ARTE SELLA, IL SENTIERO DEI CAPOLAVORI

Scritto da Ermanno Lucchini on . Postato in Appuntamenti, archivio1, Spazi & Natura, Weekend

Borgo Valsugana, Italia.
Chiamatela art in nature. O land art. Oppure artenatura. La sostanza non cambia: è quel movimento di artisti che crea le proprie opere insieme alla natura. Sculture, composizioni, installazioni destinate a fondersi con ciò che le circonda e a diventare parte del paesaggio. La land art in Italia trova la massima espressione in Arte Sella, festival annuale ed esposizione permanente di capolavori dell’art in nature collocati nello stupendo palcoscenico naturale della Valle di Sella, a Borgo Valsugana (35 chilometri da Trento).
Per celebrare il trentennale della fondazione, Arte Sella sta per riaprire uno spazio espositivo, Villa Strobele, che accoglierà le opere di Alison Stigora, Giovanni Wegher e Urs Twellmann, i land artist protagonisti dell’edizione 2016 della manifestazione insieme a Onishi Yasuaki e allo sculture Pinuccio Sciola. La presentazione dei loro lavori, fissate per il 18 settembre alle ore 11, è un’occasione da non perdere: si potrà partecipare in loco a una visita guidata al percorso ArteNatura, che parte proprio da Villa Strobele e, alle ore 14.30, a un’altra visita guidata alle opere del secondo percorso espositivo, quello dell’area Malga Costa.

Arte-sella-opere-Will-Beckers,-Attraversare-l'anima,-Copyright-Arte-Sella,-ph.-Giacomo-Bianchi-0000

Una passeggiata salutare per respirare a pieni polmoni e ammirare la straordinaria bellezza della natura e di una cinquantina di capolavori “viventi”.
Il primo percorso espositivo si snoda per 3 km lungo un sentiero nel bosco sul versante del monte Armentera. Alberi secolari, prati, uno stagno alpino: meraviglie della montagna che si alternano alle opere, alcune delle quali si raggiungono penetrando all’interno del bosco.
Il secondo percorso si trova invece nell’area di Malga Costa, grande edificio rurale diventato centro culturale permanente, da dove parte  un tragitto ad anello di circa un chilometro. Poco distante, la Cattedrale Vegetale di Giuliano Mauri, opera monumentale che sta per essere replicata a Lodi, città natale dell’artista, sulle sponde del fiume Adda.

Arte-sella-opere-Lee-Jaehyo,-0121-1110=115075,-Copyright-Arte-Sella,-ph.Giacomo-Bianchi_4161

Altre due iniziative settembrine, a corollario. La prima, Cycling Dance, si svolgerà domenica 4 settembre lungo la pista ciclabile che collega Bassano del Grappa a Borgo Valsugana: per sei ore, dalle 11 alle 17, i ciclisti impegnati nell’escursione potranno assistere (gratuitamente) a performance di danza contemporanea. Per l’occasione, Inbike Valsugana propone un servizio di noleggio bici a prezzi agevolati (prenotazioni: tel. 346.0150795).
Sabato 24 e domenica 25 settembre, invece, Giuliano Carmignola, Mario Brunello e i Sonatori de la Gioiosa Marca eseguono a Malga Costa i Concerti di Antonio Vivaldi (prenotazioni: tel. 0461.751251).

Arte-Sella-opere-Cattedrale-Vegetale-di-Giuliano-Mauri

 

TACCUINO DI AGENDAVIAGGI
Dove mangiare
Ristorante Al Legno, all’inizio del primo percorso ArteNatura. Con parcheggio. Prenotazioni:  tel. 344.2848145.
Dall’Ersilia, località Malga Costa. Punto ristoro aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18. Prenotazioni: tel. 0461.761092.
Osteria del Melograno, via Beltrami 5 (tel. 0372.31863). Tradizione rivisitata in chiave moderna. Menù vegano.
Dove dormire
La Villa degli Orti, via per Torcegno, Borgo Valsugana (tel. 0461.754194; 366.8952892).  Grande dimora ottocentesca con stupenda vista sul paese e sulle montagne tra Valsugana e Altopiano di Asiago.
Locanda in Borgo, corso Ausugum 90, Borgo Valsugana (tel. 0461.757103). Garni con area wellness: bagno turco, sauna, doccia rigenerante, stanza del sale.

Ermanno Lucchini

Foto: a partire dall’alto opera di Aeneas Wilder fotografata da Giacomo Bianchi, opera di Lee Jaehyo “Attraversare l’anima” di Giacomo Bianchi, opera di Lee Jaehyo fotografata da Giacomo Bianchi, Cattedrale vegetale di Giuliano Mauri. 

Ermanno Lucchini

Elettrizzato da Londra a 14 anni, da allora Ermanno Lucchini non ha più smesso di viaggiare: da Lodi a Milano, tutti i giorni, casa-redazione redazione-casa (prima ad Altroconsumo, poi negli ultimi vent’anni a Io donna, il femminile del Corriere della Sera). Qualche parentesi: Madagascar, Polinesia, Ngorongoro, Cina, India, Messico, Cuba, Stati Uniti, Germania (in bici: lungo il Reno, sul lago di Costanza, a Monaco, a Berlino, a Kassel per Documenta). A 59 anni si ostina a pedalare e a prendere treni affollati e quasi sempre in ritardo: dice che è la miglior terapia per rimanere vivo. E vegeto.