Umbria, il cuore verde d’Italia, in versione natalizia

Umbria, il cuore verde d’Italia, in versione natalizia

Scritto da Alfredo Rossi on . Postato in Appuntamenti, Turismo

MIlano, Italia.
Natale, tempo di incontri, cene, momenti di allegra convialità. È quello che ha offerto ai rappresentanti della stampa milanese l’assessore regionale del Turismo, cultura e sport Paola Agabiti che ha ricordato come in Umbria “si respira e si vive una atmosfera unica, perché è una terra dalle mille risorse, ricca di cultura, storia, tradizioni”. La scelta della agenzia The Gate, che ha curato la campagna “Natale in Umbria 2019”, è stata quella di proporre la serata in una location raffinata, ma allo stesso tempo intima, proprio per sottolineare il calore tipico delle festività trascorse a casa di una famiglia umbra. Così a Villa Singer hanno fatto da cornice ideale gli addobbi natalizi della migliore tradizione ceramica umbra e le più prestigiose tessiture regionali.

Il menù, realizzato dalla Gubbio Food Experience , ha presentato il meglio della tradizione enogastronomica umbra e dei piatti tipici della regione (per gli amanti della buona tavola vle la pena di fare un viaggio in terra umbra, non c’è dubbio!). La musica di Michael Supnick ha anticipato la magica atmosfera che si respirerà per le strade di Orvieto durante l’Umbria Jazz Winter #27, dal 28 dicembre al 1 gennaio 2020.

Ala fine della serata, tanti auguri a tutti!

Alfredo Rossi

Alfredo Rossi

Milanese di nascita, monzese di residenza, sono sposato e ho quattro figli e cinque nipoti: Sebastiano, Irene Lola, Isabella, Sergio e, arrivata da pochissimo, Corallo. Giornalista professionista, ho lavorato a Il corriere dei ragazzi, Max, Sale & Pepe, Chi (quando si chiamava ancora Noi), Donna Moderna, Sorrisi & Canzoni, Io Donna, Novella 2000, Sette. Ho scritto centinaia di sceneggiature per fumetti e fotoromanzi. Appassionato di teatro, lo frequento molto, sia sulle poltroncine rosse da spettatore sia sulle tavole del palcoscenico come... attore. Mille interessi, nessuno mai approfondito in modo sistematico, forse perché non amo la routine. Il mio motto? "La vita è bella, ma può sempre diventare ancora più bella”