Grande, per fortuna l’offerta teatrale a Milano e provincia: molte date si intersecano e si sovrappongono e anche questa è una fortuna. Stasera vado qui, da solo, a gustarmi un testo classico, domani pomeriggio vado là, in compagnia. perché ho voglia anche di farmi due risate…

Cominciamo dalla fine…

Scritto da Alfredo Rossi on . Postato in Appuntamenti, cinema

Grande, per fortuna l’offerta teatrale a Milano e provincia: molte date si intersecano e si sovrappongono e anche questa è una fortuna. Stasera vado qui, da solo, a gustarmi un testo classico, domani pomeriggio vado là, in compagnia. perché ho voglia anche di farmi due risate…

Milano, Italia.
Curiose, a volte le coincidenze che capitano. Prendete per esempio il prossimo 2 febbraio, quest’anno di domenica, giorno della Candelora, che ricorda quando nelle chiese si benedicevano i ceri e le candele. E proverbialmente la Candelora è il momento in cui l’inverno se ne sta andando e si comincia a respirare aria di primavera. Dicevamo delle coincidenze: ci sono ben quattro spettacoli, in cartellone a Milano, che terminano le loro rappresentazioni proprio il 2 febbraio.

QUELLI CHE FINISCONO IL 2…SKIANTO
dal 21 gennaio al 2 febbraio
Una spettacolo che ritorna a Milano dopo una strepitosa tournée, un testo scritto da Filippo Timi che ne è anche l’interprete principale, capace di fare evoluzioni su una bici mono ruota, di pattinare, di ballare, di essere ironico e tragico insieme. A dirlo in una parola, bravo e godibile, come sempre. Lo spettacolo ruota attorno a un bambino diversamente abile costretto a vivere in una stanza per la sua inabilità, ma che ha mille sogni e vive una vita sua, che chi sta intorno nemmeno immagina: sogna di fare il ballerino, di cantare, che si innamora di un pattinatore russo che vorrebbe sposare e vuol vivere una vita che non sia una prigione, una vita normale, tranquilla come quella che intravede solo quando sta con il nonno. E il senso di tutto ciò? Lo spiega lo stesso Timi: “La vera disabilità è l’isolamento, l’incapacità di far uscire le nostre voci”. Dopo Milano lo spettacolo andrà a Torino e a Orvieto.
Teatro Franco Parenti, Sala Grande
Orari
21 gen. h. 20:00; 22 gen. h 19:45; 23 gen. h 21:00; 24 gen. h 20:00; 25 gen. h 20:30; 26 gen. h 16:15; 28 gen. h 20:00; 29 gen. h 19:45; 30 gen. h 21:00; 31 gen. h 20:00; 1 febbraio h 20:30; 2 feb. h 16:15
Prezzi
I settore: intero 38€; II, III e IV settore: intero 30€; under26/over65 18€; Last Minute under26 10€
Info: www.teatrofrancoparenti.it
www.filippotimi.com

NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI
(Storia vera di Enalatollah Akbar),
dal 22 gennaio al 2 febbraio
Tratto dal libro di Fabio Geda, pubblicato in oltre 31 Paesi nel mondo, il suo primo best seller di una lunga fila di successi, anche qui il protagonista è un bambino, che ha un altro tipo di disabilità: è nato nel posto sbagliato, dove l’età dei giochi finisce molto presto. Dopo la morte del padre il piccolo protagonista è costretto a nascondersi per sopravvivere, finché la madre decide di portarlo lontano, con un viaggio, che comincia in Medio Oriente per concludersi in Europa. Una riflessione attualissima sulle immigrazioni, dolorose e pericolose in tutti i tempi, compreso il presente. E una grande lezione sulla speranza e sull’umanità.
Teatro Franco Parenti – Sala AcomeA
Orari
22 gen. h 19:15; 23 gen. h 10:30; 23 gen. h 20:00; 24 gen. h 10:30; 24 gen. h 20:30; 25 gen. h 21:00;
26 gen. h 15:45; 28 gen. h 10:30 e h 20:30; 29 gen. h 10:30 e h 19:15; 30 gen. h 10:30 e h 20:45; 31 martedì 28 Gennaio h 19:30
mercoledì 29 Gennaio h 20:15
giovedì 30 Gennaio h 20:30
venerdì 31 Gennaio h 21:00
sabato 1 Febbraio h 20:00
domenica 2 Febbraio h 16:45 h 10:30 e h 20:30; 1 febbraio h 21:00; 2 feb. h 15:45
Prezzi
Platea: intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€; Galleria: intero 18€; Last Minute under26 10€
Info: www.teatrofrancoparenti.it

NE VERYU – NON CI CREDO,
dal 28 gennaio al 2 febbraio
“Non ci credo” è la famosa frase che Kostantin Sergeevic Stanislavskji, attore e regista russo, diceva agli attori quando la loro interpretazione non era “vera”. Perché è proprio con Stanislavskij che il modo di calcare il palcoscenico è completamente cambiato: secondo lui (e secondo tutti quelli che sono venuti dopo di lui, a cominciare da Lee Strasberg che è stato direttore dell’Actor’s Studio, da cui sono usciti miti come Marlon Brando e James Dean) l’attore non deve “interpretare”, ma “essere” il personaggio. Sul palco, Egidia Bruno che ha scritto anche il testo e che in questo modo rende omaggio al suo leggendario metodo e alla radicale rivoluzione di “fare teatro”. Ad accompagnarla la musica dal vivo del fisarmonicista Vladimir Denissenkov. Consigliato a chi ama il teatro e magari si diletta a farlo.
Teatro Franco Parenti – Sala Tre
Orari
28 gen. h 19:30; 29 gen. h 20:15; 30 gen. h 20:30; 31 gen. h 21:00; 1 febbraio h 20:00; 2 feb. h 16:45
Prezzi
Intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€; Last Minute under26 10€
Info: www.teatrofrancoparenti.it

LA PIANISTA PERFETTA
dal 22 gennaio al 2 febbraio
Così presenta lo spettacolo Guenda Goria che interpreta il ruolo di Clara: “È vero, ‘La pianista perfetta’ è “’La pianista perfetta’ è la realizzazione del mio grande sogno: quello di potermi esprimere come attrice e concertista. Clara è una donna dedita all’arte, una virtuosa dell’Ottocento carica di forza contemporanea, romantica e volitiva protagonista di una delle più struggenti storie d’amore; quella con il genio compositore Robert Schumann. Un personaggio che vivo con profondo amore e struggimento, che mi offre ogni volta una gioia inaspettata. Il testo di Giuseppe Manfridi è di una bellezza rara, intriso di romanticismo e la regia del maestro Maurizio Scaparro esalta l’eleganza e l’intensità del racconto. Uno spettacolo che parla a tutti, oggi più che mai”. E che rappresenta una specie di anteprima per il prossimo PianoCity di Milano, la tre giorni di “pianoforte diffuso”, in calendario dal 22 al 24 maggio prossimi.
MTM Teatro Litta
Orari
Dal mercoledì a sabato h 20:30; domenica ore 16:30
Prezzi
Intero 25€; intero giornata di debutto 15€; convenzioni 20€; ridotto arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) 20€; Under30 e Over65 15€; scuole di teatro e università 15€
Info: www.mtmteatro.it

SE VOLETE DIVERTIRVI
Il cabarettista Giovanni Vernia, che spazia con nonchalance dal web alla tv al cinema, ma che ama profondamente il teatro (dice: “Qui posso esprimermi a tutto tondo. E la cosa mi piace”), arriva per una sola data a Milano con “Vernia o non Vernia”, titolo che fa il verso a “essere o non essere” di shakespiano copyright), con cui è in tournée per l’Italia con grande successo. Vernia fa ridere con il suo stile, che è uno stile mai volgare, dove ci sono i monologhi, ma dove la musica è un elemento imprescindibile per creare e scatenare la risata, dove il ritmo è altissimo e dove il bersaglio dell’ironia è in primo luogo lui stesso, con i suoi vizi e le sue manie, in cui tutti per magia si riconosceranno scoppiando in risate liberatorie di identificazione.
Teatro Manzoni, Milano
Orario
3 febbraio, ore 20,45
Prezzi
Prestige 27,00 €; poltronissima 25,00 €; poltrona 18,00 €; under26 17,00 €
Info: www.teatromanzoni.it
www.giovannivernia.it

IL GIARDINO DELLE CILIEGE”
è una riedizione attuale de “il giardino dei ciliegi” di Checov, un classico del teatro, reinterpretato e reinventato dalle Nina’s Drag Queen, la compagnia “en travesti” nata nel 2007 presso il teatro Ringhiera di Milano. “Il giardino dei ciliegi” di Anton Checov è una piccola storia familiare, immersa in un’epoca di grande cambiamento, aspettando un unico avvenimento – la vendita del giardino – i personaggi si dibattono in situazioni apparentemente futili: amori inseguiti e non corrisposti, feste senza invitati, passeggiate tra i viali. Si ride, ma non solo…
MTMTeatro Leonardo, dal 23 al 26 gennaio
Orari
Da giovedì a sabato ore 20:30; domenica ore 16:30
Prezzi
Intero 25€; intero giornata di debutto 15€; convenzioni 20€; ridotto arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) 20€; Under30 e Over65 15€; scuole di teatro e università 15€
Info: www.mtmteatro.it
ninasdragqueens.org

ph Francesca Ferrai

ULISSE, CHI ERA COSTUI?
Curiosamente, due spettacoli che si rifanno a Ulisse e al suo lungo girovagare per i mari tra mille avventure per ritornare a casa, a Itaca, dove c’è la moglie Penelope ad aspettarlo. Da anni.
In “Itaca per sempre”, tratto dall’omonimo libro scritto nel 1997 da Luigi Malerba, uno degli scrittori più importanti del secolo scorso, la storia parte da una domanda: cosa pensano di sé e del proprio partner dopo tanti anni di lontananza? Il dramma di questa Penelope e di questo Ulisse, che non si riconoscono in fondo per quello che sono ora: c’è solo un grande vuoto. E da questo vuoto Ulisse sente nascere il desiderio di fuggire; se non lo fa, è per paura, perché l’ignoto ormai lo spaventa. Tornerà da Penelope e solo alla fine potranno forse riscoprirsi come due, non più giovani, ma nuovi sposi.
Teatro i, Milano, dal 29 gennaio al 3 febbraio
Orari
lunedì, giovedì, venerdì, h 21; martedì, riposo; mercoledì e sabato, h 19:30; domenica, h 17
Prezzi
Intero 18€, ridotto 7€

La riproposta di “Ulisse, il ritorno” rimette in scena un viaggio poetico nell’uomo e nell’oggi, una riflessione necessaria sul nostro tempo, sulle nostre utopie e sugli ideali su cui una generazione ha costruito la propria vita e il proprio modo di essere. E allora la necessità di “tornare a casa” vuole dire innanzitutto tornare a noi stessi, a quello che più ci appartiene, a quello che davvero siamo e che forse col tempo ci siamo dimenticati di essere. Tre personaggi, tre naufraghi della vita che, in uno spazio che è insieme teatro, imbarcazione e sala da ballo, raccontano la propria storia, mentre presente e passato si confondono. Sullo sfondo il continuo rimando ai personaggi di Omero, ma soprattutto alle atmosfere profonde e poetiche dei film di Theo Angelopoulos, regista greco scomparso, cui è dedicato lo spettacolo. Ancora un grande omaggio di Corrado d’Elia al teatro e alla sua forza vitale, impulsiva e purificatrice.
MTMTeatro Leonardo, dal 30 gennaio al 9 febbraio
Orari
Da giovedì a sabato h 20:30; domenica ore 16:30
Prezzi
Intero 25€; intero giornata di debutto 15€; convenzioni 20€; ridotto arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) 20€; Under30 e Over65 15€; scuole di teatro e università 15€

SE AMATE L’AMORE
Tappa milanese per “The Deep Blue Sea”, uno dei capolavori del grande drammaturgo inglese Terence Rattigan. A interpretare la protagonista Luisa Ranieri, diretta da Luca Zingaretti (l’indimenticabile commissario Montalbano), qui alla sua prima regia pura, senza far parte del cast. Un’opera che mette al centro una donna che incarna l’essenza stessa della capacità di amare, resistere e rinascere delle donne, un’opera che racconta l’amore che tutto travolge, a cominciare dal più elementare rispetto per se stessi. La storia si sviluppa nell’arco di un’unica giornata e inizia con il fallito tentativo di Hester Collyer Page di togliersi la vita con il gas. La donna ha lasciato il marito, un facoltoso e giudice dell’Alta Corte, perché innamorata del giovane Freddie Page, un contadino ex pilota della Raf, ormai dedito all’alcool. La relazione, nata sull’onda della passione e della sensualità, si spegne progressivamente a causa delle difficoltà economiche, della differenza di età e di ceto. Ma alla fine della giornata questi due personaggi, emarginati dalla società per il loro eccesivo “amare”, si scopriranno legati da una curiosa e commovente solidarietà.
Teatro Manzoni di Milano, dal 30 gennaio al 16 febbraio
Orari
Giorni feriali ore 20,45; domenica ore 15,30
Prezzi
Poltronissima Prestige 35,00€; poltronissima 32,00€; poltrona 23,00€; poltronissima under26 15,50€
Info: www.teatromanzoni.it

Alfredo Rossi

Alfredo Rossi

Milanese di nascita, monzese di residenza, sono sposato e ho quattro figli e cinque nipoti: Sebastiano, Irene Lola, Isabella, Sergio e, arrivata da pochissimo, Corallo. Giornalista professionista, ho lavorato a Il corriere dei ragazzi, Max, Sale & Pepe, Chi (quando si chiamava ancora Noi), Donna Moderna, Sorrisi & Canzoni, Io Donna, Novella 2000, Sette. Ho scritto centinaia di sceneggiature per fumetti e fotoromanzi. Appassionato di teatro, lo frequento molto, sia sulle poltroncine rosse da spettatore sia sulle tavole del palcoscenico come... attore. Mille interessi, nessuno mai approfondito in modo sistematico, forse perché non amo la routine. Il mio motto? "La vita è bella, ma può sempre diventare ancora più bella”