A Bra Cheese 2017, la festa del formaggio naturale

Scritto da Alfredo Verdicchio on . Postato in Appuntamenti, Food&Drink

varie_FrancescaCirilli-12
Da vent’anni “Cheese”, ogni biennio, raduna a Bra, in un evento eccezionale, produttori caseari da tutto il mondo.


Bra, Italia.

Tutto il cacio minuto per minuto!
No, non abbiamo fatto un un errore, non c’è alcun refuso, è solo il titolo che potremmo dare a Cheese 2017 dal 15 al 18 settembre, che da vent’anni, ogni biennio, raduna a Bra, in un evento eccezionale, produttori caseari da tutto il mondo. Appuntamento irrinunciabile per buongustai e esperti del settore. «Sbaglia chi pensa che Cheese2017 sia solo una kermesse di formaggi ha dichiarato» Carlo Petrini, fondatore di Slow Food Italia che ha un ruolo fondamentale in questa iniziativa- «chi pensasse una cosa del genere farebbe bene a non venire. Cheese è una battaglia, la battaglia di quelli che credono e mettono in pratica un’ economia diversa che non esclude ma distribuisce ricchezza ed è inclusiva» .

Un avvertimento importante che detta la linea di quest’anno. Si tutela il latte e le eccellenze che con il latte si producono. Ed è qui che si concretizza una delle battaglie storiche di Slow Food : la produzione di formaggi a latte crudo. Non a caso quest’anno sono stati ammessi solo espositori che per i loro formaggi non usano latte pastorizzato. Una modalità che appartiene solo a realtà di piccole dimensioni che hanno il controllo totale sulla propria filiera di produzione al contrario delle grandi multinazionali del settore caseario. Piccole aziende da tutelare incoraggiare

varie_FrancescaCirilli-3
IL MERCATO DEI FORMAGGI

Tappa fondamentale, se andate a Cheese 2017 ,è la visita al mercato dei formaggi che quest’anno come già detto, per la prima volta presenta solo formaggi a latte crudo. Nella centrale Piazza Carlo Alberto potrete vedere e degustare i prodotti caseari italiani mentre in via Audisio potrete declinare il termine formaggio in tante lingue diverse. Qui infatti avrete la non comune possibilità di assaggiare i prodotti caseari provenienti da diversi paesi come l’Inghilterra, la Francia, la Germania e la Svizzera. I formaggi spagnoli poi, avranno un’esposizione ancora piu ampia, mai registrata: ben 12 bancarelle che stanno significare l’importanza crescente del movimento caseario iberico nel mondo,

Dopo tanti assaggi a deliziarvi il palato ci vuole un vino all’altezza ed ecco che, sempre al mercato di piazza Carlo Alberto troverete il Consorzio Alta Langa, Official Sparkling Wine della manifestazione.
Ma non finisce qui! Sempre a Bra in via Marconi e in via Principi di Piemonte potrete incontrare i Presìdi si tratta di 48 presìdi italiani e 11 internazionali. E’ un progetto con il quale Slow Food tutela tecniche tradizionali, razze autoctone, prodotti artigianali e paesaggi rurali. Tanto per darvi un’idea, tra questi troverete il Trentingrana di Alpeggio, il Pecorino a latte crudo della Maremma, l’abruzzese pecorino di Farindola o magari il Boeren Leyden tradizionale olandese.

varie_1 Francesca Cirilli

Il Mercato apre i battenti tutti i giorni alle 10, e fino alle 20,30 è possibile assaggiare e acquistare non solo formaggi a latte crudo ma anche aceti, mieli, mostarde, pani, confetture e tanto altro ancora.

Info:  http://cheese.slowfood.it/


Alfredo Verdicchio

Alfredo Verdicchio

Alfredo Verdicchio

Convinto che, come diceva John Lennon «La vita è ciò che ti succede mentre sei impegnato a fare altri progetti» Alfredo Verdicchio, romano, ma ormai milanese d’adozione, è un giornalista professionista con una vasta esperienza che lo ha visto anche dirigere alcuni giornali per ragazzi. Si è occupato di musica, cinema e televisione. E’ amante della buona cucina e della “sana lentezza”. Il viaggio per lui non si misura in termini di chilometri percorsi, magari in sella alla sua passione: un Harley rossa, ma in termini di sensazioni provate, di esperienze vissute, come ad esempio degustando un piatto particolare e scoprirne la storia, o magari centellinando un buon vino, oppure cogliere un nuovo aspetto della propria città. Perché tutto, alla fine, diventa viaggio a partire dalla nostra vita…