ROMANTICO HOTEL ADLER THERMAE DI BAGNO VIGNONI

Scritto da Beatrice Caldovino on . Postato in Alberghi e Spa, Weekend

Una fuga romantica per San Valentino? L’Hotel Adler Thermae a Bagno Vignoni vi farà innamorare delle calde acque termali e dell’ottima cucina toscana.

Bagno Vignoni, Italia.
Non avete ancora pensato a un regalo per San Valentino? Un’allettante alternativa al solito mazzo di rose e alla scatola di cioccolatini è, senza dubbio, prenotare all’Hotel Adler Thermae a Bagno Vignoni. Nel cuore della campagna senese, all’interno del Parco Naturale della Val d’Orcia, si trova l’incantevole centro di Bagno Vignoni, frazione del comune di San Quirico d’Orcia, a pochi chilometri da Montalcino. La particolarità di questo piccolo centro, che conta poco più di una ventina di abitanti, è la grande vasca cinquecentesca di acqua termale che, dopo un lungo tragitto sotterraneo cominciato dalle pendici del monte Amiata, sgorga alla temperatura di 52° in questo luogo ricco di fascino, frequentato già dagli etruschi e poi dai romani, fino ad accogliere via via personaggi illustri come Papa Pio II, Santa Caterina da Siena e Lorenzo il Magnifico, che apprezzarono le calde acque a tal punto di rendere Bagno Vignoni un rinomato luogo di villeggiatura.

grotta-salina-740

HOTEL ADLER THERMAE
A pochi passi dalla inconfondibile piazza – molto probabilmente l’unica al mondo formata solamente da un’enorme vasca di acqua termale – che ha fatto da sfondo a scene di film famosi come Al lupo al lupo di Carlo Verdone o la serie TV I Medici, si trova il pentastellato Hotel Adler Thermae, una gemma preziosa della famiglia Sanoner, che da ben sette generazioni, a partire dal 1810, è protagonista del settore dell’hotellerie di lusso, rappresentando ai massimi livelli i valori dell’ospitalità e dell’accoglienza.
Se non fosse per le precise indicazioni stradali, sarebbe molto difficile raggiungere quest’oasi di benessere: situata su una collinetta verdeggiante, tra alberi ad alto fusto e aiuole curatissime, si estende la struttura che, oltre al corpo centrale ricavato da un antico casale di campagna, è costituita da edifici a due piani, nel completo rispetto della natura e in perfetta armonia col paesaggio. Solamente entrando nell’enorme garage sottostante, affollato di Ferrari, Lamborghini e Maserati (per la maggior parte con targa straniera) ci si rende conto che questo angolo di paradiso vanta fama internazionale.

grotta-salina-741

VIRTU’ BENEFICHE DELLE SUE ACQUE
Immerse nella natura, ecco presentarsi le vere protagoniste: oltre mille metri quadrati di piscine, che con i loro specchi d’acqua, le luci e una immancabile coltre di vapore creano un’atmosfera unica e romantica, rilassante e rigenerante.
Queste acque termali (per la precisione solfato-bicarbonato-alcalino-terrose) devono le loro proprietà al complesso processo di formazione, che può durare diverse decine di anni. L’acqua che filtra attraverso la falda vulcanica fino a mille metri di profondità, dove si arricchisce di minerali e composti sulfurei, arriva all’Hotel Adler Thermae alla gradevolissima temperatura di 36°C: per tali ragioni sono l’ideale per i trattamenti estetici della pelle e terapeutici dell’apparato scheletrico.

grottasalina1

TRATTAMENTI, SAUNA, BAGNO TURCO E HAKI
Accedendo a un laghetto interno, circondato da pareti di travertino, ci si trova immersi nella pace e nel silenzio totale, e da qui, percorrendo una pedana a filo dell’acqua, si può accedere alla sauna finlandese e al suggestivo bagno turco in una vera e propria grotta con le sue affascinanti stalattiti e stalagmiti.
Oltre a una vasta serie di trattamenti, l’Hotel Adler Thermae offre una vera chicca: il metodo Haki, ideato dal terapista e musicista austriaco Harald Kitz. Si tratta di un concetto di trattamento olistico e individualizzato mirato soprattutto a persone soggette a stress intellettuale: una tecnica che si concentra soprattutto nell’area delle spalle, della nuca e della testa, fondendo massoterapia, linfodrenaggio, ayurveda, riflessologia e tecniche cinesi.
Un team di quaranta esperti è a disposizione per programmare una serie di trattamenti personalizzati.
Un altro trattamento da non perdere è nella Grotta Salina dove l’acqua riscaldata a 38°C e arricchita con i sali del Mar Morto – adatti alla purificazione della pelle e al linfodrenaggio – farà galleggiare dolcemente gli ospiti sotto luci soffuse. Questo trattamento è dedicato massimo a quattro persone alla volta, così da garantire il massimo relax e privacy.

ristorante

LA BUONA CUCINA TOSCANA
Come in una corte ottocentesca, all’ultimo piano si trova il ristorante, circondato da un porticato con colonne marmoree e sovrastato da un meraviglioso tetto di cristallo che consente di vedere il cielo stellato. Qui gli chef preparano squisitezze della cucina tipica toscana con prodotti freschi di stagione, accompagnati ovviamente da un calice di ottimo vino toscano. Con i prodotti biologici e l’olio extravergine d’oliva prodotti nella tenuta, gli chef creano piatti spettacolari, senza tralasciare il “semplice” pane fresco sfornato ogni mattina.

SPECIALE SAN VALENTINO
Quindi per festeggiare al meglio San Valentino conviene approfittare di un pacchetto imperdibile:
quattro notti all’Hotel Adler Thermae , dal 12 al 16 febbraio, compreso una bottiglia di spumante con fragole e un trattamento nella Grotta Salina in esclusiva per due, oltre, naturalmente, al libero accesso alle piscine per caldi e romantici bagni rigeneranti, a un prezzo che parte da 798 euro a persona.

Per maggiori informazioni consultare il sito: Adler-thermae.com

Beatrice Caldovino
beatrice@agendaviaggi.com

 

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Nata a Frascati, deliziosa cittadina dei Castelli Romani dove è inevitabile lasciarsi incantare dalla cultura, dall’arte e dalla buona cucina. Ama viaggiare alla scoperta di cose sempre nuove, da raccontare con le parole e con le immagini. E’ felicemente sposata e impegnata nel volontariato (ma le due cose non sono collegate). Adora andare per mercatini dell’antiquariato con la speranza, spesso vana, di scovare qualche tesoro nascosto. L’unica cosa di cui si sorprende è di potersi ancora sorprendere.