Revolutionary Road al Teatro Litta di Milano: una coppia perfetta che sogna una vita diversa

Revolutionary Road al Teatro Litta di Milano: una coppia perfetta che sogna una vita diversa

Scritto da Alessandra Chianese on . Postato in Appuntamenti, cinema

LA STORIA DI UNA COPPIA APPARENTEMENTE PERFETTA: MARITO E MOGLIE BELLI, INTELLIGENTI, COLTI, INNAMORATI, TENUTI LEGATI DALL’IDEA DI ESSERE SUPERIORI ALL’AMBIENTE MEDIOCRE E PICCOLO BORGHESE CHE LI CIRCONDA E IMPRIGIONA. FINCHE’ UN GIORNO TUTTO CAMBIA.

Milano, Italia.

Grande successo per Revolutionary Road, in scena al Teatro Litta di Milano. Uno spettacolo che mette in scena una coppia apparentemente perfetta ma che in realtà presenta fragilità, desideri e problemi celati ma che poi riaffiorano pesantemente.

Il tema dello spettacolo

Lei e Lui. Belli, intelligenti, piuttosto colti, innamorati. Una casa “carina” e accogliente. Un lavoro noioso ma sicuro per lui. Blandi impegni domestici per lei, che ha tempo per coltivare come hobby la sua passione d’attrice. Ma lei e lui vogliono, o almeno sognano, altro. Si ritengono superiori all’ambiente mediocre e piccolo borghese che li circonda e imprigiona; e questo senso di superiorità, chissà quanto fondato, li tiene uniti e segretamente complici. Finché tutto cambia.

MTM Teatro

REVOLUTIONARY ROAD

regia Fabrizio Visconti – autore Renato Gabrielli . interpreti Rossella Rapisarda, Stefano Annoni, Daniele Gaggianesi

INFO

Per scoprire tutte le novità e gli spettacoli proposti presso il teatro Litta di Milano, consultare www.mtmteatro.it

Alessandra Chianese

Nata e vissuta in provincia di Napoli, è da sempre appassionata di arte, di cultura, di moda e del buon cibo italiano. Giornalista, fin da piccola mostra un costante interesse per l’attualità e la politica, determinanti nella sua scelta di vita professionale. Amante delle lingue, adora viaggiare, scoprire nuovi posti e allargare i propri orizzonti. La frase che più la rispecchia è un passo scritto dal grande poeta Dante: “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.