NOTTE AL MUSEO DELLA SCIENZA E TECNOLOGIA

Scritto da Ermanno Lucchini on . Postato in Appuntamenti, Cultura, Famiglia, KidsTrips

notte-al-museo-a-milano-350Ricordate Un notte al Museo? Mettetevi nei panni di Ben Stiller e preparatevi alla Cult Night che il Museo della Scienza e Tecnologia di Milano ha preparato per martedì 5 luglio, in occasione della Conferenza mondiale dei musei. Il museo sarà aperto gratuitamente per tutti, dalle 18.30 alle 23.30. Non solo: durante la Open Night per i visitatori grandi e piccoli ci sarà la possibilità di partecipare a laboratori-gioco, assistere a concerti di jazz, addirittura diventare protagonisti di uno stupefacente “show della luce”. Ecco il programma dettagliato della serata.

PER I PIU’ PICCOLI: I LABORATORI E IL SOTTOMARINO TOTI
(dalle 19 alle 22; ogni laboratorio dura 20 minuti, max 25 partecipanti)
L’affresco di Leonardo. Scopri com’era organizzato il lavoro di un artista ai tempi di Leonardo realizzando un affresco.
Disegni di luce. Con una macchina fotografica, un po’ di buio e di pratica prova a creare un disegno usando la luce al posto di matite e pastelli.
Laboratorio di genetica. Sperimenta diversità e somiglianze tra le piante, scopri quanto si annaffiano un melo o un tulipano e come si comportano per superare i propri limiti.
Laboratorio di Biotecnologie. Con microscopi, lenti e cellulari osserva il mondo da molto vicino e conosci cosa è vivo e cosa non lo è.
Laboratorio di alimentazione. Vitamine sorprendenti: usa le vitamine per creare disegni colorati nel latte e osservare le loro diversità.
A bordo del Toti (dalle 20 alle 21, massimo 100 posti). Una breve incursione nel sottomarino per rivivere le emozioni dei marinai durante la navigazione (i biglietti si ritirano a partire dalle ore 19.00 direttamente ai piedi del Toti).

notte-al-museo-a-milano-700

PER I PIU’ GRANDI: FOTOGRAFIA, LETTURE TEATRALI, JAZZ
Nella nuova area espositiva delle Cavallerizze
XXI Esposizione Internazionale della Triennale e mostra Confluence che esplora l’incontro tra i diversi saperi. Lectio Magistralis “Leonardo e l’unità del sapere” di Pietro Marani, leonardista di fama internazionale.
Nei chiostri del monastero
Depositi. Immagini dai musei Italiani, è una serie di 35 immagini scattate da Marco Lanza sui piccoli e grandi tesori “invisibili”, custoditi nei depositi dei musei.
Wiki Loves Monuments. I monumenti italiani in mostra: le foto dei vincitori del concorso fotografico più grande al mondo: il patrimonio culturale italiano visto dai cittadini.
Nel Padiglione Ferroviario
(dalle 19 alle 22.30)
Letture teatrali dedicate al mondo dei treni e dei viaggi in ferrovia accompagnate da musiche dal vivo.
Sala delle Colonne
(dalle 19.30 alle 22.30)
Gran  Ballo Ottocentesco. A cura dell’Associazione Culturale “Società di Danza Milanese” diretta dal Maestro Fabio Mòllica. Danze, musica e costumi nella ricostruzione ideale di un ballo ambientato in un salotto europeo del 1800.
Sala Conte Biancamano
(dalle 20 alle 22,30)
Museo in Jazz. Alfredo Ferrario al clarinetto, Rossano Sportiello al pianoforte, Marco Roverato al contrabbasso, Vittorio Sicbaldi alla batteria.
Padiglione Ferroviario
(dalle 22.30 alle 24.00)
Joe Victor in una performance tra pop, blues, gospel e folk americano. Con: Gabriele Mencacci Amalfitano chitarra e voce, Valerio Almeida Roscioni tastiere e voce, Michele Amoruso basso, Mattia Bocchi batteria e percussioni.

notte-al-museo-a-milano-701

Dove. Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, via San Vittore 21, Milano

Tags: , , , , ,

Ermanno Lucchini

Ermanno Lucchini

Elettrizzato da Londra a 14 anni, da allora Ermanno Lucchini non ha più smesso di viaggiare: da Lodi a Milano, tutti i giorni, casa-redazione redazione-casa (prima ad Altroconsumo, poi negli ultimi vent’anni a Io donna, il femminile del Corriere della Sera). Qualche parentesi: Madagascar, Polinesia, Ngorongoro, Cina, India, Messico, Cuba, Stati Uniti, Germania (in bici: lungo il Reno, sul lago di Costanza, a Monaco, a Berlino, a Kassel per Documenta). A 59 anni si ostina a pedalare e a prendere treni affollati e quasi sempre in ritardo: dice che è la miglior terapia per rimanere vivo. E vegeto.