Triennale Estate e i primi passi verso la riappropiazione dei nostri luoghi del cuore

“Triennale Estate”, e i primi passi verso la riappropiazione dei nostri luoghi del cuore

Scritto da Delmira Patrizia Quintana on . Postato in Appuntamenti, Cultura, Famiglia


Dal 4 giugno è tornato a rivivere uno degli spazi meneghini più magici, la Triennale di Milano, oltre alle sue amplie e luminose sale del Museo del Design Italiano e le opere surrealiste en plein air del Giardino Giancarlo De Carlo, ha dato il via lo scorso 15 giugno a una rassegna di eventi culturali che si svolgeranno fino al 30 settembre. Cinque nuove aree dedicate e l’ iconico Caffè in Giardino. Mentre dal 22 giugno, “Summer Escape” dedicato alle famiglie, con i più piccoli protagonisti (fino ai 14 anni), tra coinvolgenti laboratori ludici.

Milano, Italia .
Triennale Estate ha il piacere di aprire le porte alla città e lo fa presentando una fitta programmazione gratuita, da qui sino a settembre in una veste totalmente nuova. Infatti grazie al comitato scientifico di Triennale sono stati pensati 5 nuovi punti di raccolta per intrattenere con serenità in una cornice unica: #cinema, #bosco, #teatrino, #rotonda (opera di Ettore Sottsass) e #radura. Complice delle piú disparate attività il giardino piu surreale di Milano, ma affrettatevi a dare un occhiata al palinsesto e prenotare perchè gli eventi sono a numero chiuso. Tali incontri, proiezioni, letture, cabaret, eventi live, festival, attività per bambini e ragazzi, sono curate interamente dal Comitato Scientifico di Triennale Milano, dai curatori del Public Program (Pirelli Hangar Bicocca) sviluppate in stretto dialogo con organizzazioni culturali milanesi, come AriAnteo, Amici della Triennale, Fondazione Maimeri, Teatro Oscar, I Ludosofici e Dynamo Camp.

(RI)OCCUPIAMOCI DI CULTURA
L’intenzione è quella di dare un forte messaggio di ripresa della vita cittadina, come sostiene anche l’assessore alla cultura della regione Lombardia, Stefano Bruno Galli. Richiamando i milanesi a visitare la Triennale attraverso l’entrata libera, presso la Mostra del Design Italiano e offrendo un’ ampia gamma di intrattenimenti culturali, tutti avranno l’ occasione di vivere uno dei luoghi più amati dai milanesi. Innegabile la volontà degli organizzatori di riportare il pubblico ad occuparsi di cultura e tempo libero, fondamentale per riprendere la vita che avevamo lasciato in sospeso.


L’ARTE L’UNICO VETTORE
Uno dei giardini piú surreali della città non poteva mancare all’appello della fase tre, il presidente di Triennale Milano Stefano Boeri, fa sapere che dopo gli eventi tumultuosi accaduti negli Usa, a cui l’ arte si mostra sensibile, è stata ritardata di una settimana la programmazione. Fa piacere sentire una autoritá scossa da ciò che accade nel mondo. Durante il lock down tutti noi abbiamo avuto tempo di sviluppare una sensibilità maggiore per il nostro pianeta e l’arte è l’unico vettore che ci accompagnerá finché ne avremo le forze di apprezzarne la ludicitá e la bellezza sin dai primi graffiti sui muri delle caverne giungendo ai giorni nostri, con un occhio di riguardo per ciò che maggiormente ci rappresenta.

Tutti gli eventi recenti, dalla lotta all’inquinamento alle perdite in seguito al Covid-c19 ci hanno portato a pensare di cambiare qualcosa; la riappropiazione dei nostri spazi deve essere molto più coscienziosa, ma ancora di più lo dovranno essere le fondamenta che costituiranno la vita da ora in avanti, prendendo sempre esempio dalle grandi menti del passato, connotate nella memoria storica di quello che ci hanno lasciato in custodia.

GLI APPUNTAMENTI
All’interno del Giardino di Triennale  sono riunite una serie di opere d’arte straordinarie da De Chirico e i suoi Bagni misteriosi, a Sottsass, a Mendini, con una grande varietà di alberi. Sono state definite cinque aree che accoglieranno le diverse attività rendendo l’ambiente più ludico che mai. Nell’area CINEMA si terranno le proiezioni cinematografiche, il cabaret, gli appuntamenti dedicati a design, live arts e fotografia; nel BOSCO, dove si trova l’installazione di Italo Rota, verranno presentati i talk sulle trasformazioni urbane, l’arte contemporanea e i new media; il ciclo di incontri curato dagli Amici della Triennale e i talk di letteratura si svolgeranno nel TEATRINO di Alessandro e Francesco Mendini, mentre nella ROTONDA, dove si trova l’opera di Ettore Sottsass Sassi nel parco, si terranno gli appuntamenti di filosofia. Nello spazio RADURA si trova invece il Caffè in Giardino.

Non ci resta che ripartire da zero in questa vita milanese fatta di eventi a braccetto con arte cultura e un pizzico di spirito avveneristico.
Info: https://www.triennale.org/

Delmira Patrizia Quintana

Delmira Patrizia Quintana

Sono una sognatrice compulsiva e dopo varie fasi della vita un po’ sconclusionate ho deciso di fare tesoro delle mie esperienze tra cui quattro anni a Barcellona: ho tirato fuori dal cassetto carta e penna e ho ricominciato a scrivere come quando ero bambina. Tanti i lati positivi tra cui l’unica maniera di esprimere il mio essere con il vezzo di chiudere il cielo in una stanza!