Poderi di San Pietro: in scena il vino dedicato alla donna

Poderi di San Pietro: in scena il vino dedicato alla donna

Scritto da Redazione on . Postato in Food&Drink, sanvalentino

Poderi di san Pietro presenta “Nuè”, il vino rosato dedicato alla bellezza femminile, un’idea anche per San Valentino.

Milano, Italia.

Nuè è il primo vino rosato fermo



Elegante, accattivante inusuale, con un delicatissimo colore rosato, ecco Nuè, il primo vino rosato fermo prodotto dall’azienda di viticoltori milanesi Poderi di San Pietro. Il vino ideale da dedicare alla donna, perfetto come cadeau per le occasioni speciali come il prossimo San Valentino.

Un’esplosione di sapori intensi di frutta…


Si tratta di un vino ottenuto da uve 100% pinot nero, che rappresenta, in etichetta, un tributo alla bellezza della donna. 
Il vigneto dal quale provengono le uve è condotto con forma di allevamento Guyot Monolaterale ed il terreno è argilloso con una matrice di calcare presente in tutti gli strati (120 metri sul livello del mare). 
Con i suoi 12 gradi, Nuè rappresenta, al naso e al palato, un’esplosione di sapori intensi di frutta (fragolina di bosco), fiori (viola e rosa) e una leggerissima nota eterea. 
Durante la degustazione, è possibile apprezzare una ottima mineralità e una freschezza che lo rendono perfetto per il periodo estivo.Ottimo con antipasti, primi e secondi a base di pesce; in particolare con crostacei, cruditè e frutti di mare. Prezzo consigliato 6,40 euro. 


Poderi di San Pietro…quando i resti di un mammut compaiono tra le vigne


Poderi di San Pietro: il vino di Milano. Tra i più grandi produttori in provincia di Milano, con una vigna a soli 30 minuti dal centro città, per 60 ettari nei territori di San Colombano e nei comuni limitrofi di Graffignana e Miradolo Terme, sono tra i maggiori produttori della D.O.C. di San Colombano e I.G.T. “Collina del Milanese” con una produzione che varia tra le varietà a bacca rossa di Croatina, Barbera, Uva rara, Merlot, Cabernet e Pinot nero e a bacca bianca con Chardonnay, Trebbiano, Cortese e Malvasia. La storia dell’azienda comincia nel 1998 e diventa subito la cantina più tecnologica e moderna del territorio, noto fin a partire dal 1500 per la coltivazione della vite, sotto la guida di Giuliano Toninelli, già imprenditore agricolo con l’agriturismo Luna a Marudo (Lo), allevatore di suini con una produzione in biologico e nominato imprenditore dell’anno 2016 dalla Camera di Commercio di Lodi. 

Una curiosità: nel 2009 sono stati trovati i resti di un mammut all’interno delle vigne che oggi è in studio e tornerà presto in cantina in esposizione, aperta al pubblico.

I Premi 


Quattro viti della guida Vitae per il San Colombano Monastero di Valbissera Riserva 2013.
Premio Rosa d’Oro per la Guida Vini Plus 2020 per il San Colombano Monastero di Valbissera Riserva 2013.
Medaglia d’oro al concorso internazionale Wine&Barrell Alliance Du Mond per Collina del Milanese IGT- Trianon 2015.

L’enoteca e la cantina, tra visite e degustazioni

Nel cuore di San Colombano si colloca sia la cantina ultra tecnologica di Poderi San Pietro, scavata sottoterra, aperta al pubblico su prenotazione, sia l’ampia enoteca da 100 mq dove fare degustazioni dei migliori vini del territorio e acquistarli a Km 0. Durante il periodo primaverile ed estivo si possono organizzare anche delle visite per piccoli gruppi di persone tra i vigneti. 

Roberto Gerbino, 42 anni, gestore anche della cantina Le Fracce (Casteggio), consulente enologo di Poderi di San Pietro, regala un tocco d’oltrealpe a questi vini dalla forte impronta milanese.



In cantina alta tecnologia e barriques di rovere francese

Oltre 70 vasche d’acciaio termocontrollate in azienda, con una piccola produzione di vino in anfora, iniziata nel 2015. Per i vini più pregiati – le riserve, ma anche il Rosso di Valbissera – l’affinamento avviene in barriques di rovere francese e dura dai sei mesi ai quattro anni, nei sotterranei della struttura a temperatura e umidità controllata. L’azienda si affida alle più moderne tecnologie e attraverso il supporto di Wine Scan, uno strumento di analisi chimica che, utilizzando un piccolo campione di vino, permette di ottenere importanti dati, utili all’enologo per valutare a pieno la qualità del prodotto. Il rischio di ossidazione del vino viene evitato attraverso il ricorso a un generatore di azoto che permette di saturare le vasche in acciaio, creando un ambiente interno privo di ossigeno. Recentemente l’azienda si è dotata di una linea di imbottigliamento automatizzata in grado di imbottigliare fino a 2500 bottiglie l’ora.
 

I Dati Economici

Una produzione totale che si attesta intorno a 200.000 bottiglie venduto unicamente al dettaglio specializzato come boutique, gastronomie e piccoli punti vendita, settore HoReCa. Presente in diversi paesi in tutto il mondo, in particolare Cina, Svizzera, Stati Uniti, Germania e Giappone.

INFO



Poderi di San Pietro
Via O. Steffenini, 2/6
San Colombano al Lambro (MI)
Tel: 0371 208084
Mail: info@poderidisanpietro.it

Enoteca:
Lunedì
9:00 – 12:00 / 14:30 – 17:30
Da Martedì a Venerdì
8:30 – 12:30 / 15:00 – 19:00
Sabato
9:00 – 12:30 / 15:30 – 19:00