Sette gruppi, con circa 500 figuranti, ha sfilato ripercorrendo la visita della Santa e la riappacificazione delle famiglie ad opera del Beato Jacopo da Varagine.

A Varazze, in corteo le sacre rappresentazioni

Scritto da Redazione on . Postato in Appuntamenti, Cultura

A Varazze in corteo le Sacre rappresentazioni

Sette gruppi, con circa 500 figuranti, ha sfilato ripercorrendo la visita della Santa e la riappacificazione delle famiglie ad opera del Beato Jacopo da Varagine.

Varazze (SV), Italia.
Tre giorni di festeggiamenti a Varazze (Sv) in onore della Patrona Santa Caterina, che nel 1376 aveva liberato gli abitanti da un’epidemia di peste. Ella ritornando da Avignone, dove si era recata per sollecitare il rientro del Papa a Roma, sostò a Varazze per onorare la patria del Beato Jacopo, Vescovo di Genova ed autore della “Legenda aurea“. Commossa dall’ospitalità e dalle sofferenze della popolazione per il flagello, implorò e ottenne che Dio ponesse termine alla terribile epidemia. Un corteo storico, formato da sette gruppi, per un totale di circa 500 figuranti, ha sfilato ripercorrendo la visita della Santa e la riappacificazione delle famiglie ad opera del Beato Jacopo da Varagine.

Gli ultimi due gruppi hanno messo in scena il miracolo e il voto dei varazzini che eressero un santuario dedicato a Caterina. Il giorno successivo al corteo storico le confraternite, dalla chiesetta di San Nazario recano l’omaggio floreale alla statua nel porto, facendo benedire la città; un concerto della Banda Cardinal Cagliero chiude la giornata in maniera spensierata. La festa raggiunge il culmine nel terzo giorno, con una Messa nella chiesa principale di Sant Ambrogio, presieduta dal vescovo Calogero Marino e la solenne processione verso il santuario di Santa Caterina per sciogliere il voto. Il tradizionale corteo storico è organizzato dalla Associazione culturale sacre rappresentazioni di Caterina da Siena.
Testo e foto Giuseppina Serafino