In mostra a Milano Charlotte Perriand: l'avanguardia è donna

In mostra a Milano Charlotte Perriand: l’avanguardia è donna

Scritto da Claudia Dagrada on . Postato in Appuntamenti, Cultura

Sopra la Galleria milanese M77.
Foto piccola in alto, Charlotte Perriand, Manège, Croatie, 1937.

LA GALLERIA MILANESE M77 DEDICA UNA MOSTRA A CHARLOTTE PERRIAND, ARTISTA PARIGINA ECLETTICA E ANTICONFORMISTA, CHE HA CAVALCATO IL ‘900 ESPLORANDO MOLTEPLICI LINGUAGGI. FINO AL 25 SETTEMBRE, LO SPAZIO ESPONE UNA SERIE DI SCATTI DEGLI ANNI ’30 INSIEME A ICONICI ARREDI. ESEMPI DI UN PENSIERO ORIGINALE, E DI UNA CREATIVITÀ CHE NON VUOLE LIMITI.

Charlotte Perriand en Savoye, vers 1930.

Milano, Italia.
Agli spazi di M77 di Milano la protagonista indiscussa è Charlotte Perriand, celebre designer e fotografa parigina, collaboratrice e amica di Le Courbusier e di altri grandi del suo tempo. Fino al 25 settembre, la mostra dal titolo “Charlotte Perriand. L’avanguardia è donna” punta i fari sull’intesa produzione di quest’artista, ponendo uno a fianco dell’altro i suoi scatti degli anni ’30 e una selezione di arredi prodotti in esclusiva da Cassina.

Un’artista a tutto tondo

Nata nel 1903, Perriand è stata un’artista eclettica e anticonformista che ha attraversato con entusiasmo l’intero secolo, vivendo in pieno lo sviluppo della cultura industriale. Pioniera del modernismo, ha voluto sperimentare molteplici linguaggi, dall’architettura al design, dalla fotografia alla politica fino all’impegno civile. E in un mondo ad appannaggio maschile, ha saputo farsi strada per l’originalità del suo pensiero. Perriand è andata oltre le convenzioni, proponendo al grande pubblico un nuovo modo di pensare la vita, le forme e lo spazio. Amante dei viaggi, ha lavorato a lungo in Oriente dove l’incontro con un’altra cultura ha stimolato ulteriormente la sua creatività.

Il percorso espositivo

La mostra, a cura di Enrica Viganò, è suddivisa su due livelli e per aree tematiche, che toccano i principali aspetti della produzione di Perriand. Nella prima parte del percorso espositivo, al pian terreno c’è una selezione di foto dedicate alla montagna, grande fonte d’ispirazione per l’artista, in cui spicca un suo ritratto a dimensioni naturali. Non mancano ritratti dei suoi amici più celebri, Le Corbusier e Fernand Léger a fianco del Partenone, fotografato ad Atene durante un viaggio per il convegno degli architetti. Il percorso prosegue con la serie da lei denominata “Art Brut”, dove alcuni “objet-trouvés” naturali, spesso raccolti sulle spiagge della Normandia, vengono fotografati come vere e proprie opere d’arte in modalità still life. Infine, l’iconico ritratto di Perriand a torso nudo in atteggiamento vittorioso sulla cima di una montagna.
Al primo piano il percorso si conclude con le foto di paesaggi marittimi e centri urbani scattate fra Croazia, Inghilterra, Parigi e Giappone. Il governo del Paese asiatico nel 1940 invitò la Perriand in qualità di consulente per la produzione del design industriale. Immagini che evidenziano la creatività a tutto tondo dell’artista, inspirata da oggetti e strutture per creare i suoi arredi e le architetture.

Il film documentario

Per la prima volta in Italia, la mostra presenta il film documentario “Creer l’habitat au XXe Siecle”, girato nel 1985 e curato da Jacques Barsac (scrittore, regista e marito della figlia Pernette, diventata responsabile degli Archives Charlotte Perriand). Con la partecipazione di una Perriand ormai ottantenne, il video in meno di un’ora ripercorre vita, carriera, lotte e successi dell’artista. Ad arricchire il film ci sono documenti d’epoca, immagini di repertorio, disegni, progetti, arredi e fotografie.
Photo dall’alto: © Archives Charlotte Perriand. Lorenzo Palmieri. © Archives Charlotte Perriand.

INFO

T. +39 02 84571243
www.m77gallery.com

Orario apertura
Chiuso il lunedì e i festivi.
Martedì-sabato, 11:00-19:00
Chiusura estiva dal 6 al 30 agosto compresi

Claudia Dagrada

Viaggiatrice compulsiva zaino in spalla, ama esplorare il mondo in compagnia di se stessa, della macchina fotografica e di un buon libro. Forse per il fatto di essere noiosamente milanese purosangue, appena può prende un volo aereo per raggiungere un paese possibilmente oltreoceano, e senza prenotare nulla. Con una predilezione per il Sud-Est asiatico, ha lasciato il cuore a New York e aspetta con ansia di approdare in Sud America. Tutte queste passioni le riversa nel suo blog dedicato alle marziane che, come lei, amano viaggiare in solitaria. Autrice di Prontechesiviaggia.com