Il Turismo agroalimentare, punto di partenza per la rinascita del Centro Italia

Scritto da Redazione on . Postato in Appuntamenti, Turismo

Dopo due anni dal tragico terremoto che ha colpito le regioni del centro Italia, decisi gli incontri (25 agosto e il 1 settembre), per una Tavola Rotonda e Convegni su Sicurezza del Territorio, Ricostruzione, Investimenti su Turismo Enogastronomico e Fondi Europei. Con l’auspicio di passare dalle parole ai fatti.

 

 

 

Milano, Italia.
Il 25 agosto e il 1 settembre, due date fondamentali per il futuro del Turismo Enogastronomico nel Centro Italia, con una Tavola Rotonda e Convegni su Sicurezza del Territorio, Ricostruzione, Investimenti su Turismo Enogastronomico da sempre risorsa economica e Fondi Europei.
A Due anni dal sisma il Popolo dei Terremotati chiama a raccolta Politici, Amministratori, Economisti, Professionisti e Tecnici per chiudere la fase del “DIRE” e arrivare alla meta del “FARE”, indicando Progetti Concreti da valutare, realizzare ottenendo dagli esperti l’input corretto sulle modalità di reperimento delle risorse economiche da parte dello Stato e dell’Unione europea.

L’appuntamento è a San Benedetto del Tronto presso il Centro Agroalimentare Piceno, durante la kermesse “La Borsa del Turismo del Centro Italia – M.U.L.A.” nel Centro Convegni posto all’interno dell’Expo Village, il 25 agosto alle ore 18:00 e il 1° settembre alle ore 17:00.
Saranno presenti i cittadini, i comitati e le aziende delle quattro regioni del Cratere.

Relatori sono nomi illustri quali il Prof. Antonio Rinaldi (economista), il Dott. Giuliano Bartolomei (esperto fondi U.E.); il Dott. Giampietro Comolli (economista, agronomo, enologo); il Dott. Pietro Mazzuca (manager e consulente Ambientale); il Dr Guglielmo Emanuele (presidente Singeop); il Dr Gaetano Stella (presidente Confprofessioni –componente Cnel); Dott. Mario Di Felice (salute e benessere nella nutrizione naturale e riscoperta grani antichi); Dr Domenico Angelone (Consiglio Nazionale Geologi); Arch. Guendalina Salimei (Architetto e docente all’Università “La Sapienza” di Roma); Maria Gaetana Barelli (Biologa).

Invitati come Ospiti d’Onore: Dr Sergio Pirozzi (Consigliere Regione Lazio, ex sindaco di Amatrice); Ing. Filippo Palombini (Sindaco Comune di Amatrice); Dr Aleandro Petrucci (Sindaco comune di Arquata del Tronto); Ing. Luigi Cannavicci (Sindaco Comune di Campotosto); Dr Nicola Alemanno (Sindaco Comune di Norcia); Dr. Franco Iseppi (presidente Touring Club) ed altre Autorità Nazionali e Regionali.

Il 25 agosto previsto Intervento conclusivo di Francesco Pastorella del Coordinamento di 106 Comitati Terremotati del Centro Italia ed in chiusura i saluti di un referente nazionale del Forum del Popolo dei Terremotati AEC, organizzatore dei due convegni del 25 agosto e del 1 settembre 2018.

I temi trattati sono:
25 agosto ore 18:00

  • TERREMOTO – SICUREZZA TERRITORIO – PREVENZIONE – RICOSTRUZIONE
    Come uscire da una catastrofe naturale e con quali mezzi – Giovani, Imprese – Start Up, il Futuro tra Innovazione e Aggregazione
  • “La sicurezza delle montagne, primo baluardo per la sicurezza delle valli e delle pianure Soluzioni, prevenzione, economia espansiva”

1° settembre ore 17:00

  • FONDI UE E NAZIONALI PER LE IMPRESE IN AREA SISMA CENTRO ITALIA
  • FONDI PER IL RILANCIO ECONOMICO ED OCCUPAZIONALE DEI TERRITORI COLPITI DAL SISMA
  • DISTRETTO AGRO-PRODUTTIVO TURISTICO MOTORE DI UNA AREA INTERA VASTA CON MECENATISMO D’IMPRESA E PARTECIPANZA
  • SALUTE E BENESSERE – LA RISCOPERTA DEI PRODOTTI NATURALI ANTICHI E LORO VALORIZZAZIONE
  • Incentivi e sostenibilità dei Progetti da presentare per lo sviluppo del territorio- (proposti dai Comitati terremotati territoriali)
  • Progetto di valorizzazione e conoscenza del Chirocefalo del Marchesoni (Chirocephallelus Marchesonii) un minuscolo crostaceo venuto da lontano (dall’analisi genetica risulta appartenere al gruppo Asiatico Himalayano e molto probabilmente si è diffuso nel territorio del Centro Italia durante l’ultima glaciazione) giunto vivo fino ai giorni nostri che trova il suo habitat naturale nel lago di Pilato (1949 mslm), una delle aree di maggior interesse naturalistico del Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Per partecipare agli incontri mandare una e-mail a:popoloterremotatiaec@gmail.com

Grazie della collaborazione!