FESTIVAL DELLE ARTI: L'AQUILA-TODI-VENEZIA E BEVERLY PEPPER

FESTIVAL DELLE ARTI: L’AQUILA-TODI-VENEZIA E BEVERLY PEPPER

Scritto da Margherita Manara on . Postato in Appuntamenti, Cultura

Dal 12 al 24 settembre Sculture, installazioni, mostre e performance per sottolineare il potere della cultura di vivificare gli spazi urbani in collaborazione con la Fondazione Beverly Pepper.

L’Aquila, Italia.
Tra bellezze del passato e tendenze del presente di apre a L’Aquila  il primo Festival delle Arti, iniziativa della Fondazione Progetti Beverly Pepper realizzata in collaborazione con il Comune di Todi e la Beverly Pepper USA Foundation.

Numerosi gli eventi culturali in programma, che vedranno come protagonisti artisti nazionali ed esteri, ispirati da muse diverse. L’dea è quella di dare spazio e occasione a nuovi talenti, valorizzare i luoghi dell’arte e creare un legame trasversale e transnazionale all’insegna delle diverse esperienze artistiche.   

Saranno una sessantina gli artisti coinvolti, tra scultori, pittori, musicisti, attori, orafi, mastri vetrai. L’obiettivo è quello di rinvigorire l’ interesse culturale, essenziale per la vivacità delle nostre città, trasformandole in palcoscenici naturali per bellezze artistiche storiche e moderne.

Il Festival vuole anche rappresentare un omaggio all’artista statunitense Beverly Pepper, scomparsa quest’anno. La manifestazione si svolge infatti in tre momenti diversi in tre città che ospitano alcune delle opere di land art della scultrice americana.

A L’Aquila, sabato 12 settembre, una esibizione musicale dedicata ai classici del Jazz, realizzata dalla Big Band del Conservatorio cittadino, apre la rassegna. E’ previsto uno spettacolo che vedrà realizzarsi la contaminazione tra generi e stili artistici differenti. Il primo evento prenderà avvio all’Amphisculpture, disegnato da Beverly Pepper per il Parco del Sole. Si tratta del maggiore teatro all’aperto del centrosud, di 3.000 mq e 1800 poltrone.  

Il Festival prosegue a Todi nei tre giorni successivi. In questo borgo, molto apprezzato da Beverly Pepper, trovano collocazione permanente alcune delle sue più famose sculture. Il 18 settembre la vita e la carriera dell’artista verrà ricordata tra le colonne di Todi, attraverso le voci di esponenti istituzionali, amici e familiari.  Nel centro storico, una ventina tra parchi cittadini, cortili dei palazzi storici, piazze, gallerie, negozi ospiteranno quadri, installazioni, sculture, mostre, spettacoli e concerti. «Il nostro borgo da decenni ha accolto l’eclettismo di Beverly Pepper e grazie al suo genio e alla sua lungimiranza, il tessuto cittadino, celebre in tutto il mondo per i suoi gioielli medievali, si è impreziosito ulteriormente, diventando il primo in Umbria a poter vantare un parco monotematico di scultura contemporanea, e il primo al mondo, dell’artista statunitense» ha spiegato il sindaco di Todi Antonino Ruggiano.

La rassegna si concluderà a Venezia, nello Spazio Thetis-Arsenale Novissimo, che già ospita in maniera permanente le quattro celebri Todi Columns di Beverly  Pepper, e da lei donate negli anni 90 ai Musei Civici di Venezia. In quest’area si svolgeranno rappresentazioni di arte contemporanea e percussioni di ContemportaneaMente GruppoDanza. Durante la serata sarà inoltre presentato il progetto di land art che l’artista statunitense ha sviluppato per il centro direzionale Mose.  

Tutte le manifestazioni avranno accesso libero e gratuito.

Per info e programma:
www.fondazioneprogettibeverlypepper.com

Margherita Manara

Giornalista per passione, curiosa per natura, free lance per vocazione, ha collaborato con le principali testate nazionali di quotidiani e riviste specializzate. I suoi interessi spaziano dal turismo all’economia, dalla moda al tempo libero. Non teme la noia, costantemente alla continua ricerca di nuovi stimoli e del bello, che si può nascondere ovunque. Ama il mare d’inverno e la montagna d’estate, scoprire località nascoste e angoli d’arte, conoscere persone. La cose più belle sono condividere la tavola ma anche gioia e avversità con gli amici e l’affetto con i propri famigliari.