MARTINO MIDALI: GLI OUTFIT DA METTERE IN VALIGIA PER LE VACANZE

Scritto da Francesca Vespignani on . Postato in Agenda Moda

Martino Midali propone per l’estate tanti capi intercambiabili per look diversi in un colpo solo. Tanto blu, in tutte le sfumature. E tante righe. Un classico della stagione, in verticale o in orizzontale. E poi i suoi tessuti, come il jersey. Che si adatta a tutti i tipi di donna. E si mette in valigia senza sciuparsi e occupando poco spazio.

Milano, Italia
Eleganza e praticità, seduzione e naturalezza. Ecco il mix di Martino Midali, storico stilista del prêt-à-porter milanese che lo scorso febbraio ha aperto anche a Napoli, per questa estate. Uno stile versatile e inconfondibile, come la sua firma. E che rinnova ogni anno, mantenendo inalterata la sua identità. L’estate di Martino Midali si identifica per stampe dalla forte personalità e per colori che non hanno paura di essere protagonisti assoluti.

Martino-Midali-daniela-tosi-700

Dopo la delicatezza e i fiori della primavera, arrivano la leggerezza e i colori per la stagione estiva. Domina il mondo dei blu, accanto al bianco e nero, a oro, bronzo e argento, ai beige e sabbia, ai tortora e ai panna. Ma anche colori forti, con abbinamenti come arancio e viola, corallo e menta. E poi tantissime righe. Dalle classiche bianche e blu, effetto marina, alle bianche e nere, più eleganti, per arrivare alle rosse, bianche e nere. Strette o larghe, orizzontali o verticali, irregolari o mischiate. Ma le stampe non finiscono qui. Pois micro o giganti, composti o scomposti. Fiori disegnati, stilizzati o pennellati. Le scritte, in stampatello, corsivo, scarabocchiate oppure ordinate e le geometrie incrociate o sovrapposte.

Restano le forme comode, che contraddistinguono Martino Midali. Nelle maxi tute da portare, a seconda dell’occasione, in modo sensuale con una cintura in vita a stringerle oppure lasciate larghe e dégagé. Così come nelle maxi T-shirt e nel classico pantalone clown. Ma anche pantaloni a sigaretta, perfetti per un week end in una città europea, da abbinare a una camicia bianca o da sdrammatizzare con una in cotone in cui viene traslato il classico parlato Midali, con tante parole romantiche. I tailleur tutta stampa, da usare in città come al mare. Vestiti, vestitini o vestitoni, subito perfetti. Camicie lunghe, comode e sensuali oppure corte e sportive, raffinate e femminili. Tanta maglieria per cardigan, T-shirt, cappe e stole. Si gioca anche con le giacche e con le gonne tra forme e lunghezze. Capi intercambiabili, con cui divertirsi a cambiare look quando si vuole.

Tra i tessuti, spicca la novità del lino colorato. La viscosa è protagonista della stagione, il cotone resta un fedele accompagnatore. Torna il tessuto jacquard. La rete per dare sensualità oppure chiffon e organza per un effetto sofisticato e delicato. Il denim, che non è quello classico, fatto di skinny, vita bassa e rock. È più confortevole. Nello spessore del tessuto che lo compone, nelle forme che giocano su volumi inusuali. E naturalmente il jersey. Per un abito che non deve mai mancare nel guardaroba femminile e nella valigia estiva. Non si sciupa, è versatile, si trasforma facilmente per tante occasioni e si adatta a tutte le donne.

E poi gli accessori: sciarpe, stole, copri spalla, collane, bracciali e orecchini.

Le due linee, Martino Midali e Midali Toujours, sono trasversali e femminili. Una moda per la quotidianità della donna d’oggi: contemporanea, dinamica e sofisticata, dall’eleganza naturale. Donne di qualsiasi età, lavoro e tipo di vita vestono i capi di Martino Midali. Perché, come dice lo stilista milanese, Midali non lo si indossa perché non si sa cosa indossare. Lo si sceglie.

Francesca Vespignani
fra.vespignani@agendaviaggi.com

Illustrazioni © Daniela Tosi danybreeze@gmail.com

Francesca Vespignani

Francesca Vespignani

Adora Milano, la sua città. Dove è nata, cresciuta e vive tuttora. E che rappresenta il cinquanta per cento delle sue origini. L'altro cinquanta per cento è romagnolo. Ama la Francia. Tanto che è convinta di essere stata francese, in un'altra vita. Lettrice accanita, con una predilezione per i gialli e i grandi detective della letteratura, ama il mare in ogni stagione, il profumo della macchia mediterranea e il blu che solo certi cieli di marzo sanno regalare. Le sue due grandi passioni sono viaggiare, per scoprire nuove città, altri panorami, altre culture, e scrivere. Con un forte debole per la buona cucina.