SPIGOLATURE GUSTOSE

Scritto da Redazione on . Postato in Food&Drink

Kufstein-street-food-c-Mamapapamoo
A zonzo qua e là, in Italia e all’estero, in cerca di appuntamenti golosi


Riso & Rose in Monferrato
A maggio un mese di festa fra colline e pianura del Monferrato

Il Monferrato, mitica terra del Piemonte Unesco, sospesa fra le colline vitivinicole e la piana del Po, vede  il ritorno della grande kermesse dal titolo “Riso & Rose in Monferrato”.
Non un semplice evento né uno specifico luogo: la manifestazione tornerà, alla sua diciassettesima edizione, nella sua consolidata formula diffusa e itinerante, nel tempo e nello spazio. Nei quattro week end di maggio tante iniziative di interesse turistico, nei numerosi borghi del territorio, oltre che nella capitale, la storica città di Casale Monferrato.
La rassegna, promossa dal Consorzio Turistico Mon.D.O., proporrà  eventi di enogastronomia, florovivaismo, hobbistica, musica ma anche occasioni per scoprire il patrimonio di storia, arte, cultura e paesaggio.
Fra gli appuntamenti curiosi di diverso genere i “Ricami DiVini & Pietra da Cantoni” a Rosignano Monferrato, la riscoperta di un antichissimo mulino ad acqua a Fontanetto Po, Il Palio dell’Oca Bianca a Quargnento, le sagre dedicate all’asparago a Valmacca e Fubine Monferrato.
Info: http://www.monferrato.org/ita/
Piemonte e Valle d’Aosta : Cantine a nord ovest 2017

Ritorna anche quest’anno Cantine a Nord Ovest, la manifestazione itinerante organizzata da Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta per promuovere e far conoscere i vini del Piemonte. Non solo Barbera e Dogliani ma anche vitigni interessanti ma forse meno conosciuti quali Timorasso, Gavi, Grignolino, Erbaluce
Lontani dalle solite rotte turistiche, Cantine a Nord Ovest è l’occasione per andare alla scoperta, tappa dopo tappa, di un territorio assolutamente unico, il Piemonte. Sullo sfondo di paesaggi mozzafiato, molti dei quali patrimonio dell’Unesco, sono quasi 150 le cantine da scoprire coinvolte nella manifestazione, alcune aperte al pubblico per la prima volta, e centinaia le etichette da degustare, grandi nomi accanto a piccoli produttori.
7 Maggio: Erbaluce,  l’oro del Canavese a Caluso,
28 Maggiodi Grignolino in Grignolino a Casale Monferrato.
Ogni tappa è una vera e propria esperienza enogastronomica e turistica. L’esperienza è divertente, coinvolgente e gourmet.
Info: www.slowfoodpiemonte.com/cantineanordovest-2017

CONOCCHIA insalatamare
A Genova
Slow Fish 2017:  Fish-à-porter

È l’evento internazionale dedicato al pesce e alle risorse del mare che coniuga la convivialità alla conoscenza scientifica e alle buone pratiche, l’educazione al gusto all’impegno per la tutela degli ecosistemi acquatici. Come ogni due anni, Slow Fish – organizzato dall’associazione Slow Food Italia e dalla Regione Liguria, in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali – approda al Porto Antico di Genova dal 18 al 21 maggio 2017 con i suoi protagonisti.
A Slow Fish 2017 un mercato per comprare e mangiare come alla Boqueria.
Una delle esperienze più esaltanti che può offrire un mercato è ritrovare la freschezza di tutti gli ingredienti in vendita rielaborata in piatti espressi, come avviene in uno dei mercati più famosi del mondo, la Boqueria di Barcellona. Per la prima volta, nel mercato di Slow Fish è possibile provare un’esperienza analoga, con i 18 appuntamenti di Fish-à-porter.
Nella cucina allestita tra i banchi del Mercato, i protagonisti della rete di Slow Fish – chef, pescatori, artigiani e biologi italiani e internazionali – si alternano  per approfondire i tanti diversi aspetti legati al mondo ittico. Si impara a fare la spesa, a preparare  un particolare piatto,  a non sprecare nulla, neppure le teste del pesce che trovano molteplici impieghi gastronomici. Al termine di ogni lezione, per completare l’esperienza gastronomica, si può acquistare il biglietto della degustazione.
Infowww.slowfood.it
www.regione.liguria.it

 

Nel Parmense
Parma si racconta attraverso il gusto
Partono i “tour dei sapori” alla scoperta del territorio.

Esplorare a piedi piazze, botteghe e palazzi storici, montare a bordo di una navetta per ammirare le colline e andare a conoscere i produttori e i loro segreti, pedalare per le vie della città, passando da un monumento a una degustazione: i sapori del territorio sono il filo conduttore di una serie di tour organizzati da “Parma nel cuore del gusto”.
Parma, cuore antico della Food Valley, invita a una personale mappa dei sensi,  che passa dal gusto per risvegliare memorie, sapori ed emozioni. Sia “Passeggiate in Città” con visita guidata  e una degustazione di prodotti e vini del territorio, sia in navetta Tastybus alla scoperta  del  Prosciutto di Parma e del Parmigiano Reggiano tra castelli e colline.
Inoltre  dal 19 al 21 maggio la XXII  edizione della Malvasia in Festival a Sala Baganza, propone un week end a tutto gusto  nel cuore della food valley per gli appassionati gourmet e dei viaggi in camper.
Le aziende associate alla Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli itinerario enogastronomico che riunisce oltre una settantina fra agriturismi, cantine, caseifici, prosciuttifici, ristoranti e negozi di prodotti tipici – proporranno per l’intero fine settimana iniziative speciali e promozioni dedicate.
Il concorso-passerella dedicato al must enologico delle colline parmensi – la cui denominazione, “Cosèta d’Or”, rimanda al nome dialettale di una tipica scodella in legno – si svolge a Sala Baganza, fra il Giardino Farnesiano, a pochi passi dalla Rocca Sanvitale – al cui interno è allestito anche un suggestivo Museo del Vino – ed il centro storico.
Info: www.stradadelprosciutto.it
www.festivaldellamalvasia.it
www.turismo.comune.parma.it

DSC_8159

Nel Ravennate
Più che autoctono: il Carciofo Moretto di Brisighella

Il 7 e il 14 maggio si svolge una sagra per celebrare questo prodotto autoctono, che raggiunge le massime espressioni organolettiche nei tipici calanchi gessosi romagnoli.
Il comune di Brisighella (sulle prime colline in provincia di Ravenna) può vantare numerosi prodotti tipici, vere e proprie eccellenze a livello nazionale. Sicuramente il più famoso e rinomato di tali prodotti è l’Olio extra vergine d’oliva, ma merita una menzione di tutto rispetto anche il piccolo Carciofo Moretto.
Il Moretto potrebbe essere definito “autoctono dell’autoctono”, infatti quello vero si trova solamente nel comune di Brisighella e, ancor più con precisione, soprattutto nei tipici calanchi gessosi con una buona esposizione al sole (Brisighella si trova al centro del Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola. Infowww.parcovenadelgesso.it).
Qui riesce a raggiungere le massime espressioni organolettiche, che ne fanno un prodotto inimitabile e dal sapore autentico e inconfondibile.
Infowww.brisighella.org

 

Porto Garibaldi in Sagra con la dolce Canocchia

Ancora più ricca ed appetitosa ritorna a Porto Garibaldi, in provincia di Ferrara, la Sagra della Canocchia e della Seppia.
Il 20 e 21 – con cena d’anteprima venerdì 19 al Centro Parrocchiale – e poi il 27 e 28 maggio l’antica Magnavacca, così ribattezzata nel 1919 in onore dell’Eroe dei due mondi dopo il suo approdo non lontano da qui durante l’epica fuga da Roma, si vestirà a festa. Per celebrare l’anima marinaresca di questa località,
un ricchissimo  cartellone di appuntamenti ed iniziative che animeranno non soltanto il suggestivo PortoCanale: un grande stand gastronomico, a pochi passi dal mercato ittico e dalla banchina dove approdano grandi e piccoli pescherecci multicolori, bancarelle di prodotti alimentari e artigianali, in  tutte le principali piazze e strade, passeggiate guidate e gratuite alla scoperta dei ‘luoghi e siti della pesca’,  il laboratorio dedicato all’antica arte del ramaglio (la costruzione e riparazione delle reti da pesca).
Info: www.sagradellacanocchia.it

DSC_8776

A Terni
Bread Fest: a Terni torna la festa del pane dal 25 al 28 maggio

Degustazioni, laboratori per adulti e bambini, dimostrazioni live di panificazione e cooking show, momenti di approfondimento: un ricco programma per conoscere il pane e il suo uso in cucina
Seconda edizione per Bread Fest, la kermesse dedicata al pane, nata per celebrare il noto Pane di Terni -il pane sciapo tipico dell’Umbria- ma allargatasi a far conoscere le caratteristiche e gli usi di uno dei cibi più antichi, più semplici eppure immancabile sulla nostra tavola.
Bread Fest torna  nel centro storico della città umbra con un calendario ancora più ricco. Nei caratteristici Villaggi del gusto, si potranno conoscere ed acquistare pani freschi, prodotti dai panificatori ternani e non solo, magari da accompagnare agli oli EVO Dop dell’Umbria, ospiti del Villaggio dell’Olio o alla NORCIneriA, ovvero i sapidi companatici -salumi, formaggi e tartufo- provenienti dalla Valnerina, buoni non solo perchè di qualità ma anche perché aiuteranno la ripresa economica degli operatori del settore.
Info: www.breadfest.it

 

Sapori della  costiera

Con la sua eterea eleganza, le vetrate affacciate sul panorama del golfo, il pavimento color lapislazzulo, il ristorante dell’hotel Santa Caterina di Amalfi è di grande effetto. Il menù del giorno della sua cucina, rinomata a livello internazionale, vanta una vasta scelta à la carte con  ricette di grande tradizione.
A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. Due ascensori scavati nella roccia o un sentiero di spettacolare bellezza portano gli ospiti attraverso agrumeti e giardini lussureggianti fino agli impianti a livello del mare, che comprendono una piscina con acqua marina, solarium, fitness centre, café/bar e ristorante all’aperto.
Nella  cucina dell’hotel Santa Caterina  di Amalfi  regna un grande chef che è disponibile a inviare ricette per palati raffinati e cuochi avventurosi a chi le chiederà.
Mettiamoci  alla prova dunque, con la certezza di aver imparato qualche segreto speciale. E se il risultato non dovesse essere proprio lo stesso… basta programmare un weekend in hotel per assaporare quelli preparati dallo chef!
Infowww.hotelsantacaterina.it

 

In Austria
Kufsteinerland, ricca di gusto

La regione tirolese vanta numerosi produttori locali, aziende agricole, fattorie aperte alle vendite e una vasta gamma di esperienze culinarie, dagli itinerari gastronomici agli eventi speciali. KUlinaria e lo Street Food Market Festival.
I buongustai, gli intenditori gourmet, i cuochi per diletto, gli appassionati di cucina e i tanti visitatori scopriranno il lato più delizioso della regione tirolese di Kufstein dall’11 al 14 maggio, durante l’applaudita settimana di KUlinaria. Sotto lo slogan “uniti nel piacere”, l’evento gastronomico presenta svariate opportunità agli ospiti di entrare in contatto con creazioni culinarie locali e da tutto il mondo, insieme ai migliori esperti. Il programma prevede spettacoli di Food Art, Food Styling, workshop di fotografia oltre allo Street Food Market festival e a una serata Natur.Küche.
Invece lo Street Food Market Festival Kufstein, manifestazione di cibi da strada,  si tiene nella zona Fischergries in un’area di 3.000 mq lungo il fiume Inn:  specialità di tutti i gusti,  per amanti della carne, della cucina vegetariana, vegana, asiatica, mediterranea e ovviamente austriaca, con accento particolare sulla qualità dei prodotti della regione Kufsteinerland, sulla sostenibilità e creatività dei loro piatti.
lavorazione del latte che porta a formaggi biologici selezionati e prodotti secondo i
Info: www.kufstein.com

DSC_8794

In Perù
Le picanterías di Arequipa, culla della tradizione culinaria peruviana

Tra il Pacifico e le Ande, circondata da una serie di vulcani e da montagne che superano i 6.000 metri, Arequipa è una delle più belle città del Perù.
Conosciuta come “Città Bianca” per la sua architettura in sillar, roccia vulcanica di colore chiaro, ha un centro storico dichiarato Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco.
La sua eccellente gastronomia, una delle più variegate del Perù,  si può apprezzare nelle cosiddette picanterías. In principio, erano note con il nome di chicherías (perlopiù si trattava di case private), luogo dove si produceva e si vendeva la chicha, bevanda di mais viola fermentato, dal gusto particolare, tra dolce, acido e amaro, non alcolica, ma dalle molteplici virtù per l’organismo.
Le picanterías vere e proprie, nate nel XIX secolo, sono  locali molto popolari dove ancora oggi di produce e si vende chicha in abbinamento con una serie di piatti e pietanze legati alla tradizione ancestr ale andina e spagnola:  rocoto ripieno, solterito de queso, caldo blanco,  chicharrón de cerdo,  guisado,  il famoso adobo dominical (carne o pesce crudo marinato) e il queso helado.
Infowww.peru.travel

 

Franca D. Scotti