HOKKAIDO, LA REGINA GIAPPONESE DELLE NEVI

Scritto da Claudia Dagrada on . Postato in Destinazioni, Spazi & Natura

 

1
Febbraio è perfetto per scoprire l’isola giapponese di Hokkaido: montagne innevate, resort sciistici e sculture di ghiaccio la rendono padrona dell’inverno.

Hokkaido, Giappone.
Per gli amanti del Giappone, e non solo, Hokkaido è un’isola da scoprire: di origine vulcanica, offre agli occhi una natura selvaggia e incontaminata. Nota per i suoi spazi aperti, la fauna selvatica e le montagne innevate, attira sempre più amanti degli sport invernali. Qui infatti la temperatura è particolarmente bassa in rapporto alla latitudine, grazie anche ai venti siberiani.
Posizionata più a Nord rispetto alle principali quattro isole nipponiche (è anche la seconda più grande al mondo), Hokkaido, letteralmente “via per il mare settentrionale”, si affaccia sull’Oceano Pacifico, sul mare di Okhotsk e del Giappone. A Nord lo stretto di La Pérouse la separa dall’isola russa di Sakhalin.

Il clima particolarmente rigido rende Hokkaido la regina dell’inverno: vanta numerose infrastrutture ad alta tecnologia e la powder snow (neve fresca) tra le migliori al mondo.
Per chi intende andare alla scoperta dell’isola, Niseko e Furano sono i resort sciistici più popolari, non solo per le piste di diversi livelli, i servizi turistici e l’ospitalità, ma anche per l’atmosfera vivace e la vita notturna (per tutte le info visitate il sito Skiing-hokkaido.com).

2
Altrettanto vivace, soprattutto culturalmente, è Sapporo, la capitale fondata a fine 1800 che colpirà per l’atmosfera molto distante dal Giappone più tradizionale. È famosa soprattutto per il Festival della Neve, che si tiene dal 6 al 12 febbraio. Durante l’evento la città sfodera edifici e sculture spettacolari realizzate nel ghiaccio, che richiamano ben 2 milioni di visitatori l’anno. Le bancarelle poi offrono il meglio della gastronomia dell’isola e rifocillano i visitatori, che possono gustarsi anche la famosa birra Sapporo, a cui è dedicato perfino un museo. Insieme alla produzione della birra, Hokkaido si distingue per diverse prelibatezze culinarie, come i frutti di mare, i prodotti della terra, il nabe, ovvero pietanze calde cotte in brodo dashi dai commensali direttamente al tavolo, e last but not least il whisky.

Ma oltre al Festival della Neve di Sapporo, febbraio è un buon mese per visitare l’isola e osservare lo spettacolo del pack e dei banchi di ghiaccio alla deriva: siamo ad Abashiri sul mare di Okhotsk. Più a Sud, a Kushiro, è possibile osservare anche la danza di corteggiamento delle gru tancho, e regalarsi una passeggiata nel Parco Nazionale di Akan, noto per le marimo, le alghe verdi di forma sferica che raggiungono le dimensioni di una palla da baseball in 200 anni.

Infine, per riscaldarsi nelle fredde giornate invernali, imperdibile è il bagno in uno dei numerosi onsen, le stazioni termali presenti in gran numero a Hokkaido. I più famosi sono quelli di Noboribetsu, una vivace cittadina vicina alla costa meridionale dove si trovano diverse sorgenti.
Info: Turismo-Giappone.it

Claudia Dagrada

3

Claudia Dagrada

Claudia Dagrada

Viaggiatrice compulsiva zaino in spalla, ama esplorare il mondo in compagnia di se stessa, della macchina fotografica e di un buon libro. Forse per il fatto di essere noiosamente milanese purosangue, appena può prende un volo aereo per raggiungere un paese possibilmente oltreoceano, e senza prenotare nulla. Con una predilezione per il Sud-Est asiatico, ha lasciato il cuore a New York e aspetta con ansia di approdare in Sud America. Tutte queste passioni le riversa nel suo blog dedicato alle marziane che, come lei, amano viaggiare in solitaria. Autrice di Prontechesiviaggia.com