PARMA 360, il festival della creatività contemporanea

Scritto da Redazione on . Postato in Appuntamenti, Coppia, Cultura

In diversi spazi della città, ci saranno mostre di pittura, fotografia, arte digitale, scultura, ed anche concerti, performance e laboratori.

 

 

Milano, Italia.
Venerdì 16 marzo, a Milano, nella sala conferenze delle Gallerie d’Italia di Milano, Michele Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Parma, Chiara Canali e Camilla Mineo, direttrici artistiche della manifestazione, hanno presentato la terza edizione di PARMA 360, il festival della creatività contemporanea, che si svolgerà dal 14 aprile al 3 giugno 2018.

PARMA 360 – ha dichiarato Michele Guerra, Assessore alla Cultura di Parma – è una manifestazione, che, sin dalla sua nascita, ha avuto un importante impatto culturale, artistico e sociale, che ha saputo entrare in dialogo con le istituzioni pubbliche e private del territorio e che, con grandissimo impegno, è stata in grado di rendere accessibili al pubblico alcuni spazi dimenticati. – ha proseguito l’assessore – L’Ospedale vecchio, per esempio, uno dei luoghi più belli e segreti della città, che sarà anche luogo simbolo di Parma Capitale della Cultura 2020, è stato appositamente riaperto in occasione del Festival.

Il festival, infatti, mette in rete e promuove il patrimonio artistico già esistente in un vero e proprio museo diffuso sul territorio, valorizzando, attraverso l’arte contemporanea, chiese sconsacrate, palazzi storici e spazi di archeologia industriale non sempre conosciuti dagli stessi abitanti della città, come, ad esempio, il gioiello storico dell’Ospedale Vecchio, le ex Chiese di San Quirino e San Tiburzio con l’area industriale dell’ex Scedep, che si propone di diventare, a partire proprio da questa edizione del Festival, una cittadella della creatività. Nell’area sarà attivato e sviluppato un vero e proprio percorso di riqualificazione urbana e rigenerazione culturale, saranno recuperati e valorizzati gli spazi mediante l’organizzazione di mostre, iniziative, concerti così da favorire le relazioni tra il “Sistema Cultura” e il “Sistema Impresa”.

Il programma di PARMA 360 prevede, in diversi spazi non solo istituzionali, ma anche privati della città, mostre di pittura, fotografia, arte digitale, scultura alternate a concerti, performance ed attività formative e laboratoriali, con alcuni dei nomi più rilevanti dell’arte contemporanea italiana, come, ad esempio, Davide Coltro, Francesco Diluca, Franco Fontana, Giovanni Frangi, Pietro Geranzani, Carlo Mattioli, Ernesto Morales, Barbara Nati e Daniele Papuli.

PARMA 360 – ha aggiunto Camilla Mineo, una delle due direttrici artistiche della manifestazione – è uno dei progetti di punta della programmazione culturale del centro emiliano, anche in vista di Parma Capitale italiana della Cultura 2020: Parma è la vera protagonista, la sua valorizzazione avviene attraverso l’arte contemporanea.

L’obiettivo, supportato anche dall’Amministrazione – ha aggiunto Chiara Canali, l’altra direttrice artistica della manifestazione – è far diventare PARMA 360 l’appuntamento-simbolo di Parma, come Fotografia Europea lo è per Reggio Emilia o il Festival della Letteratura lo è per Mantova.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Davide Coltro, Giovanni Frangi, Ernesto Morales e Daniele Papuli, artisti, Silvano Orlandini, direttore e produttore artistico di WoPa Temporary Parma, Fabio Ramaioli, Direttore Generale Confimi Industria, Rossella Giavarini, Presidente territoriale di Parma Confimi Emilia.

Il tema conduttore di PARMA 360 è LA NATURA NELL’ARTE.
Il programma degli eventi di PARMA 360 ha preso il via lunedì 2 aprile, alle 11, con una presentazione pubblica del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto presso Piazzale della Pace. Alle 12, presso Palazzetto Eucherio Sanvitale, Parco Ducale, è stata la volta di AriDadaKali di Maurizio Galimberti. Alle 17 sono state inaugurate le mostre Vico Magistretti e The Art of Food Valley presso Palazzo Pigorini, in Strada della Repubblica 29/A. Alle 18 è stata riaperta la Chiesa di San Marcellino, in Via Collegio dei Nobili, dove si può ammirare l’opera Naufragio con Spettatore di Claudio Parmiggiani. Alle 19 è stata presentata Opus di C999 ed Erresullaluna+Chuli Paquin presso Galleria San Ludovico, Borgo del Parmigianino. Il percorso è finito alle 20 presso l’Oratorio di Santa Maria della Pace, in Borgo delle Colonne 28, con il progetto Fire&Desire. Durante tutta la notte, infine, si è svolto The Strange Days al WoPa Workout Pasubio Temporary.


Questo il programma delle mostre
:

Chiesa di San Quirino (Borgo Romagnosi 1a) – FRANCO FONTANA e DAVIDE COLTRO, Terre Piane, a cura di Chiara Canali.

Ospedale Vecchio (Strada Massimo D’Azeglio 45) – GIOVANNI FRANGI, Lotteria Farnese, a cura di Michele Bonuomo – ERNESTO MORALES, La Forma e le Nuvole, a cura di Chiara Canali, in collaborazione con Area 35 Art Gallery, Milano – BARBARA NATI, Alla Deriva, a cura di Camilla Mineo – FRANCESCO DILUCA, Germina, a cura di Davide Caroli.

Chiesa di San Tiburzio (Borgo Palmia 6/a), PIETRO GERANZANI, L’Uovo Cosmico in collaborazione con Area 35 Art Gallery, Milano – DANIELE PAPULI, Visioni; Studio Mattavelli (Strada della Repubblica 66) – Carlo Mattioli nelle collezioni di Parma, a cura di Alberto Mattia Martini e Anna Zaniboni in collaborazione con l’Archivio Carlo Mattioli.

Info, programma completo: PARMA 360 Festival della creatività contemporanea – dal 14 aprile al 3 giugno 2018 – www.parma360festivali.itinfo@parma360festival.it.

 

Giovanni Scotti