VALENCIA, UNA META PER TUTTI I GUSTI

Scritto da Pamela Cazzaniga on . Postato in viaggi senza barriere

Valencia, Spagna.
Situata nella parte sud-orientale della Spagna è il capoluogo della Comunità Valenciana ed è equidistante 350 km da Barcellona e Madrid. Oltre ad essere un mix tra la cultura catalana e quella andalusa offre molto ai suoi visitatori: dalla parte antica all’architettura moderna fino al mare con le sue belle spiagge!

Nel centro storico, il distretto della Ciudad Vella che comprende i maggiori monumenti, sorge il Barrio del Carmen, cuore pulsante della vita notturna. In Plaza Reina vi è la splendida Cattedrale che può essere raggiunta attraverso tre portali di accesso: Puerta de Los Hierros, Puerta de Palau e Puerta de los Apostoles. All’interno di una cappella è custodito uno dei presunti calici del Santo Graal. Sempre nella Ciudad Vella si trovano le Torres de Serranos, una delle 12 porte che aprivano le vecchie mura della città. Dalla parte opposta di Valencia invece spicca una delle attrazioni principali: Las Ciudades de Las Artes y Las Ciencias, capolavoro di tecnologia e di architettura post-moderna dell’architetto Santiago Calatrava. Differenti cinque strutture sono divise all’interno delle aree tematiche di arte, scienza e natura: Oceanografic, Umbracle, Palazzo delle Arti, Museo della Scienza ed Hemispheric.

Il taccuino di AgendaViaggi

ciudad-arte-y-ciencias-600Imperdibile il Mercato Centrale, edificio caratteristico per le sue decorazioni interne ed esterne. Si vendono tutti i tipi di alimenti tipici valenciani, d’obbligo l’acquisto del jamon Serrano!
Plaza Ayuntamiento nel pieno centro città. È la piazza più importante di Valencia.
Giardini del Turia, parco di 110 ettari ideale per gli amanti del footing o semplicemente per coloro desiderano rilassarsi.
Playa de la Malvarossa, la spiaggia cittadina per eccellenza! È lunga 1000 metri ed è dotata di numerosi servizi.

Accessibilità in sedia a rotelle. Questa città spagnola è molto all’avanguardia e attenta alle barriere architettoniche. Tutti i pullman hanno la pedana e le fermate della metropolitana sono agibili per le carrozzine. A Playa de la Malvarossa ci sono lunghe passerelle per accedere alle spiagge e alcuni stabilimenti balneari hanno bagni per disabili. Unico neo la pavimentazione irregolare e a ciottoli nel centro storico, ma questo è un problema che si riscontra in tutte le città antiche.

Dove dormire
Hotel Consul del Mar, a dieci minuti a piedi dalla fermata della metro in una zona ricca di bar, ristoranti e negozi. Offre una piscina interna riscaldata e una sauna.

Dove mangiare
La Pepica, ristorante specializzato in piatti di pesce e paella. Situato vicino al porto sul lungomare di Playa Malvarossa, è molto ampio con una terrazza che si affaccia sul mare.
La Bodeguilla del Gato, per assaggiare le migliori tapas della città.

Pamela Cazzaniga

Pamela Cazzaniga

Solare, vivace ed esuberante ama da sempre le lingue e i viaggi. Vive in provincia di Lecco, vicina alla soglia dei 40 anni è da 18 su una sedia a rotelle a causa di un brutto incidente stradale. Dopo aver superato il trauma ha ripreso a girare il mondo e, sull’onda di questa grande passione, nel 2014, ha aperto un blog “ilmondodipamela.it” per stimolare i disabili a viaggiare. Felice di collaborare con Agendaviaggi che le permette di realizzarsi come donna, viaggiatrice ma soprattutto come disabile. Il suo motto è “crederci sempre arrendersi mai!”