WOPART 2018: LA FIERA DELL’ARTE SU CARTA

Scritto da Lucrezia Della Volpe on . Postato in Appuntamenti, Cultura

Una fiera dal respiro internazionale esclusivamente dedicata alle opere d’arte su supporto cartaceo, che ha riunito oltre cento Gallerie a rappresentare un totale di ben 16 Paesi.

 

 

 

 

Lugano, Svizzera.
Lo scorso Settembre si è tenuta la terza edizione di WOPART – Work on Paper Art Fair presso il Centro Esposizioni Lugano. Una fiera dal respiro internazionale esclusivamente dedicata alle opere d’arte su supporto cartaceo, che ha riunito oltre cento Gallerie a rappresentare un totale di ben 16 Paesi. Stampa, disegno e fotografia fanno parte di un’arte di nicchia che negli ultimi anni incuriosisce sempre più specialisti e meno esperti di questo mondo.

Tra gli stand, un tripudio spettacolare di artisti, epoche e tecniche, dalle opere più tradizionali del Canaletto alle moderne xilografie di Paul Gaugin. Spiccano poi i disegni dei maestri Lucio Fontana e Gustav Klimt, i collage di Depero e i decollage di Mimmo Rotella, la fotografia d’autore di David Yarrow e l’acquarello di Modigliani. Infine, stampe orientali come le opere di Hiroshige e i linguaggi decisi dell’arte contemporanea rappresentata da Keith Haring, Andy Wharol e Damien Hirst completano la splendida panoramica delle opere d’arte su carta.

WOPART 2018  introduce alcune interessanti novità, tra cui Emergent: una sezione interamente dedicata agli artisti emergenti che quest’anno ha già coinvolto 14 Gallerie. Durante il weekend della Fiera, il Centro Esposizioni Lugano ha ospitato anche editori e artisti internazionali in 11 stand appartenenti alla seconda edizione di REAL, La Rassegna di Editoria d’Arte di Lugano. Un angolo dedicato al libro nelle sue varie sfaccettature, dalla rilegatura a mano all’incisione, dai libri fotografici realizzati con le tecnologie più all’avanguardia alla tradizionale stampa a caratteri mobili.

WOPART 2018 si conferma come un affascinante viaggio nell’universo di un’arte più che mai tangibile, in cui la carta si riappropria del proprio ruolo concreto in un mondo sempre più digitale. La Fiera è anche, ovviamente, l’occasione per portare a casa un pezzo che regali un’emozione speciale, per tutti i gusti e per (quasi) tutte le tasche.

 

 

Lucrezia della Volpe

Lucrezia Della Volpe

Lucrezia Della Volpe

Laureata in Economia ma fin da bambina appassionata di arte. Nei weekend liberi approfitta per fare le valigie e partire alla scoperta di posti nuovi. In alternativa, esce di casa con il naso all’insù, per guardare ogni giorno ciò che la circonda come se fosse la prima volta. Amante dei buoni sapori, condivide la sua passione per il cibo attraverso il food-blogging. Da sempre interessata al mondo della comunicazione, considera Milano il trampolino di lancio verso il suo futuro. Nonostante tutto, fatica ancora un po’ a vivere lontana dal mare e appena può scappa al sud: ad Aversa, città della Campania dove è cresciuta, o in Salento, la terra che considera la sua seconda casa.