Beyond Fukuyama-felici-bum-tà

Scritto da Redazione on . Postato in cinema

In scena il testo dell’austriaco Thomas Köck, per la prima volta in Italia, in primo piano un linguaggio originale, verosimile ed estremo.

Milano, Italia.
Al Teatro Filodrammatici di Milano si è tenuta la Prima nazionale di Beyond Fukuyama-felici-bum-tà (in scena fino al 31 marzo), all’interno di Fabulamundi Playwriting Europe- Beyond Borders? Un progetto europeo di cooperazione che promuove la drammaturgia contemporanea in Europa. Lo spettacolo, traendo spunto ironicamente dalle teorie del politologo Francis Fukuyama, immagina un mondo verosimile ma, nello stesso tempo, estremo. La tecnologia sembra mettersi sempre più al servizio di un ristretto gruppo che può determinare gusti, abitudini e comportamenti. La società deve essere tenuta sotto controllo eliminando ogni tipo di conflitto sociale e riducendo la facoltà di scegliere, pensare, agire. Un originale percorso , con la regia di Renzo Martinelli, che porta in scena un emergente autore austriaco, Thomas Kock, che indaga,con una forma ed un linguaggio innovativo, il rapporto fra umanità, scienza e tecnologia. Il team della Dottoressa Phetka cerca di individuare quale sia il vero “punto dell’esistenza umana”, alla ricerca della felicità e di un futuro migliore.

Pochi gli elementi sulla scena ad eccezione di alcuni lunghi tavoli e dei pannelli di legno su cui una delle attrici provvede ad annotare delle misteriose parole, in un susseguirsi di concitati proclami apparentemente senza senso che vengono pronunciati da esseri disumanizzati. I personaggi appaiono degli automi che si aggirano sotto l’azione di una forza misteriosa che al termine della performance sembra aver avvinto a loro volta i frastornati spettatori che faticano a riprendere coscienza di quanto avvenuto.

Info: Teatro Filodrammatici

Date e orari di rappresentazione
martedì, giovedì e sabato 21.00
mercoledì e venerdì 19.30
domenica 16.00

Giuseppina Serafino