IX EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO

Scritto da Beatrice Caldovino on . Postato in Appuntamenti

Letteratura, geografia, musica, fotografia, disegno, antropologia, giornalismo e storia sono le chiavi di lettura del racconto del mondo al Festival della letteratura di viaggio.

Roma, Italia.
Vi piace viaggiare? Amate raccogliere in un diario stile Bruce Chatwin, con le vostre impressioni di viaggio? Ecco il Festival fatto apposta per voi: a Roma dal 22 al 25 settembre, presso Villa Celimontana, nello storico Palazzetto Mattei in Via della Navicella 12, si svolgerà la nona edizione del Festival della Letteratura di Viaggio, promosso dalla Società Geografica Italiana, con la presidenza onoraria di Stefano Malatesta e la direzione artistica di Antonio Politano.
Il Festival della Letteratura di Viaggio è come sempre dedicato al racconto del mondo, di luoghi e culture vicine e lontane, attraverso letteratura, geografia, musica, fotografia, antropologia, disegno, giornalismo e storia.

sgi-sala-lettura

L’anteprima di questa edizione è stata la mostra documentaria, fotografica e multimediale “L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” di Paolo Rumiz e compagni, in mostra fino al 18 settembre presso lo spazio AuditoriumExpo dell’Auditorium Parco della Musica a Roma. In questa occasione si è voluto raccontare la riscoperta e la restituzione al Paese dell’intero percorso della prima grande via europea, che attraversava l’Italia meridionale.

Temi centrali del Festival della Letteratura di Viaggio di quest’anno saranno le isole e gli arcipelaghi: mostre fotografiche, documentari e incontri saranno dedicati alle Azzorre, alla Papua Nuova Guinea, a Malta e al Giappone.
Inoltre, in occasione della nomina di Matera a capitale europea per la cultura 2019 verrà allestita una mostra di acquerelli sulla Basilicata.

Si rinnova l’appuntamento con il Premio per il reportage intitolato a Ryszard Kapuściński, che giunge alla quinta edizione, in collaborazione con la Famiglia Kapuściński, Feltrinelli Editore e l’Istituto Polacco di Roma, che ha visto nelle scorse edizioni assegnare il riconoscimento ad autori come Paolo Rumiz, Ferdinando Scianna, Gianni Berengo Gardin, David Van Reybrouck, Ettore Mo, Giovanni Mauro e William Dalrymple.
E ritorna anche il Premio della Società Geografica Italiana “La Navicella d’Oro”, consegnato negli anni a personalità che nella loro attività hanno dimostrato particolare sensibilità verso la narrazione di culture e luoghi, paesi e popolazioni, quali Bernardo Bertolucci, Claudio Magris, Giuseppe Tornatore, Ennio Morricone e Nicola Piovani, nonchè ad esponenti di organizzazioni impegnate nella tutela del paesaggio e dell’ambiente come Fulco Pratesi per il WWF e Giulia Maria Mozzoni Crespi per il FAI.
Infine, verrà riproposto il tradizionale Laboratorio di scrittura e fotografia in viaggio, a cura di Antonio Politano, che quest’anno ha visto i primi due appuntamenti a giugno, in occasione dell’Anteprima del Festival, e che a settembre concluderà il suo percorso con l’analisi e la lettura degli elaborati dei partecipanti selezionati.
Il programma completo sarà consultabile a breve sul sito ufficiale.

Per info:
www.festivaletteraturadiviaggio.it
Facebook: www.facebook.com/festivaldellaletteraturadiviaggio
Twitter : @lettviaggio

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Nata a Frascati, deliziosa cittadina dei Castelli Romani dove è inevitabile lasciarsi incantare dalla cultura, dall’arte e dalla buona cucina. Ama viaggiare alla scoperta di cose sempre nuove, da raccontare con le parole e con le immagini. E’ felicemente sposata e impegnata nel volontariato (ma le due cose non sono collegate). Adora andare per mercatini dell’antiquariato con la speranza, spesso vana, di scovare qualche tesoro nascosto. L’unica cosa di cui si sorprende è di potersi ancora sorprendere.