Le migliori osterie d’Italia di Slow Food

Le migliori osterie d’Italia di Slow Food

Scritto da Alfredo Rossi on . Postato in Appuntamenti, Food&Drink

Mangiare bene, spendendo il giusto, oltretutto dando un occhio all’ambiente, dato che il molti di questi locali, scelti da Slow Food, preparano piatti realizzati prevalentemente con ingredienti locali, spesso prodotti e coltivati all’antica, o comunque nel rispetto della natura, senza aver viaggiato da un continente all’altro prima di diventare il nostro cibo.

Milano, Italia.
Il mensile BELL’ITALIA rinnova l’appuntamento con Slow Food: il primo dei tre volumi della guida alle OSTERIE D’ITALIA 2020, che, quest’anno, celebra il suo trentennale, in allegato a soli 2 euro oltre al prezzo di copertina ed è in edicola il 2 marzo. Questo primo volume è dedicato alle regioni del nord, si prosegue ad aprile con quelle del centro, il Sud e le Isole e si chiude a maggio con una selezione, su tutta Italia, dei locali dove si può mangiare all’aperto. Una guida in tre volumi che può essere utile a chi viaggia nel nostro Paese.

Il 2020 è il decimo anniversario della collaborazione fra Bell’Italia e Slow Food, sodalizio nato nel 2010, anno in cui viene introdotta sul mensile di Cairo Editore la rubrica “Cibo e Paesaggio”, che ogni mese accompagna il lettore alla scoperta di una coltivazione o piccola produzione d’eccellenza che, diventata presidio Slow Food, è tutelata e protetta, e con esso il paesaggio agricolo tipico nel quale viene coltivata.

I tre volumi comprendono un’ampia selezione della guida completa di Slow Food con ben 1086 ristoranti e trattorie: un viaggio tra i percorsi enogastronomici italiani, regione per regione, che permette di trovare sempre il posto giusto per mettersi a tavola.

0Shares
0
Alfredo Rossi

Alfredo Rossi

Milanese di nascita, monzese di residenza, sono sposato e ho quattro figli e cinque nipoti: Sebastiano, Irene Lola, Isabella, Sergio e, arrivata da pochissimo, Corallo. Giornalista professionista, ho lavorato a Il corriere dei ragazzi, Max, Sale & Pepe, Chi (quando si chiamava ancora Noi), Donna Moderna, Sorrisi & Canzoni, Io Donna, Novella 2000, Sette. Ho scritto centinaia di sceneggiature per fumetti e fotoromanzi. Appassionato di teatro, lo frequento molto, sia sulle poltroncine rosse da spettatore sia sulle tavole del palcoscenico come... attore. Mille interessi, nessuno mai approfondito in modo sistematico, forse perché non amo la routine. Il mio motto? "La vita è bella, ma può sempre diventare ancora più bella”