Alitalia: Discover Italy, portale di promozione del turismo in Italia

Scritto da Redazione on . Postato in archivio1, Travel Operator, Turismo

La nuova piattaforma digitale propone idee e itinerari tematici, multilingue e multicanale, offrendo un racconto emozionale delle tipicità e delle unicità delle varie località turistiche italiane.

 

 

Milano, Italia.
Martedì 27 febbraio, a Milano, presso la sede del Touring, Alitalia ha lanciato Discover Italy, nuova piattaforma editoriale, realizzata in collaborazione con Touring Club Italiano e Gambero Rosso,  per promuovere il Belpaese e le sue eccellenze.

Con “Discover Italyavviamo il processo di trasformazione del nostro sito in una nuova piattaforma digitale con contenuti dedicati e personalizzati. L’obiettivo è quello di attirare sui nostri voli più turisti, soprattutto dall’estero, e promuovere in un modo coinvolgente ed emozionale le destinazioni italiane. – ha dichiarato Fabio Maria LazzeriniVoglio ringraziare gli autorevoli partner di questo progetto, Touring Club  Italiano e Gambero Rosso, perché attraverso il loro importante contributo siamo riusciti a confezionare un prodotto innovativo e di grande qualità, che ha infiniti margini di sviluppo.

Abbiamo lavorato a lungo per essere partner di questo accordo che abbiamo condiviso – ha affermato Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italianoconsapevoli che sia fondamentale promuovere con autorevolezza le eccellenze del nostro Paese. L’Italia è uno dei Paesi in Europa più ricchi di biodiversità, di distintività territoriale, di qualità di beni gastronomici, di attrattività paesaggistica, di patrimonio culturale. È un Paese unico al mondo e merita di essere conosciuto, promosso e valorizzato. La preziosa collaborazione con partner che sono autorevoli attori del sistema Italia ci assicura il raggiungimento del nostro obiettivo.

Gli ultimi dati del settore turistico – ha aggiunto Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rossoconfermano l’attenzione e l’interesse crescente per l’enogastronomia made in Italy e come questa sia diventata una spinta motivazionale per l’incoming nel nostro Paese, rivestendo la stessa importanza della storia, della cultura e dei beni archeologici che ogni anno richiamano milioni di turisti. L’Italia è incomparabile per la straordinaria presenza di eccellenze legate ai territori, unici nei loro paesaggi e nella loro biodiversità. Gambero Rosso, che si conferma soggetto di riferimento del settore, è orgoglioso di far parte di questo progetto insieme ai partner di prestigio Alitalia e Touring Club Italiano.

La nuova piattaforma digitale, multilingue e multicanale, offre un racconto emozionale delle tipicità e delle unicità delle varie località turistiche italiane, con contenuti originali e di qualità: il portale contiene informazioni, consigli, guide ed esperienze di viaggio, idee di viaggio ed itinerari tematici per attrarre passeggeri ed incrementare il turismo in Italia, soprattutto dall’estero.
I diversi itinerari tematici, con cui ogni località è narrata, spaziano dall’enogastronomia, all’architettura; dal cinema, alle feste popolari; dal lifestyle, allo sport. Il tutto è declinato in modo originale ed emozionale, con proposte personalizzate per diverse tipologie di viaggiatori.

Su Discover Italy, in un’ottica di continuo coinvolgimento emotivo dell’utente. i territori italiani sono raccontati con editoriali, ricette, suggerimenti sulle migliori esperienze da vivere, tutorial, foto, video, test e altri contenuti interattivi.
Per ogni destinazione, inoltre, sono sempre disponibili le offerte speciali Alitalia, porta di ingresso nel nostro Paese per milioni di turisti da tutto il mondo, per volare dall’estero verso la meta turistica consultata.
La piattaforma editoriale Discover Italy è stata realizzata da SHADO, la media company di H-FARM, punto di riferimento per l’innovazione e prima realtà in Italia in grado di supportare la creazione di nuovi modelli d’impresa e la trasformazione e l’educazione dei giovani e delle aziende italiane in un’ottica digitale.

Info: Discover Italy – Alitalia

 

Giovanni Scotti