ROMA, LA CITTÀ ETERNA

Scritto da Pamela Cazzaniga on . Postato in viaggi senza barriere

Roma, Italia.
Ogni volta che vado a Roma mi sento in vacanza. Sarà per i numerosi turisti che tutti i giorni affollano la città e sarà anche perché, la nostra capitale, è una delle più belle città del mondo! Come non essere d’accordo! La nostra urbe, caput mundi e città eterna. Adriano che, in un passaggio delle sue memorie scrisse: “Altre Rome verranno e io non so immaginare il volto; ma avrò contribuito a formarlo… Roma vivrà. Roma non perirà che con l’ultima città degli uomini.”
visitare-roma-in-sedia-a-rotelle-4Lo scorso 4 settembre sono andata in Vaticano per la canonizzazione di Madre Teresa. Piazza San Pietro era gremita di pellegrini e fedeli giunti a Roma per celebrare la suora albanese fondatrice delle Missionarie della Carità. Alle ore 10.44 di domenica Papa Francesco pronuncia in latino la formula di rito: Gonxha Agnes Bojaxhiu, conosciuta da tutti come Madre Teresa di Calcutta, è santa, “affinché il mondo possa contemplarla”. Io ero tra i 120.000 fedeli presenti, proprio davanti all’altare esterno dove si è celebrato l’evento. Le persone come me in sedia a rotelle, con un accompagnatore, vengono posizionate nei posti migliori. Essendomi svegliata alle 5.30 del mattino ero in terza fila. L’emozione è stata tanta! Numerosissime le suore in sari bianco e blu delle Missionarie della Carità, oltre 20 i capi di Stato, 600 i giornalisti accreditati e 120 tv collegate. Un seguito mediatico degno dei grandi eventi vaticani!

Roma in sedia a rotelle
Fortunatamente la città è pronta a ricevere ospiti con mobilità ridotta. Una volta arrivata alla stazione Termini, due adetti ai lavori mi hanno aiutata a scendere dal treno con un elevatore elettronico. Appena fuori si possono prendere diversi autobus diretti in centro. Tutti sono muniti di pedana estraibile. Ho appurato che anche tutti i marciapiedi sono provvisti di rampa e nelle maggiori attrazioni sono presenti bagni per disabili. Unico punto negativo i sampietrini del centro storico che rallentano la percorrenza con la carrozzina.

visitare-roma-in-sedia-a-rotelle-6

 

IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

Da non perdere
La Pietà di Michelangelo Buonarroti conservata nella Basilica di San Pietro. È alta 174 cm, larga 195, profonda 69 ed è databile al 1497-1499. È una delle maggiori opere d’arte che l’Occidente abbia mai prodotto.
L’interno del Phanteon con la sua forma di sfera simboleggia la volta celeste. Chiunque ha la possibilità di entrare oggi avrà la possibilità di sentirsi dinnanzi al cospetto degli dei. Situate in sette nicchie, comprese tra due colonne corinzie, si trovano le sette divinità collegate al culto dei pianeti: il Sole, la Luna, Venere, Saturno, Giove, Mercurio e Marte. Ma la grandiosità del Pantheon si deve alla cupola, ancora oggi la più grande costruita in muratura.
visitare-roma-in-sedia-a-rotelleIl Foro Romano era il centro politico, religioso e commerciale di Roma. Col tempo si rivelò insufficiente alle funzioni di centro amministrativo e monumentale della città. Così vennero realizzati il Foro di Cesare, il Foro Transitorio, ed infine, il Foro di Traiano, il più grandioso di tutti! L’insieme di queste aree archeologiche sono state rinominate, in epoca moderna, Fori Imperiali. Emozionanti e suggestivi allo stesso tempo!
La Cappella Sistina, inserita nel percorso di Musei Vaticani, fu dedicata ad Assunta in Cielo ed è uno di maggiori tesori culturali ed artistici della Città del Vaticano. È visitata ogni giorno da milioni di turisti provenienti da tutto il mondo che si fermano per diversi istanti ad ammirare La Creazione e Il Giudizio Universale.
La Fontana di Trevi illuminata. E’ la più grande nonché fra le più note fontane di Roma. Grazie al film La Dolce Vita è una delle più celebri del mondo. La sera il gioco di luci la rende ancora più bella e maestosa. E’ di buon auspicio lanciare una monetina con la schiena rivolta alla fontana, in modo da assicurarsi di  tornare a Roma.

Dove mangiare
Antica Taverna, nei pressi di Piazza Navona. Il ristorante è avvolto in una incantevole cornice storica capitolina e propone piatti tipici della tradizionale gastronomia romana. Tra le specialità che vanno per la maggiore troviamo le fettuccine all’amatriciana e l’abbacchio al forno. Matriciana in romanesco, è un condimento per la pasta che ha preso il nome dalla città di Amatrice, in provincia di Rieti. Gli ingredienti principali sono guanciale, pecorino e pomodoro. Tanto pe’ Magna’, nel cuore della Garbatella storica. Piatto consigliato: tonnarelli cacio e pepe. Lasciare spazio per i secondi!

visitare-roma-in-sedia-a-rotelle-7

Dove dormire
Hotel Martis Palace, nel cuore di Roma, più precisamente nel quartiere Navona. l’Hotel offre una terrazza, un bar e WiFi gratuito in tutte le aree. Vanta una reception attiva 24 ore su 24, diverse aree comuni per il relax, una biblioteca, un bar, un ristorante ed una spaziosa terrazza all’ultimo piano che si affaccia sull’intera città. Totalmente privo di partire architettoniche con camere e servizi per portatori di handicap.

visitare-roma-in-sedia-a-rotelle-5

 

Pamela Cazzaniga

Pamela Cazzaniga

Solare, vivace ed esuberante ama da sempre le lingue e i viaggi. Vive in provincia di Lecco, vicina alla soglia dei 40 anni è da 18 su una sedia a rotelle a causa di un brutto incidente stradale. Dopo aver superato il trauma ha ripreso a girare il mondo e, sull’onda di questa grande passione, nel 2014, ha aperto un blog “ilmondodipamela.it” per stimolare i disabili a viaggiare. Felice di collaborare con Agendaviaggi che le permette di realizzarsi come donna, viaggiatrice ma soprattutto come disabile. Il suo motto è “crederci sempre arrendersi mai!”