Tipicità il festival delle eccellenze marchigiane

Tipicità: il festival delle eccellenze marchigiane

Scritto da Tiziano Argazzi on . Postato in Appuntamenti, Coppia, Food&Drink, Single, Weekend

Nei padiglioni fieristici di Fermo, dal 25 al 27 aprile, appuntamento con la 28^ edizione di una manifestazione unica in Italia. Un kolossal dove il cibo interpretato da grandi chef è la bussola per arrivare al turismo esperienziale.

Fermo, Italia.
A Fermo, nelle Marche, dal 25 al 27 aprile prossimi, è in programma la 28esima edizione di Tipicità.

L’evento, già programmato dal 7 al 9 marzo, è stato spostato alla fine di aprile a causa delle vicende legate al contenimento del Coronavirus. Il programma rimane immutato.

Tipicità 2020 è un kolossal esperienziale con tre padiglioni tematici (cibo, turismo, manualità & creatività) dove il “food” rappresenta la “bussola” per scoprire anche il fascino del making d’autore e i percorsi turistici mozzafiato, tra incanti sconosciuti al grande pubblico. Proprio questa formula inedita  – con al centro la qualità del cibo, le bellezze del territorio, le produzioni di alta gamma della regione,  i confronti tra persone e comunità e la consapevolezza dei fenomeni per la sostenibilità del pianeta –  ha contribuito a fare di  Tipicità il punto di riferimento nazionale per gli amanti dell’Italian Style. Fittissimo il programma degli eventi, più di 100, e nei 13.000 metriquadri coperti del Fermo Forum,  saranno oltre 200 le realtà protagoniste, in arrivo dalle Marche e da altre parti d’Italia e del mondo.

Diversi gli spazi tematici fra cui “Terminal” dedicato alle contaminazioni e alle nuove tendenze, “Teatro dei Sapori” lo storytelling del gusto tra racconti e degustazioni guidate, “Forum & Focus” con dibattiti e incontri ad alto livello, con esperti di settore e volti noti e “Tipicità 4Kids” l’area bimbi del festival, che propone laboratori, animazioni ed esperienze per i visitatori più piccoli. Nello spazio “Accademia” va in scena la cucina spettacolo grazie alla presenza di grandi chef (tra cui Annie Feolde, Filippo La Mantia e Rosanna Marziale), pronti a condurre gli amanti della buona tavola in un viaggio imperdibile. A “Futuro Bio” s’incontrano personaggi, prodotti sostenibili ed esclusività territoriali. “Bollicine di Marche” consente di scoprire tutte le nuance dei vitigni marchigiani, in versione sparkling. Infine la sezione “Art & Genius” è stata studiata per esaltare creatività e manualità manifatturiera che da questi luoghi arrivano in ogni parte del mondo

Per quanto riguarda il cibo, al festival è possibile assaggiare specialità molto spesso “introvabili”, alimenti funzionali, biologici, biodinamici e nutraceutici (nome coniato da Stephen L. DeFelice e che identifica quei prodotti a cui si attribuisce, oltre al valore nutrizionale di base, anche uno o più benefici aggiuntivi), bollicine d’autore, birre a “chilometro zero” e infine il “cibo che è stato e quello che verrà”.

Imperdibili sono anche i “must” della tipicità marchigiana: dal ciauscolo, allo zafferano di montagna; dal tartufo di Acqualagna, all’oliva tenera ascolana per arrivare al celeberrimo Verdicchio, all’olio EVO di qualità, alle migliori paste biologiche, alla cicerchia, al mais ottofile, al pecorino dei Sibillini e alle straordinarie carni bovine di razza marchigiana.

A TIPICITA’ 2020 NASCE PIZZA GOURMET, AREA SHOW DEDICATA ALL’ARTE BIANCA

Tipicità 2020 si arricchisce di un nuovo segmento: Pizza Gourmet. Un’area pensata per gli appassionati che vogliono scoprire cosa si nasconde dietro questo prodotto italiano d’eccellenza.

La scelta delle farine, le tecniche di lievitazione, tra tradizione e scienza, l’accurata alchimia dei prodotti che vanno ad amalgamarsi con gli impasti, diventano i protagonisti di altrettanti focus che, tra spettacolo, gusto e convivialità, vogliono celebrare un patrimonio dell’italianità. Pizza Gourmet, che nasce dalla  collaborazione con Molino Agostini, una azienda marchigiana di Montefiore dell’Aso in provincia di Ascoli Piceno, è il risultato dell’unione tra gusto, scienza e spettacolo. In tal modo il panorama marchigiano della pizza di alta qualità diventa protagonista a Tipicità Festival con un’area nuova, interamente dedicata all’arte delle farine e dei forni di cottura della pizza.

Ogni pizzaiolo porterà in scena un suo cavallo di battaglia, dove l’impasto è una tela bianca sulla quale, come in un’opera d’arte, i prodotti si mescolano per restituire l’immagine del territorio. E mentre prepara racconterà al pubblico presente la propria filosofia e svelerà qualche trucco del mestiere. Ciascun appuntamento, coordinato dalla soubrette Lavinia, vedrà la partecipazione dei dietisti dell’Andid, l’Associazione Nazionale Dietisti, e “gustosi fuori programma” di produttori d’eccellenza.

A TIPICITA’ OSPITE D’ONORE I PAESI BASCHI FRANCESI

Tipicità Festival è anche confronto e scoperta di altre comunità del mondo che fanno dell’identità territoriale una chiave per distinguersi. Nell’edizione 2020, “guest of honor” saranno i Paesi Baschi Francesi con la città di Anglet, unitamente a suggestioni, prelibatezze e attrattive dal Canada con il Quebec, dalla Germania con Ansbach e dall’Ungheria con Varpalota, insieme a “incursioni” di altre regioni italiane e di altre comunità internazionali.

Alla sera lo spettacolo continua nel centro storico di Fermo. Infatti quando le luci del Fermo Forum si spengono, si accendono quelle  di “Tipicità in the city”, il dopofestival ricco di tanti eventi  e la possibilità di organizzare weekend su misura per tutti i gusti.

MARCHE IMPERDIBILI NEL 2020

Tipicità è anche l’occasione per parlare delle Marche, una piccola grande regione che Lonely Planet, il “faro” delle guide turistiche mondiali, mette sul podio delle destinazioni “Best in travel” cioè da visitare assolutamente nel corso di quest’anno. Un territorio stupefacente e per molti versi ancora sconosciuto. “Probabilmente – continua la prestigiosa guida –   una delle ragioni del suo grande fascino è proprio quella di poter esplorare con calma, e in relativa solitudine, maestose rovine romane, svettanti architetture gotiche, massicci castelli medievali e sublimi palazzi rinascimentali che custodiscono collezioni d’arte tra le più ricche d’Italia. Il tutto racchiuso tra alte montagne boscose e la placida costa dell’Adriatico e condito da golosi festival gastronomici” uno dei quali è certamente Tipicità.

MARCHE: IL MODO MIGLIORE PER CONOSCERLE È VIVERLE

Le Marche, unica regione declinata al plurale, sono meravigliose e insolite, per la varietà dei paesaggi, per gli Appennini umbro marchigiani che dolcemente degradano lungo vallate parallele fino al mare, per i suoi tanti borghi antichi immersi nella storia e nell’arte e per le bellissime città che, tra l’altro, hanno dato i natali a personaggi del calibro di Giacomo LeopardiRaffaello Sanzio e Gioachino Rossini, per citarne solo alcuni. Quindi per scoprirle “palmo a palmo” in uno straordinario percorso esperienziale è stato approntato un palinsesto di iniziative che si svilupperà per l’intero anno. Una trentina di eventi che accompagneranno turisti, esploratori esperienziali e amanti delle identità autentiche per l’intero arco del 2020 e che comprendono, oltre a Tipicità Festival, Tipicità in Blu in programma ad Ancona e poi il Grand Tour delle Marche che proseguirà fino a novembre e toccherà i luoghi più significativi della regione.

Tutte le info sul sito www.tipicita.it e sui canali social della manifestazione.

0Shares
0
Tiziano Argazzi

Tiziano Argazzi

Ferrarese DOC e da tanto tempo appassionato di viaggi. Viaggiare è una passione nata decenni fa che non accenna a diminuire ……anzi. Grande è sempre la gioia di partire per una nuova destinazione con la consapevolezza che la vita è un viaggio e chi viaggia vive almeno due, tre, dieci, cento volte. Viaggiare è conoscenza e confronto con culture, ambienti e persone diverse e per questo è “gioia di vivere”. Altrettanto grande è il piacere di documentare con parole ed immagini quanto visto. Per tale ragione da alcuni decenni mi diletto a scrivere di viaggi, vacanze e tempo libero, inserendo anche suggerimenti enogastronomici. Fino ad oggi ho privilegiato quel bellissimo Paese che è l’Italia e l’Europa con alcune (poche) puntate oltreoceano. Il giornalismo di viaggio è diventato parte della mia vita ed ogni articolo l’occasione ed il modo piacevole per trasmettere al lettore tutte quelle emozioni che fanno parte di ogni destinazione visitata