Finlandia: alla scoperta del lago Saimaa, con volo diretto

Finlandia: alla scoperta del lago Saimaa, con volo diretto

Scritto da Simona PK Daviddi on . Postato in Destinazioni

Finlandia.
È il più grande lago d’acqua dolce del Paese il Saimaa – nonché tra i principali d’Europa – e si trova nell’area sud-orientale della meravigliosa Finlandia, dove disegna un paesaggio onirico, fatto di arabeschi liquidi alternati a scorci naturali incontaminati e affascinanti in ogni stagione, che siano ammantati di neve in inverno o rigogliosi e verdissimi nelle stagioni più miti. Affacciate sulle sue sponde, non mancano anche alcune graziose cittadine, perfette per un city break dai ritmi slow, come Savonlinna, Mikkeli e Lappeenranta; nonostante il suo nome non sia facile da pronunciare, memorizzate l’ultima delle tre, poiché è collegata direttamente a Bergamo-Orio al Serio con un comodissimo volo diretto, operato da Ryanair.

Per chi desidera aggiungere un tocco romantico e sofisticato al proprio soggiorno sul lago Saimaa, l’indirizzo da non perdere è quello dell’Hotel Punkaharju, un’oasi di pace e bellezza raffinata gestita dell’ex modella finlandese Saimi Hoyer e realizzato nell’ex residenza ottocentesca del guardaboschi dello zar Nicola I (il confine russo non è distante).

INFO

Visit Saimaa

goSaimaa

Travel Corridor Saimaa-San Pietroburgo

Hotel Punkaharju

Tags: , ,

Simona PK Daviddi

Emiliana per tre quarti (l’ultimo quarto è top secret) è convinta di essere la discendente diretta di Matilde di Canossa, perché come lei “chiacchiera” in una manciata di lingue, tra le quali il russo e il giapponese. Nessuno la chiama con il suo primo nome di battesimo – neppure i suoi genitori né il suo editore – ma con le iniziali degli altri due (anche questi top secret), Pikappa. Ha scoperto le tre grandi passioni della sua vita – viaggiare, fotografare e scrivere – quando aveva otto anni e le hanno regalato la prima reflex e la prima moleskine; da allora, appena può, infila “due cose” in valigia e parte, rigorosamente in compagnia della sua Nikon. Il jet lag la rende euforica. Di recente si è innamorata del rugby e della Sicilia: si sospetta che la “colpa” sia di Massimiliano, il suo fidanzato, rugbista trinacrio. Se non facesse la giornalista, farebbe la ballerina di danza del ventre o la bailaora di flamenco.