A passeggio nella storia con i Lego

A passeggio nella storia con i Lego

Scritto da Stefania Mezzetti on . Postato in Cultura, Famiglia, Weekend

PIAZZA VENEZIA, LA PIAZZA PIÙ CELEBRE DI ROMA, DA SEMPRE HA RAPPRESENTATO IL CUORE DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA SUA STORIA: DAI FASTI CARNEVALESCHI ALLE CORSE DEI CAVALLI BERBERI, FINO ALLE ADUNATE CHE VI SI TENEVANO DURANTE IL VENTENNIO FASCISTA.

Roma, Italia.
Ognuno dei palazzi che la circonda racconta la storia della capitale. Abbracciata dal Monumento a Vittorio Emanuele II, soprannominato ironicamente “la macchina da scrivere” è posta a termine dell’asse viario del Corso. Una volta, questo era il luogo dove si trovava il traguardo della celebre corsa dei berberi, cavalli senza fantino che, partendo da piazza del Popolo sfrecciavano su via del Corso fino ad essere frenati dagli addetti con lunghi lenzuoli, evento clou del celebre Carnevale romano. La piazza deve il nome al palazzo che il cardinale di Venezia fece costruire per ospitare i cardinali titolari della basilica di San Marco. Trasformatosi nel tempo, il palazzo si arricchì di una torre e di un grande cortile e divenne sede degli ambasciatori della Serenissima. Col trattato di Campoformio il palazzo passò sotto l’impero asburgico fino alla restituzione allo stato italiano nel 1924, divenendo poi sede del Gran Consiglio Fascista. Nella Sala del Mappamondo, famoso per ospitare lo studio di Mussolini, dal balcone esterno il Duce teneva i suoi famosi discorsi alla folla che inondava la piazza, celebre la dichiarazione di guerra del 10 giugno 1940. Di rimpetto il maestoso Palazzo delle Assicurazioni Generali, costruito prendendo a modello le proporzioni rinascimentali della piazza. Il leone alato incastonato nella facciata, fa coppia con quello del Palazzo Venezia su via del Plebiscito.

All’angolo con la via del Corso si trova il palazzo Bonaparte, un’opera che risale a fine Seicento. Noto soprattutto per aver ospitato la madre di Napoleone, Madama Letizia Romolino Bonaparte che vi trascorse i suoi ultimi anni, spesso seduta dietro il balcone coperto d’angolo, ad osservare il passaggio dei romani. Il Palazzo, nuovo polo culturale nella capitale, ospita importanti esposizioni e mostre come quella attualmente in corso, I Love Lego, tutta dedicata ai bambini ma molto appassionante anche per gli adulti.

Nello spazio Generali Valore Cultura, si susseguono in un gioco di colori e prospettive, spettacolari diorami e creazioni artistiche, scenari minuziosamente riprodotti e ambienti realizzati in decine di metri quadrati con i mattoncini più famosi del mondo. In scala ridotta dettagliatissime riproduzioni di fantastici mondi: dalla frenesia della città contemporanea alle avventure leggendarie dei pirati; dai paesaggi medievali agli splendori dell’Antica Roma in una riproduzione fedelissima del Foro di Augusto; dalla conquista dello spazio, alla suggestiva riproduzione di un paesaggio artico per arrivare al sorprendente scenario della Liberazione.

Una mostra dinamica che coinvolge con una “caccia al personaggio”, tra edifici e palazzi, tra galeoni e templi alla ricerca dei personaggi famosi nascosti all’interno delle installazioni. Harry Potter, Dart Fener e gli ospiti a sorpresa sono inseriti nelle costruzioni che accompagnano nella visita tutti coloro che vogliono divertirsi a scovarli tra i mattoncini.

Ad affiancare l’esposizione sono state realizzate diverse tele ispirate a grandi capolavori della storia dell’arte reinterpretati e trasformati in “uomini lego” dal giovane artista romano Stefano Bolcato. La mostra I LOVE LEGO è popolata da ben 4.100 “minifigure”, tutti personaggi che dalla loro prima comparsa nel 1978, abitano i meravigliosi mondi Lego, dal primo poliziotto, al primo pompiere e poi il primo astronauta ed il primo cavaliere. Il Guinness dei primati da sempre si dedica anche al mondo Lego e ad oggi il record di personaggi, appartenenti a una collezione privata, è di 3.310.

L’esposizione vanta l’eccezionale partnership con “Legolize”, pagina umoristica che crea installazioni comiche utilizzando proprio i LEGO, una nota di comicità all’interno della mostra, un’incursione originale fra i diorami in mostra a Palazzo Bonaparte.

Info:
I LOVE LEGO
Palazzo Bonaparte, Spazio Generali Valore Cultura
Piazza Venezia, 5 (angolo Via del Corso) 00186 Roma
Fino al19 aprile 2020
www.mostrepalazzobonaparte.it

Stefania Mezzetti

Stefania Mezzetti

Una vita in viaggio, un destino che mi vede sempre con le valige pronte. Ho vissuto parecchi anni della mia gioventù all’estero, grazie a mio padre che con il suo lavoro mi ha fatto girare il mondo. La mia esperienza di viaggiatrice si è consolidata negli anni con reportage e servizi da tutto il mondo, spesso a bordo di un treno che mi accompagnava alla scoperta di paesaggi e località incredibilmente affascinanti. La mia specializzazione nella stampa turistica è attestata dal GIST (gruppo italiano stampa turistica) e dai tanti articoli che scrivo in collaborazione con testate del settore.