LE MARCHE, TRA BORGHI, MARE E COLLINE

LE MARCHE, TRA BORGHI, MARE E COLLINE

Scritto da Redazione on . Postato in viaggi senza barriere

Dalle incantevoli spiagge del Conero fino agli scenari naturali dell’entroterra, passando tra le verdi colline e i borghi medioevali. Un territorio custodito tra mare e montagne che nasconde un concentrato di ricchezze paesaggistiche e culturali, storia e enogastronomia.

Marche, Italia.
Le Marche sono state inserite nella lista delle Best in Travel 2020 di Lonely Planet al secondo posto tra le regioni del mondo da visitare quest’anno. Se vi state chiedendo come mai, ve lo spieghiamo di seguito.

E’ una regione abbracciata dal mare e dalla montagna che vive tra la vivacità delle cittadine, la quiete della campagna e le spiagge caraibiche del Conero ed ha tutto ciò che serve per sedurre tutti i viaggiatori.

Go 4 All, tour operator della famiglia Go World dedicato ai viaggi accessibili, ha creato un itinerario per assaggiare questa terra e scoprirne le bellezze naturalistiche e architettoniche.

Dalla capitale Ancona, città portuale fondata dai Greci, che gode di una storia millenaria, all’atmosfera mistica del Santuario di Loreto, che quest’anno con un giubileo celebra la Madonna del volo. Dal brulicare vivace della famosa spiaggia di velluto di Senigallia al belvedere del balcone del Conero di Sirolo, questo itinerario vi riempirà di meraviglia.

Per esplorare il territorio si parte da Ancona con la visita alla Mole Vanvitelliana, splendida isola artificiale non lontano dal porto antico, per poi scoprire il Teatro delle Muse e il Museo Tattile per conoscere l’arte attraverso i sensi.

Immancabile la visita al famoso Santuario della Santa di Casa di Loreto, capolavoro gotico-rinascimentale che custodisce la statua della Madonna nera, che per la prima volta nella storia della Chiesa Cattolica, quest’anno è in pellegrinaggio negli aeroporti del mondo per incontrare i viaggiatori moderni.

Da Loreto a Sirolo imperdibile una sosta nell’azienda agricola Garofoli per una degustazione al buio per conoscere profumi e aromi del vino marchigiano. Sirolo è un gioiello del Conero e insieme a Numana fanno parte di quei posti da cartolina con le loro acque cristalline e calette di roccia.

Il tour tra mare, natura e cultura prosegue per Senigallia con la visita alla Rocca Roveresca, il Foro Annonario, un’armoniosa struttura neoclassica con una piazza circolare che ancora oggi ospita il quotidiano e pittoresco mercato di frutta e verdura. Sotto il porticato di 24 colonne con capitelli in stile dorico sono numerose le botteghe di enogastronomia locale che offrono aperitivi gustosissimi.

IL TACCUINO DI AGENDA VIAGGI

DOVE MANGIARE:
Senigallia: per chi non sa rinunciare ad un’esperienza gastronomica vista mare, consigliamo La Madonnina del Pescatore di Moreno Cedroni, due stelle Michelin.

Sempre a Senigallia, da Uliassi tre stelle Michelin, l’esperienza è indimenticabile, non per tutte le tasche.

Ancona: Imperdibile nella Baia di Portonovo il Ristorante Emilia, che nasce nel 1929 e che con il suo terrazzo domina il tratto più suggestivo della baia. Oltre al buonissimo pesce fresco e i suoi famosi spaghetti con i moscioli è il luogo ideale per il selfie perfetto.

DOVE DORMIRE:
Seeport ad Ancona. Stile apertamente new england nelle camere bianche e blu con vista sul mare è un boutique hotel sul porto che vanta una posizione strategica e un ristorante gourmet da provare.

Raffaello Hotel a Senigallia. Stile moderno con arredi di design gode di piscina panoramica ed esclusivo Rooftop dove lo sguardo spazia dal mare, alla città fino alle colline.

Per tutte le info clicca qui