LE “GEOMETRIE DI VETRO” DI GABRIELLA GIURIATO ALLA GALLERIA POLID’ARTE

Scritto da AGENDAVIAGGI on . Postato in Appuntamenti

Spoleto, Italia.
Gabriella Giuriato è tornata alla Galleria Polid’Arte di Spoleto per presentare la sua nuova mostra durante le intense giornate del Festival dei Due Mondi , uno dei momenti culturali più importanti dell’estate umbra. L’artista ha stupito ancora una volta grazie ad opere, coerenti con la sua ricerca, ma realizzate in un materiale nuovo e di complessa lavorazione.

ipazia-gabriella-giurato-350Geometrie di vetro si intitola la rassegna , ed il vetro fa parte del dna della Giuriato, che vive e lavora a Venezia e, da sempre, è un’appassionata studiosa delle tradizioni della propria terra.
Il vetro, con le sorprendenti cromie, la sua fragilità e forza, affascina da sempre gli artisti, così che molti di loro si sono misurati con esso. In questo caso la collaborazione con una ditta storica di Murano, la Fabbrica Ragazzi s.n.c., ha permesso alla Giuriato di creare una serie di opere che, pur legate alle precedenti sperimentazioni, dicono una parola nuova e segnano una tappa significativa nel suo lavoro.
L’artista, conosciuta per le sculture sferiche, lavorate a collage, tecnica utilizzata anche per creare quadri di grande impatto, questa volta , rivolgendosi ad un materiale strettamente legato alla sua città, ha creato a Murano una serie di tondi, in cui il colore e le geometrie giocano un ruolo di primo piano.
Sperimentale e complesso si è rivelato il lavoro nella fornace muranese: dopo il disegno preparatorio i motivi geometrici in vetro fusione e sempre in tinte contrastanti, come il rosso e il nero , sono stati disposti su una lastra di vetro tagliata a disco, colorata e tirata e poi fusa in forno. Questa operazione ha richiesto tempo, energie, riflessioni e molte prove , ma i risultati sono ora davanti ai nostri occhi.
Grazie all’abilità dei maestri della Ragazzi i tondi si confermano , infatti, una riuscita espressione della specificità artistica di Gabriella Giuriato e della sua sensibilità all’utilizzo del colore. In queste creazioni la monocromia dello sfondo fa risaltare l’imprevedibilità e l’armonia dei soggetti in rilievo, che si propongono diversi per forma sulle due facce.
I dischi, sul loro semplice ed elegante supporto, possono essere dunque visti da entrambi i lati, rivelando incastri di motivi geometrici, insieme ad un riuscito effetto di cromie, in una sorta di gioco positivo – negativo . Accattivanti sono anche i titoli, dati alle opere, che richiamano nomi di matematici e filosofi della Grecia classica, fra cui non poteva mancare quello di una straordinaria figura femminile come Ipazia, a cui è dedicato un tondo nero e arancione.
Il vetro, sotto forma di collage, anima anche alcuni grandi dischi lignei e quadri, che completano la mostra, insieme ad una serie limitata e numerata di originali fermacarte e gioielli, realizzati sempre in vetro da Gabriella Giuriato presso la Fabbrica Ragazzi di Murano.

Polid’Arte15 Centro Culturale di Annamaria Polidori.
Via Duomo 27, Piazza Signoria 5, SPOLETO , 00393406732.
Fino a domenica 19 luglio 2015.
Mercoledì-domenica 10,30-13 – 16,30-20