AL S.BABILA CARABINIERI E VITIME DI MAFIA

Scritto da Margherita Manara on . Postato in cinema

“Minchia signor tenente”, la commedia-tragedia commemorativa

 

 

Milano, Italia.
“Minchia Signor tenente”
  va in scena al Teatro San Babila di Milano sino al 25 marzo. Il titolo ricorda una celebre canzone dello scomparso Giorgio Faletti dedicata agli eroi in divisa caduti sul lavoro. Si parla di carabinieri, tra dovere e umanità, indisciplina e abnegazione, rigore e tenerezza. La rappresentazione racconta la vita di una piccola caserma, in una località sperduta della Sicilia. Si vive a ritmi tranquilli, non succede mai nulla di straordinario o di preoccupante.

La commedia di Antonio Grosso descrive con ironia e gag tutte italiche caricature di personaggi, sino al momento cruciale, quando viene ordinata la scorta a un magistrato. Anche su quella piccola realtà isolana si stende minacciosa e insidiosa l’ombra della mafia. La simpatica compagnia di commilitoni, quasi una famiglia allegra e spensierata sino a quel momento, si trova a piangere le sue vittime.

La mafia fa strage. La commedia, nel giro di pochi istanti si chiude in tragedia, e questa in commemorazione per tutte le vittime per mano mafiosa. Su un grande schermo scorrono le immagini dei volti noti per non dimenticare. Mai. Per rendere giustizia almeno con la memoria.

Il pubblico scroscia in applausi verso gli attori, ma in modo particolare applaude ai volti dei martiri sacrificati al dovere colpiti da organizzazioni spietate e criminali.

“Minchia signor tenente” di e con Antonio Grosso, con Gaspare Di Stefano, Alessandra Falanga, Francesco Nannarelli, Antonello Pascale, Francesco Siggillino, Gioele Rotini e con Natale Russo. Regia Nicola Pistoia
Scene Fabiana Di Marco, costumi Maria Marinaro, luci Gigi Ascione

Info: Teatro San Babila
Corso Venezia, 2/A – Milano
Biglietteria: 02798010
info@teatrosanbabilamilano.it
Orari: Orari : martedì, giovedì, venerdì, sabato ore 20:30; mercoledì, sabato e domenica 15:30

 

Margherita Manara

 

 

Margherita Manara

Margherita Manara

Giornalista per passione, curiosa per natura, free lance per vocazione, ha collaborato con le principali testate nazionali di quotidiani e riviste specializzate. I suoi interessi spaziano dal turismo all’economia, dalla moda al tempo libero. Non teme la noia, costantemente alla continua ricerca di nuovi stimoli e del bello, che si può nascondere ovunque. Ama il mare d’inverno e la montagna d’estate, scoprire località nascoste e angoli d’arte, conoscere persone. La cose più belle sono condividere la tavola ma anche gioia e avversità con gli amici e l’affetto con i propri famigliari.