Arriva la Rimbamband: un’esplosione di risate

Scritto da Alfredo Verdicchio on . Postato in Appuntamenti, cinema

Rimbamband: irresistibile mix di musica, mimo, clown e fantasia teatrale. Dal 12 al 17 dicembre 2017 al Teatro Leonardo di Milano.

 

Milano.Italia
Sono cantanti? Sì. Sono attori? Sì! Sono mimi? Anche! Ma sono anche comici? Certo, fanno ridere tantissimo! Sono musicisti? Sì e anche di ottimo livello!
Ma, alla fine, cosa sono? Sono i Rimbamband. Un nome che è tutto un programma e che già contiene l’essenza comica di un gruppo composto da cinque di ragazzacci che con i loro spettacoli da anni fanno ridere intere platee in tutta la penisola creando dei veri e propri “hellzapoppin” dove tutto sembra casuale ma è frutto di un enorme lavoro, impegno e ferrea disciplina.
La Rimbamband è composta da  Raffello Tullo (frontman, vocalist), Renato Ciardo (batterista), Vittorio Bruno (contrabbassista), Nicolò Pantaleo(Pianista) e Francesco Pagliarulo (Pianista). Insieme sul palco creano un mix assolutamente coinvolgente fatto di  musica, parodie, tip tap, fantasie teatrali, rumorismo, il tutto shakerato per un risultato esilarante e coinvolgente
Adesso anche per la Rimbamband è arrivato il momento del Best of, il loro nuovo spettacolo che si intitola infatti The very best of Rimbamband, partirà oggi 12 dicembre dal teatro Leonardo di Milano dove rimarrà in cartellone fino al 17 dicembre e proporrà il meglio del meglio dei loro spettacoli precedenti. Inutile quasi dire che  per gli spettatori si tratta di affrontare un vero e proprio tour de force della risata. Milano è anche la prima tappa del The very best of RIMBAMBAND Tour che si concluderà il prossimo 10 aprile.
Una capacità non comune, quella di questo gruppo, di sorprendere e spiazzare con gag a getto continuo e un susseguirsi di colpi di scena per un insieme davvero comico, emozionante, sorprendente.  E’ un caos frizzante  che funziona come un orologio svizzero, una sincronia impressionante con perfezione assoluta dei tempi comici e teatrali che raramente capita di ammirare.
«Quando ci chiedevano cosa fosse la Rimbamband,  eravamo sempre un po’ in difficoltà» hanno raccontato i ragazzi del gruppo  dovete crederci. Ed allora cercavamo di spiegare, di dare delle definizioni come “raccontare la musica nel suo aspetto più folle e surreale” ad esempio…poi però ci siamo accorti che le definizioni, così asettiche, non ci davano soddisfazione. Mancava qualcosa, poi l’abbiamo capito:  mancava l’anima. L’anima, quella che non puoi tenere a bada, quella che supera la timidezza e ti fa venire voglia di giocare, di ballare qualunque cosa, anche il tip tap. Ecco fare le cose con l’anima e la passione. Giocare alla vita e raccontarla giocando..forse è questa la chiave giusta per capire cos’è la Rimbamband».
Si riderà, come al solito, a getto continuo. Imperdibili.

 

The very best of RIMBAMBAND

Teatro Leonardo (via Ampère 1, ang. p,za Leonardo da Vinci- Milano)

dal 12 al 17 dicembre

da martedì a sabato ore 20,30-Domenica ore 16,30

 

Il The very best of RIMBAMBAND tour

31 dicembre – Lodi – Teatro alle Vigne
8 febbraio – Assisi – Teatro Lirick
9 febbraio – Urbania (PU) – Teatro Bramante
16 febbraio – San Giovanni in Persiceto (BO) – Cineteatro G. Fanin
17 febbraio – Bologna – Teatro Dehon
dal 1 marzo al 4 marzo – Firenze – Teatro Rifredi
8 marzo – Alba (CN) – Teatro Sociale
5 aprile – Certaldo (FI) – Multisala Boccaccio
6  aprile – Copparo (FE) – Teatro De Micheli
9 aprile – Manerbio (BS) – Politeama
10 aprile – Edolo (BS) – Teatro San Giovanni Bosco

 

Alfredo Verdicchio

Alfredo Verdicchio

Alfredo Verdicchio

Convinto che, come diceva John Lennon «La vita è ciò che ti succede mentre sei impegnato a fare altri progetti» Alfredo Verdicchio, romano, ma ormai milanese d’adozione, è un giornalista professionista con una vasta esperienza che lo ha visto anche dirigere alcuni giornali per ragazzi. Si è occupato di musica, cinema e televisione. E’ amante della buona cucina e della “sana lentezza”. Il viaggio per lui non si misura in termini di chilometri percorsi, magari in sella alla sua passione: un Harley rossa, ma in termini di sensazioni provate, di esperienze vissute, come ad esempio degustando un piatto particolare e scoprirne la storia, o magari centellinando un buon vino, oppure cogliere un nuovo aspetto della propria città. Perché tutto, alla fine, diventa viaggio a partire dalla nostra vita…