Beauty look 2016: bagliori d’autunno. E a Venezia tra moda e profumo.

Scritto da Anna Alemanno on . Postato in Beauty Travel

“Nella cultura bizantina l’immagine si manifesta attraverso la sua materialità, ed è lo sguardo che la rende palese svelandola visivamente grazie alla luce” (da I colori nell’arte sacra a Bisanzio). Colore, luce, bellezza: femminilità.

I colori in quanto manifestazione della luce. E quindi della bellezza del mondo. E forse non a caso sembrano ispirarsi  alla preziosità raffinata di un’arte antica, quella bizantina appunto, che andò oltre la teorizzazione dell’importanza (anche spirituale: il blu ad esempio è il colore della luce divina, di una luce eterea e immateriale come il cielo stesso) del colore concretizzandola in raffigurazioni uniche, gli accostamenti cromatici dei nuovi make up Autunno-Inverno 2015-2016.

rossetto-diego-della-palma-2015-Close up sulle labbra.  Sono loro le vere protagoniste del beauty look di stagione: rigorosamente scure. Dipinte di un classico vinaccia o prugna, fino al nero denso e lussuoso come quello di Fondente Lipstick firmato Diego Dalla Palma, un rossetto morbido e confortevole dal colore intenso e luminoso del cioccolato fondente.

tendenze-bellezza-inverno-2015-200Sugli occhi trionfano le nuances rubate alle foglie autunnali, calde e vellutate e con tocchi metallici, luminosissimi. Un trionfo di beige, marroni, castagna e verde da scegliere tra le collezioni di Chanel e Mac.
Non mancano colori più vivaci,
da indossare da soli o modulati con altre tonalità.

Dior-make-up-sfilata-2015Blu e oro, viola e argento dominano nelle nuove palette Dior, e permettono di creare look sofisticati e sensuali. Perfette per le feste ma non solo. Rosa e rosso sono invece i colori in primo piano di #dglovefalls, la nuova collezione firmata Dolce&Gabbana. Marroni e dorati naturali, caldi e avvolgenti si mischiano a pennellate di colore più forti e vivaci: viola, giallo, blu.

L’arte bizantina insegna: il sapiente uso del colore e quindi dei giusti accostamenti cromatici è l’elemento chiave di esaltazione della bellezza e del suo manifestarsi in natura: “l‘uso degli accostamenti cromatici era peculiare della stessa tecnica pittorica, diffusa perlomeno fin dall’XI secolo,  che tendeva a creare gli effetti luminosi direttamente dai colori, e che negli affreschi procedeva spesso da un fondo blu, per ottenere dall’oscurità la luce, circostanza che ribadisce la convinzione bizantina che i colori siano in realtà una manifestazione dei diversi gradi di intensità della luce”.

E Bisanzio continua ad affascinare:

Fino al 27 novembre presso il Museo di Palazzo Mocenigo a Venezia sono in corso una serie di conferenze dedicate al rapporto tra moda e profumo nell’epoca bizantina.

Per maggiori info sulle prossime conferenze: Mocenigo.visitmuve.it

 

A cura di Anna Alemanno
anna@agendaviaggi.com
www.alamerciduvoyage.wordpress.com

 

Anna Alemanno

Reggina di nascita, palermitana d'adozione e milanese per scelta, ho studiato Lettere Moderne a Firenze.Giornalista professionista, sono appassionata d'arte, fotografia, cinema e viaggi. Quando posso prendo il  mio zaino e vado in giro per l'Europa. La mia città dell'anima è Parigi, dove ho vissuto per un anno. Mi piace pensare che esista un posto nel mondo che racchiuda tutte le mille sfaccettature di me. Ma lo sto ancora cercando. Autrice del blog alamerciduvoyageblog.com anna@agendaviaggi.com