LA MALIOSA: UN’OASI BIO A DUE PASSI DALLE TERME DI SATURNIA

Scritto da Beatrice Caldovino on . Postato in Food&Drink

Un salutare weekend tra i prodotti naturali della Fattoria La Maliosa a due passi dalle Terme di Saturnia, nel cuore della magnifica Maremma Toscana.

La primavera è alle porte! Le temperature piacevolmente miti e le giornate via via sempre più lunghe sono un valido pretesto per scappare dallo smog e dal caos cittadino, rifugiandosi tra verdi colline, respirando aria buona e mangiando sano.
Allora che aspettate? Se volete arricchire la vostra gita fuori porta, oltre a fare dei piacevoli bagni alle Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, potrete immergervi nel verde passeggiando tra boschi, vigneti e uliveti, gustando i genuini prodotti della fattoria La Maliosa, che si trova a due passi dalle famose terme: un angolo di paradiso di ben 160 ettari, in cui è inevitabile lasciarsi ammaliare dall’agricoltura biologica e dai suoi prodotti genuini.
Con la sua grande passione per la coltura biodinamica e l’amore per la Maremma, Antonella Manuli ha realizzato un progetto basato sulla qualità, senza alterare la bellezza e l’originalità del territorio, dedicandosi alla produzione di vini naturali, olio extra-vergine d’oliva e miele biologico.

fattoria-la-maliosa-toscana-uliveti-storici-300

Non solo la fattoria La Maliosa guarda al massimo benessere ambientale tutelando la bellezza del territorio e producendo ogni cosa in maniera completamente naturale, ma è anche ecosostenibile: assorbe 100 volte più anidride carbonica di quanta ne viene emessa dai tutti i processi produttivi, grazie anche all’impiego di efficienti impianti fotovoltaici.

I VIGNETI
Perle dei suoi vigneti sono senza dubbio La Maliosa Bianco – costituito da uve Procanico, Ansonica, Grechetto e Malvasia Bianca – e La Maliosa Rosso – mix di sette vitigni, tra cui spiccano il Ciliegiolo e l’Alicante – i quali, con la valida collaborazione dell’agronomo e ricercatore Lorenzo Corino, sono prodotti con tutte le avanguardie ecosostenibili e nel rispetto dei valori ambientali ed etici.
L’azienda, dopo averne verificato la ricchezza di germoplasma viticolo, ha recuperato una vigna di oltre 50 anni fa da uno stato di quasi abbandono, la cui consistenza attuale è di circa sei ettari, comprendenti anche alcune viti selvatiche che sono testimoni di una forma che ha preceduto la vite attuale, a dimostrazione di un ambiente anticamente preservato da azioni agricole intensive. A riprova del fatto che non vengono utilizzate sostanze chimiche di alcun genere, basti sapere che le arnie contenenti le api che producono il miele si trovano a poco più di cento metri dalla vigna, e come è noto le api non potrebbero vivere in un ambiente anche minimamente contaminato da pesticidi.

fattoria-la-maliosa-toscana-miele-700

IL MIELE: FIORE DI MAREMMA
La presenza della api è fondamentale nell’agricoltura biodinamica, poiché incrementa la biodiversità, garantendo la buona salute del terreno e dei suoi prodotti: grazie alla considerevole distanza dalla città e alla presenza di boschi, campi seminati e una notevole varietà di fiori, La Maliosa costituisce il luogo ideale per l’allevamento di sciami in un ecosistema puro.
La Maliosa adotta le norme direttive di apicoltura Demeter che prevedono protocolli assai rigidi e controlli approfonditi sulla purezza dei favi in cera d’api e sull’assenza di antibiotici e acaricidi, vernici e smalti derivati dal petrolio per trattare le arnie.
Una parte del miele prodotto è destinato all’alimentazione delle api stesse, senza quindi ricorrere all’utilizzo di sciroppi di glucosio, canditi o zucchero raffinato di barbabietola. Il miele biodinamico, come quello biologico, non subisce alterazioni di sorta nei laboratori di smielatura: i filtri a pressione sono vietati, così come le pompe centrifughe, che surriscalderebbero il prodotto oltre i 35°C, compromettendone le caratteristiche organolettiche.

GLI ULIVI
Tra le oltre 3700 piante, sia giovani che quasi secolari, si trovano varietà di olivi come Leccino, Frantoio, Moraiolo, Leccio del Corno, Pendolino e Olivastra Seggianese.
Per ottenere un prodotto di grande qualità, La Maliosa si è impegnata fin dall’inizio a recuperare le varietà originarie e tipiche del territorio, perseguendo l’obiettivo di privilegiare le caratteristiche di tipicità toscana garantendo la genuinità grazie alle pratiche di coltivazione biologica e biodinamica. Quest’olio, oltre ad offrire un alto valore nutrizionale per l’alta presenza di polifenoli e antiossidanti, rappresenta il connubio perfetto tra profumo e gusto, con la giusta persistenza e personalità, ideale da assaporare su una fetta di pane tostato.

Beatrice Caldovino
Per info: FattoriaLaMaliosa.it

Beatrice Caldovino

Beatrice Caldovino

Nata a Frascati, deliziosa cittadina dei Castelli Romani dove è inevitabile lasciarsi incantare dalla cultura, dall’arte e dalla buona cucina. Ama viaggiare alla scoperta di cose sempre nuove, da raccontare con le parole e con le immagini. E’ felicemente sposata e impegnata nel volontariato (ma le due cose non sono collegate). Adora andare per mercatini dell’antiquariato con la speranza, spesso vana, di scovare qualche tesoro nascosto. L’unica cosa di cui si sorprende è di potersi ancora sorprendere.