ASTA MONDIALE DEL TARTUFO BIANCO D’ALBA 2015

Scritto da Francesca Vespignani on . Postato in archivio

Sipario alzato, domenica 8 novembre, sulla XVI edizione dell’Asta mondiale del tartufo bianco. Come sempre ad Alba, al Castello di Grinzane Cavour. Una festa per buongustai e non solo. Un profumo, un territorio, grandi vini e tanta solidarietà.

Alba, Italia
Sua maestà il tartufo bianco, il pregiato tuber magnatum pico, torna protagonista, per essere battuto all’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba. Quest’anno alla XVI edizione. A chi andrà il pezzo più importante? Lo scorso anno è stato un imprenditore di Hong Kong ad aggiudicarsi il tartufo di quasi un chilogrammo, che ha così preso la via dell’Asia.

castello-grinzane-asta-del-tarufo-bianco-2015-2

L’appuntamento, ormai una tradizione autunnale di gourmet e bon vivant,  si svolgerà come sempre negli austeri spazi del maniero appartenuto al grande statista piemontese Camillo Benso Conte di Cavour. Il Castello di Grinzane Cavour (Cuneo), inserito tra i siti riconosciuti Patrimonio dell’Umanità Unesco, sarà così lo scenario, domenica 8 novembre, della competizione internazionale, e a finalità benefica, tra gli appassionati del gusto che nel mondo apprezzano l’enogastronomia di Langhe e Roero.

Il mondo dell’alta cucina, imprenditori e filantropi, disputeranno a suon di emozionanti rilanci una vera e propria gara per aggiudicarsi i migliori esemplari di tartufo bianco d’Alba, mandati all’incanto in abbinamento a blasonati lotti di Barolo e Barbaresco. Ogni lotto dei pregiati funghi ipogei verrà battuto all’asta sia al Castello di Grinzane Cavour sia sulla piazza di Hong Kong. Qui l’evento sarà ospitato dallo chef, tre stelle Michelin, Umberto Bombana,  nel suo ristorante 8 1/2 Otto e Mezzo Bombana. In collegamento, il presidente del Consorzio di Tutela Barolo e Barbaresco Pietro Ratti.

L’ultimo e più prezioso lotto, per la pezzatura e la qualità dei tartufi, sarà conteso in contemporanea, in diretta satellitare, tra Grinzane e Hong Kong.

In qualità di battitori d’eccezione, l’habitué Davide Paolini, il Gastronauta, giornalista ed esperto di enogastronomia, la conduttrice Elenoire Casalegno, ed Enzo Iacchetti. Un tocco di sarcasmo e ironia sarà garantito da Andro Merkù, giornalista e conduttore, noto al grande pubblico principalmente per le imitazioni realizzate nel corso del programma di Radio24 “La Zanzara”.

castello-grinzane-asta-del-tarufo-bianco-2015

Il ricavato dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, tradizionalmente destinato in beneficenza, quest’anno sarà devoluto, per quanto riguarda il territorio patria dell’evento, alla Fondazione Nuovo Ospedale Alba Bra Onlus e ad altre realtà della zona. A Hong Kong le risorse 2015 andranno all’Istituto Mother’s Choice, che si occupa di sostenere bimbi orfani e giovani mamme in difficoltà.

E quest’anno il riconoscimento speciale di Ambasciatore del Tartufo Bianco d’Alba nel mondo, attribuito dall’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, andrà a Joan Roca. Del ristorante El Celler de Can Roca di Girona, in Catalogna. Joan Roca ed i fratelli Josep e Jordi, hanno portato il loro locale in vetta alla classifica dei The World’s 50 Best Restaurants per il 2015.

Dove: Castello di Grinzane Cavour – via Castello, 5 Grinzane Cavour (CN)
Quando: domenica 8 novembre 2015
Informazioni: Enoteca Regionale Piemontese Cavour, Cristina Chiambretto  Tel. 0173-22.66.24 – 349/5571646

Francesca Vespignani
fra.vespignani@agendaviaggi.com

Photo credit: Maurizio Milanesio, Mauro Rosso, Bruno Murialdo, Marco Molino

Francesca Vespignani

Adora Milano, la sua città. Dove è nata, cresciuta e vive tuttora. E che rappresenta il cinquanta per cento delle sue origini. L'altro cinquanta per cento è romagnolo. Ama la Francia. Tanto che è convinta di essere stata francese, in un'altra vita. Lettrice accanita, con una predilezione per i gialli e i grandi detective della letteratura, ama il mare in ogni stagione, il profumo della macchia mediterranea e il blu che solo certi cieli di marzo sanno regalare. Le sue due grandi passioni sono viaggiare, per scoprire nuove città, altri panorami, altre culture, e scrivere. Con un forte debole per la buona cucina.