SPAghetTIAMO CON ROMEO HOTEL

Scritto da Beatrice Caldovino on . Postato in Alberghi e Spa, Weekend

Sul golfo di Napoli, il Vesuvio da sfondo, la moderna struttura di cristallo del Romeo Hotel che riflette le luci del tramonto e la giusta compagnia sono gli ingredienti essenziali per un San Valentino indimenticabile.

Romeo Hotel, Napoli.
Sarà che è una delle città che ho sempre amato, ma ogni volta che vengo a Napoli rimango colpita dal suo fascino verace, con i panni stesi da una parte all’altra della  strada, le facciate dai cornicioni pericolanti e gli imponenti palazzi borbonici dall’intonaco inesistente, la calca che con tutta la sua vitalità affolla San Gregorio Armeno e Spaccanapoli, dove è sempre il momento per un buon caffè e in cui ogni dettaglio è stato d’ispirazione alle opere teatrali del grande Eduardo De Filippo e ai più famosi cantautori italiani.

Romeo-hotel-Napoli-702

Sono state le note magistrali di Pino Daniele e dell’intramontabile Caruso a farmi sognare Napoli per un romantico San Valentino da trascorrere al pentastellato Romeo Hotel!

Inaugurato nel 2008, il Romeo Hotel è il mix perfetto tra design, arte contemporanea e pezzi d’antiquariato, a pochi passi dal porto e dai tesori archeologici ed architettonici di Napoli.

CAMERE DALLA VISTA MOZZAFIATO
L’Hotel dalle facciate di cristallo su cui si riflettono le suggestive luci del porto, lo stesso preferito dalla star hollywoodiana Kevin Spacey, edificato negli anni ’50 come “Palazzo della flotta Lauro” e poi ristrutturato dal celebre studio giapponese Kenzo Tange & Associates, rifinito rispettando tutti i canoni del comfort e del design, è un connubio perfetto di architettura contemporanea, come le sculture di Christian Leperino, Francesco Clemente, Lello Esposito e arredi di Fontana, e mobili d’antiquariato giapponesi, risultando al contempo classico ma innovativo. Sin dall’entrata, con una cascata di sfondo e piante in ogni angolo, ci si rende subito conto che i motivi architettonici sono l’acqua ed il green.

romeo-hotel-napoli-800

Il Romeo Hotel offre anche una possibilità di svago agli ospiti che, dopo una pausa nella Cigar Room, preferiscono soffermarsi per una partita a biliardo o al biliardino, sentire un po’ di musica con il juke box originale del ’42 o sfidare la fortuna alla roulette.

Qualunque scegliate tra le luminosissime 82 camere e suite dalle ampie vetrate, la vista vi lascerà senza fiato: anche dal terrazzo, sdraiati comodamente nella vasca idromassaggio riscaldata, sembra di trovarsi in uno di quei famosi quadri dove si incornicia il mare calmo del porto che delimita le mille luci della città, con l’immancabile Vesuvio da sfondo e, in lontananza, Capri e la costiera Sorrentina.

SPA TRA PASSATO E BENESSERE
Per un San Valentino al bacio non può certo mancare un percorso benessere al Romeo Wellness – Dogana del Sale, dove lasciarsi coccolare da docce emozionali, vasche idromassaggio – con le più romantiche scene di film proiettate nello sfondo -, sauna finlandese, bagno turco, frigidarium, percorso Kneipp e Stanza del Sale, oltre ad una vasta scelta di trattamenti da parte di uno staff altamente qualificato.

Romeo-hotel-Napoli-701

Entrare in questa SPA di 1.000 metri quadrati è come fare un tuffo nel passato: il vecchio edificio, che veniva usato per il commercio del sale, mostra l’architettura originale del XVI secolo con i soffitti a volta, la facciata in mattoni e le fondamenta di roccia vulcanica. Questo gioco architettonico si sposa perfettamente con i giochi d’acqua e di luci e la palestra hi-tech di 300 metri quadrati.

Dopo il percorso SPA è l’ideale soffermarsi nell’accogliente zona relax, esclusivamente dedicato al riposo mentale e fisico, lasciandosi avvolgere dal tepore e dall’aria ricca di ioni di sale minerale e, mentre si sorseggia una rigenerante tisana, crogiolarsi tra le note del sistema Harmonic Vibes per l’ascolto naturale della musica come dal vivo.

Anche se avete dei figli, non rinunciate a trascorrere del tempo con la persona amata:  grazie al Kids Garden i piccoli ospiti saranno seguiti e intrattenuti in giochi ed attività, permettendo ai genitori di rilassarsi completamente immersi nella pace sensoriale della SPA.

UNA CENA STELLATA
Il Romeo Hotel ne ha veramente per tutti i gusti: le diverse proposte gastronomiche consentono di sperimentare la variegata cucina partenopea su tutti i fronti. Situato all’ultimo piano dell’hotel, il fiore all’occhiello è il raffinato ristorante Il Comandante (1 stella Michelin conquistata dallo Executive Chef Salvatore Bianco nel 2012), l’unico ristorante d’hotel stellato di Napoli, che offre degli squisiti piatti gourmet da gustare davanti all’ineguagliabile panorama, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino sapientemente scelto tra le oltre 1400 etichette nazionali ed internazionali della cantina, dalle più famose e prestigiose ai vigneti più di nicchia, tutte ugualmente contraddistinte dall’altissima qualità.

Il Romeo Pool Bar, situato al nono piano, è invece la scelta più informale per la prima colazione o per chi volesse sorseggiare un cocktail e pranzare, assaporando le diverse specialità della cucina napoletana.

Il Romeo Bar, infine, è il punto di riferimento della Napoli più cool, con la serata scandita da aperitivo, sushi a cena e spaghetto ‘mbruscinato, piatto “must” della tradizione napoletana, per poi terminare il pasto con un favoloso babà.

PACCHETTO SPAghetTIAMO
Per San Valentino non poteva certo mancare un pacchetto ad hoc: il 14 febbraio dalle ore 20 il pacchetto SPAghetTIAMO comprende il percorso SPA di coppia ed una romantica cena presso il Romeo Bar, mix perfetto tra la cucina giapponese e partenopea, ideato dallo Chef Salvatore Bianco e dalla Sushi Chef Mariko Watanabe.

Per maggiori informazioni: Romeohotel.it

Beatrice Caldovino
beatrice@agendaviaggi.com

 

 

 

 

 

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Nata a Frascati, deliziosa cittadina dei Castelli Romani dove è inevitabile lasciarsi incantare dalla cultura, dall’arte e dalla buona cucina. Ama viaggiare alla scoperta di cose sempre nuove, da raccontare con le parole e con le immagini. E’ felicemente sposata e impegnata nel volontariato (ma le due cose non sono collegate). Adora andare per mercatini dell’antiquariato con la speranza, spesso vana, di scovare qualche tesoro nascosto. L’unica cosa di cui si sorprende è di potersi ancora sorprendere.