PITTORI FIAMMINGHI: NELLE FIANDRE UN TRIENNIO RICCO DI EVENTI

Scritto da Claudia Dagrada on . Postato in Appuntamenti, Cultura

Pietro Paolo Rubens, Bruegel il Vecchio e Jan Van Eyck: a questi grandi pittori delle Fiandre, attivi tra il XV, XVI e XVII secolo, sarà dedicato un intero triennio ricco di attività, mostre ed eventi. Dal 2018 al 2020, le principali città della regione si apriranno al mondo per far conoscere i Maestri Fiamminghi e i luoghi in cui le loro opere presero forma e sono conservate tutt’oggi. Sarà possibile rivivere il passato, con i suoi paesaggi, le abitudini e i sapori in un continuo rimando tra passato e presente. Ecco il calendario in programma!

pittori-fiamminghi-in-belgio-7

Rubens, Anversa e il Barocco: nel 2018 il connubio è vincente
Attraverso iniziative, eventi musicali e performance dal titolo “Antwerp Baroque 2018, signed by Rubens”, il progetto prenderà il via nella primavera del 2018 con la celebrazione della città di Anversa, patria dell’arte barocca, in un ricco dialogo tra l’illustre Pieter Paul Rubens e grandi artisti contemporanei.
Si comincia con il weekend che va dal 16 al 18 marzo con percorsi baroccheggianti, alla ricerca degli scorci più suggestivi e meno turistici di Anversa. Si passerà poi allo spettacolo in arenaria rossa del MAS-Museum aan de Stroom, con la mostra “Closer to Baroque”, che promette di svelare la quotidianità barocca di Anversa e dei suoi cittadini del XVII secolo. “Designed by Rubens” invece riunirà per la prima volta una trentina tra quadri, bozzetti a olio e disegni, oltre agli oggetti stessi che Rubens fece realizzare da alcuni artisti e amici dell’epoca. La primavera fiamminga proseguirà poi nell’antica stamperia patrimonio UNESCO del Plantin Moretus Museum, dove “Rubens, Book Designer” omaggerà il Maestro nel suo expertise tipografico e ricorderà lo stretto legame d’amicizia che lo legò al suo fondatore.
Con tre giorni di festeggiamenti, la “Baroque Parade” aprirà le porte alla stagione estiva. L’esposizione “The Folly” metterà in relazione i tratti distintivi del Barocco di Rubens con le creazioni inedite di artisti contemporanei internazionali. Presso il M HKA – Museum of Contemporary Art, la mostra “Luc Tuymans on Baroque” si focalizzerà sul contrasto tra opere del Barocco storico e i maestri contemporanei: da Rubens a Wim Delvoye, da Caravaggio a Ed Kienholz. Una serie di artisti e creativi interpreteranno in chiave contemporanea il Barocco delle chiese monumentali di Anversa, a cui Rubens ha largamente contribuito.
Questi sono solo alcuni degli eventi di Anversa che porteranno alla fine del 2019, quando ci sarà l’attesa riapertura del KMSKA (Museo Reale delle Belle Arti), che ospita non solo opere di Rubens, ma anche di Jan van Eyck, Rogier van der Weyden e altri artisti.

pittori-fiamminghi-in-belgio-4

Bruegel protagonista nelle Fiandre nel 2019
Il viaggio nei “Maestri Fiamminghi 2018 – 2020” prosegue celebrando i 450 anni dalla morte avvenuta nel 1569dell’enigmatico Pieter Bruegel il Vecchio. Bruxelles, Anversa e tutte le Fiandre saranno lo scenario privilegiato di “Experience the world of Bruegel 2019”.
Il progetto prenderà il via da Bruxelles, dove una collezione dei lavori “su carta” dell’artista sarà esposta nella Biblioteca Reale per la prima volta: “The World of Bruegel in Black and White”. Sempre nella capitale belga, la Porta di Halle, che fa parte del Royal Museum of Art and History, farà entrare il visitatore nell’universo del pittore con “Bruegel A ‘Gateway’ to the 16th Century”. I quadri si animeranno per raccontare il contesto storico e politico dell’epoca. Ancora, al BOZAR, la mostra “Bernard van Orley: the road to Bruegel” indagherà la figura di Bernard van Orley, importante punto di collegamento tra i Primitivi Fiamminghi e Pieter Bruegel il Vecchio.
Infine, il 2019 vedrà il proseguimento della “Bruegel Unseen Masterpieces”, inaugurata quest’anno: un’esperienza virtuale nelle opere del pittore ospitate fuori dal Belgio, che potranno essere scoperte e studiate nei minimi dettagli presso i Musei Reali di Belle Arti.
La mostra “Feast of Fools: Bruegel Rediscovered”, presso il Castello di Gaasbeek, nel Brabante Fiammingo, si focalizza sull’arte contemporanea ispirata da Bruegel, mentre in autunno il KMSKA di Anversa ospiterà l’esposizione “Bruegel’s century. Art in Antwerp and the Southern Netherlands 1525-1585”. I fari saranno puntati sulla produzione artistica di Anversa, che in quel periodo viveva la sua Golden Age, con circa 120 fra dipinti, sculture, disegni, stampe, arazzi, manoscritti stampati e altro ancora. Notevole anche il programma del Museo Mayer van den Bergh, dove il celebre quadro “Margherita la Pazza”, restaurato per l’occasione, verrà esposto insieme ad altre opere che l’artista realizzò poco prima di trasferirsi a Bruxelles nel 1563.

pittori-fiamminghi-in-belgio-91

2020: Jan van Eyck e il ritorno a Gent
Il 2020 inizierà insieme a Jan van Eyck, celebrato nel MSK – Museum voor Schone Kunsten (Museo di Belle Arti), dal 1 febbraio al 10 maggio, con “Jan van Eyck and the Brugundian Court”: si tratta della mostra più completa dedicata al celebre pittore. La sontuosità della corte del XV secolo verrà riportata in vita attraverso dipinti, sculture, disegni, arazzi e miniature.
Dal MSK l’attenzione si sposterà sulla Cattedrale di San Bavone di Gent dove, a partire da maggio 2020, la Pala d’Altare sarà definitivamente restituita al suo pubblico e alla sua città dopo anni di restauro.

Bruges, patria dei Primitivi Fiamminghi
Se Anversa, Gent e Bruxelles saranno gli scenari principali dei “Maestri Fiamminghi 2018-2020”, Bruges non sarà da meno. Casa dello stesso van Eyck che qui visse e lavorò, ma anche di Hans Memling, altro illustre Primitivo Fiammingo, offre l’esperienza più autentica alla scoperta dell’arte fiamminga, sia grazie ai musei Groeninge e Sint-Janshospitaal, sia al suo centro storico Patrimonio UNESCO.

Claudia Dagrada

Claudia Dagrada

Claudia Dagrada

Viaggiatrice compulsiva zaino in spalla, ama esplorare il mondo in compagnia di se stessa, della macchina fotografica e di un buon libro. Forse per il fatto di essere noiosamente milanese purosangue, appena può prende un volo aereo per raggiungere un paese possibilmente oltreoceano, e senza prenotare nulla. Con una predilezione per il Sud-Est asiatico, ha lasciato il cuore a New York e aspetta con ansia di approdare in Sud America. Tutte queste passioni le riversa nel suo blog dedicato alle marziane che, come lei, amano viaggiare in solitaria. Autrice di Prontechesiviaggia.com