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

5. CHIESA DEL SALVATORE SUL SANGUE VERSATO
La famosa Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato – chiamata così perché eretta sul luogo dove fu assassinato lo Zar Alessandro II nel 1881 – può essere considerato uno dei simboli di San Pietroburgo. Grazie alla fantasiosa scelta dei diversi materiali di costruzione, ha un aspetto inconfondibile e particolarmente vistoso, anche all’interno dove si è completamente circondati da preziosissimi mosaici.

5-Chiesa-Sangue-Versato-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

6. CATTEDRALE DI SANT’ISACCO
La Cattedrale di Sant’Isacco è una delle più imponenti chiese costruite dagli zar, voluta da Alessandro I e ispirata alla Basilica di San Pietro a Roma e alla Cattedrale di Saint Paul a Londra. La sua cupola dorata è visibile da molti punti della città e costituisce uno dei monumenti più affascinanti dell’arte russa e dell’architettura neo-classica del XIX secolo. L’interno sontuoso di oro, marmi, bronzi, malachite e lapislazzuli, occupa una superficie di 4.000 mq e può accogliere 14.000 persone. E’ possibile salire sulla cupola per ammirare il panorama della città, particolarmente suggestivo al tramonto.

6-Chiesa-Isacco-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

7. FORTEZZA DI PIETRO E PAOLO
Oltrepassando la porta della Neva si percorre lo stesso tragitto dei prigionieri che, prima della Rivoluzione del 1917, vi erano trasportati perché oppositori del regime zarista, per la condanna ai lavori forzati o per la pena capitale. Qui venne posta la prima pietra della città e nella chiesa, dalla acuminata e altissima cupola dorata, sono ancora sepolti tutti gli Zar a partire da Pietro il Grande.

7-Fortezza-SS-Pietro-e-Paolo-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

8. CAMERA D’AMBRA – TSARSKOYE SELO
A 25 km da San Pietroburgo e circondato da uno splendido parco, il Palazzo di Caterina a Tsarskoye Selo è un imponente palazzo neoclassico che custodisce la famosa camera d’ambra. Si tratta di una stanza, un tempo adibita a studio, le cui pareti sono ricoperte con mosaici di ambra con sfumature diverse. La camera d’ambra fu realizzata, su incarico di Elisabetta Petrovna, dall’architetto italiano Francesco Bartolomeo Rastrelli. Durante la seconda guerra mondiale dei pannelli originali si perse ogni traccia, perciò nel 1979 il governo sovietico prese la decisione di ricreare la camera secondo il modello originale. La camera d’ambra è stata aperta al pubblico nel 2003, in occasione del trecentesimo anniversario della fondazione della città di San Pietroburgo, dopo 24 anni di lavoro, 11 milioni di dollari e 6 tonnellate d’ambra, e ogni anno aumenta il numero di turisti che vanno a visitarla.

8-Camera-dAmbra-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

9. IL COMPLESSO DI PETERHOF
La reggia di Peterhof simboleggia il trionfo degli zar, con il suo maestoso affaccio sul Baltico e immersa in un enorme parco. Inaugurata nel 1723 e ampliata nel 1750 era, ma solo d’estate, il centro della vita imperiale: l’edificio è imponente e manifesta tutta la sua grandezza con il lussureggiante parco costellato di sfolgoranti statue dorate, fastosi giardini alla francese, 150 fontane con giochi d’acqua di ogni forma e dimensione e, come se non bastasse, 4 cascate. La più famosa è la Grande Cascata, proprio davanti al palazzo, che fra ben 255 statue dorate e più di 100 getti d’acqua dà origine al canale marittimo lungo 400 metri che congiunge il palazzo al mare. All’interno è ricco e sfarzoso: decorazioni in oro, soffitti affrescati, porcellane, sete preziose e specchi traboccano letteralmente dalle sue 27 sale, tra cui spiccano per la loro magnificenza la sala da ballo e la sala del trono.

9-Peterhof-notti-bianche-a-san-pietroburgo-700

10. COSA MANGIARE
Nonostante ci troviamo in estate, la temperatura, soprattutto di sera, non è particolarmente alta, quindi per cena non è una cattiva idea cominciare con una buona zuppa calda. La più popolare e famosa è la boršč preparata in un brodo di carne o di pollo, che comprende barbabietole, carote, patate, cavoli e altre verdure, generalmente servita con panna fresca. Altrettanto nutriente è la solyanka, fatta con diversi tipi di carne, cetrioli sott’aceto, olive, pepe e spezie. Per proseguire si può optare per un buon “pelmeni”, pasta fresca con ripieno di carne macinata, servita con diverse salse, e i “golubtsi”, palline di carne macinata speziata e riso, avvolte in foglie di cavolo e stufate in salsa di pomodoro con prugne, ortaggi e spezie. Per concludere in bellezza, come dolce non possono mancare i “pirožki” ripieni di marmellata di albicocche o ai frutti di bosco e i “syrniki”, focaccine di ricotta, zucchero, uova e farina servite con marmellata o miele… il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vodka! Alla fine di questo viaggio, non si potrà non essere sopraffatti dalla meraviglia, a cui si aggiungono il sollievo e la gratitudine, perché, nonostante le avversità della storia e le innumerevoli sofferenze, San Pietroburgo conserva ancora intatte le testimonianze del suo glorioso passato ed è proiettata verso un luminoso futuro.

zuppa-san-pietroburgo

TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

DOCUMENTI E VISTI
Per visitare San Pietroburgo è necessario, oltre al passaporto valido per almeno 6 mesi, il visto d’ingresso che può essere turistico, di lavoro o solo di transito. Il visto viene rilasciato dalle ambasciate e/o dai consolati russi pagando meno di 40€. E’ necessario, inoltre, ricevere un invito formale da parte delle autorità governative ed un voucher da richiedere alle agenzie di viaggio o all’hotel al momento della prenotazione.

Per info: roma.mid.ru/web/roma_it/consolati-russi-in-italia

COME ARRIVARE A SAN PIETROBURGO

IN AEREO
San Pietroburgo è comodamente raggiungibile dagli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia. I voli internazionali atterrano al terminal 2 dell’aeroporto di Pulkovo, a circa 20 chilometri dal centro di San Pietroburgo.
I collegamenti da e per l’aeroporto al centro di San Pietroburgo o per la stazione ferroviaria di San Pietroburgo-Baltijskj sono garantiti con diversi autobus di linea. Altrimenti un taxi che, con circa 600 rubli, impiegherete circa 20 minuti.

IN TRENO
Raggiungere San Pietroburgo in treno è un’esperienza davvero interessante e divertente. Dalla Finlandia, la Germania, e tutte le ex repubbliche dell’Unione Sovietica, vi sono collegamenti ferroviari diretti che, con poche ore, vi condurranno alla stazione di San Pietroburgo Vitebski. Da Mosca è disponibile il treno veloce Sapsan con un tragitto di meno 4 ore.

DOVE DORMIRE
C’è una vasta gamma di strutture alberghiere dove alloggiare: dagli hotel ospitati in casermoni in splendido stile sovietico fino ai grandi alberghi a cinque stelle. Inoltre in città si trovano numerosi ostelli della gioventù, solitamente ospitati al primo piano di piccoli edifici.

Un albergo per tutti i gusti
Oottima posizione centralissima tra lusso e servizi eccelsi TheHermitage.ru
Abbastanza centrale, offre un buon confronto qualità/prezzo Ligotel.com

DOVE MANGIARE
Per mangiare bene, spendendo il giusto… ecco alcune idee per gustare dei buoni piatti tipici: SeveryaninTepleRestaurantGogol

Beatrice Caldovino
beatrice@agendaviaggi.com

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Nata a Frascati, deliziosa cittadina dei Castelli Romani dove è inevitabile lasciarsi incantare dalla cultura, dall’arte e dalla buona cucina. Ama viaggiare alla scoperta di cose sempre nuove, da raccontare con le parole e con le immagini. E’ felicemente sposata e impegnata nel volontariato (ma le due cose non sono collegate). Adora andare per mercatini dell’antiquariato con la speranza, spesso vana, di scovare qualche tesoro nascosto. L’unica cosa di cui si sorprende è di potersi ancora sorprendere.