FA’ LA COSA GIUSTA! A MILANO DAL 18 AL 20 MARZO

Scritto da Alfredo Verdicchio on . Postato in Appuntamenti, Food&Drink

Milano, Italia.
Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e una stile di vita sostenibile compie 13 anni, un appuntamento irrinunciabile per un numero sempre maggiore di persone sensibili ai temi dell’ambiente e dell’alimentazione.

Arriva a Milano FieraCity dal 18 al 20 marzo. E’ organizzata da Terre di mezzo eventi e presenta un’edizione molto ricca, con nuovi temi e progetti, insieme ai punti tradizionalmente forti della kermesse: alimentazione biologica a km zero, cruelty free, moda etica, mobilità a basso impatto ambientale, giochi e prodotti sostenibili per l’infanzia, prodotti del commercio equo.

Laboratorio-pane-Fa-la-cosa-giusta-2016-Milano-credits-Luana-Monte-740

Progetti, showcooking, workshop per tutti i gusti
Assoluta novità del 2016 sarà il progetto speziale: un’area tutta da vivere per degustare diverse miscele di tè, acquistare spezie esotiche e di casa nostra come peperoncino e zafferano,  ma anche partecipare a laboratori e dimostrazioni a tema vegan. Uno show cooking fatto da Felicia Squazzi sarà incentrato sull’analisi dei 4 sapori più noti e su un quinto sapore: l’umani, dal Giappone.
Molte le proposte per il funny vegancome staffette tra food blogger, show cooking sull’uso dei semi e sulle loro proprietà della cucina vegana e gluten free.
Particolare attenzione quest’anno alla quinoa balzata prepotentemente ai vertici delle preferenze dei consumatori, con un workshop dedicato che presenterà quattro ricette gustose per la prima colazione, il pranzo veloce, la merenda per bambini e la cena.
Poi uno show cooking per imparare a tre ricette italiane classiche nella versione glutin free, senza lattosio, pochi zuccheri e secondo i principi del veganesimo.

Chef-cucinando-su-ruote-credits-Alessia-Gatta-Fa-la-cosa-giusta-2016-Milano-700

I laboratori non solo zucchero: le alternative naturali a basso indice glicemico presenteranno ricette a base di dolcificanti naturali, come la lucuma (un frutto tropicale originario del Perù), la mesquite (una bacca tipica del deserto centroamericano), i datteri o lo zucchero grezzo di cocco.
La chef Marzia Riva insegnerà piatti dolci e salati, come cous cous di mais alla mediorientale (con datteri), crumble di mango al cocco, bocconcini di riso alla mela o zuppetta di spinaci. Il basso indice glicemico le rende più adatte anche ai diabetici e la completa assenza di glutine è l’ideale per chi soffre di celiachia.
Per i più alternativi ecco il laboratorio sulla canapa: come usarla in cucina per fare il pane, la pasta, il cioccolato e perfino la birra. E un workshop condotto da Paola Maugeri, la nota conduttrice televisiva, sulle tecniche per l’essiccazione della canapa.

Birre uniche, esclusive, originali
Un salto nel settore birrifici artigianali è quasi d’obbligo. Come non assaggiare la nuova birra al carciofo, oppure quella barricata in botti di rovere proposte dal birrificio Gruit di Brindisi? Il birrificio Vecchia Orsa di Bologna proporrà i suoi 10 stili di birra ad alta fermentazione. Il Mastro Birraio di Lurago Marinane, unico pub viaggiante, proporrà la birra al sale, al fico d’India, al peperoncino e una particolare marmellata  alla birra.
Fa la cosa giusta! 2016 è aperto da venerdì 18 a domenica 20 marzo.
Venerdì 18 marzo: 9 – 21
Sabato 19 marzo: 9 – 22
Domenica 20 marzo: 10 – 20

Dove: Fiera MilanoCity in viale Scarampo a Milano – GATE 4
MM5 lilla, fermata Portello.

Ingresso a 7 euro con catalogo. Per i minori di 14 anni è gratuito.

Alfredo Verdicchio
alfredo@agendaviaggi.com

Foto ©Alessia Gatta

Alfredo Verdicchio

Alfredo Verdicchio

Convinto che, come diceva John Lennon «La vita è ciò che ti succede mentre sei impegnato a fare altri progetti» Alfredo Verdicchio, romano, ma ormai milanese d’adozione, è un giornalista professionista con una vasta esperienza che lo ha visto anche dirigere alcuni giornali per ragazzi. Si è occupato di musica, cinema e televisione. E’ amante della buona cucina e della “sana lentezza”. Il viaggio per lui non si misura in termini di chilometri percorsi, magari in sella alla sua passione: un Harley rossa, ma in termini di sensazioni provate, di esperienze vissute, come ad esempio degustando un piatto particolare e scoprirne la storia, o magari centellinando un buon vino, oppure cogliere un nuovo aspetto della propria città. Perché tutto, alla fine, diventa viaggio a partire dalla nostra vita…