Sardegna: ecco gli eventi tipici da non perdere

Scritto da Redazione on . Postato in Appuntamenti, Destinazioni

La Sardegna è una terra antica e ricca di feste e sagre di vario tipo. Come spesso succede anche nella penisola, il tema centrale è religioso, ma non per questo si rinuncia a spaziare tra folklore, artigianato, musica ed enogastronomia.

Queste feste tipiche, distribuite durante tutto l’anno, riescono ad attirare migliaia di visitatori incuriositi da come la tradizione riesca a legarsi all’innovazione della modernità.

Se anche tu sei un amante delle sagre, allora ti interesserà sapere cosa propone la Sardegna a tal proposito, ma prima dovrai organizzare il tuo viaggio. Qui troverai gli orari per andare in Sardegna con il traghetto ed avventurarti verso profumi e sapori tipici dell’isola.

Gli eventi da non perdere

La festa di Sant’Antonio Abate festeggia il santo che, secondo la leggenda, rubò il fuoco dall’inferno per farne dono agli uomini. In alcune zone i festeggiamenti iniziano il 16 gennaio, in altre iniziano invece con l’uscita delle maschere di carnevale. Per far festa vengono preparati dei grandi falò dove viene cotta della carne che viene poi offerta insieme a del vino rosso locale.

A Castelsardo, un borgo medievale nel Nord della Sardegna, vede una Processione dei misteri nota col nome di Lunissanti davvero unica e caratteristica in quanto si svolge durante la notte.

A Sassari, ogni penultima domenica di maggio, si svolge la Cavalcata Sarda, una antica manifestazione che vede sfilare a piedi, sulle traccas (i tipici carri addobbati) o a piedi gruppi che vengono da ogni angolo della Sardegna. Segue poi un’esibizione di cavalli e cavalieri che cavalcano in pariglie, canti tipici e balli della tradizione.

Ci spostiamo verso l’estate, per la precisione il 14 agosto di ogni anno, a Sassari, dove si svolge la Discesa dei Candelieri, conosciuta anche come Festha Manna. Durante questo evento, lungo le vie della città, sfila una processione di colonne di legno, “candelieri” (ceri simbolici). Le origini di questa festa risalgono al periodo della Grande Peste quando, un voto fatto alla Madonna Assunta, avrebbe salvato la città dal morbo.

Sempre ad agosto, ma in questo caso durante l’ultima domenica del mese, si svolge a Nuoro la Sagra del Redentore. Per rendere omaggio alla statua del Redentore, posta sul Monte Ortobene, dei gruppi di figuranti sfilano dalla città alla montagna.
Per rendere l’evento ancora più memorabile vengono messi in scena dei balli sardi accompagnati dal suono delle launeddas (le tipiche fisarmoniche sarde).

Per concludere si segnala la Festa del Vino. Sebbene le feste in onore di questo prodotto amato dal dio Bacco siano tante, la più attesa cade nella prima settimana di agosto e si tratta dello Jerzu Wine and Music Festival che ha luogo, appunto, a Jerzu. E il vino protagonista è il famoso Cannonau che viene offerto nelle cantine del paese, aperte per l’occasione, con un gioioso sottofondo musicale.

Crediti fotografici
1- Veduta del centro storico di Sassari dal Grattacielo Nuovo, foto di Giuseppe Faedda – GSPFD
2- Il mare di Sassari, foto di Cisko66
Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0) by cisko66
3- La discesa dei candelieri, foto di Gianni Careddu – CC Attribution-Share Alike 3.0 Unported

Tags: ,