È giunta alla ventesima edizione la “Milano tattoo convention”, la manifestazione che vede protagonisti 500 tra i tatuatori più noti nel mondo e gli amanti dei tatuaggi. Tre giorni (7, 8 e 9 febbraio) in cui sarà possibile vedere all’opera questi “pittori della pelle”.

In viaggio sulla pelle

Scritto da Alfredo Rossi on . Postato in Appuntamenti, Coppia, Single

È giunta alla ventesima edizione la “Milano tattoo convention”, la manifestazione che vede protagonisti 500 tra i tatuatori più noti nel mondo e gli amanti dei tatuaggi. Tre giorni (7, 8 e 9 febbraio) in cui sarà possibile vedere all’opera questi “pittori della pelle”.

Milano, Italia.
C’è chi si fa coprire la maggior parte del corpo, chi disegnare una farfalla e chi invece del tattoo non ne vuol proprio sapere. Nati come simboli di appartenenza a una tribù, oggi i tatuaggi sono veramente un fenomeno sociale. E i tatuati sono delle vere e proprie star: per avere le prestazioni di alcuni di loro bisogna mettersi in fila e aspettare mesi, oltre che a sborsare centinaia di euro. Durante la tre giorni della “Milano tattoo convention” per gli aficionados del genere sarà possibile vedere all’opera quelli che sono considerati i veri maestri del genere. Per colpa del coronavirus non sarà presente una delle rappresentative più attese, quella cinese, tra cui Chenjie, la tatuatrice che per la prima volta sarebbe arrivata in Europa.

Mancherà lei, ma ce ne saranno tanti altri, tra cui SNT, che ha dipinto i rapper più seguiti del momento, la Dark Polo Gang, Gemitaiz, Gue Pequeno, Emis Killa e Achille Lauro, reduce dal festival di Sanremo, che forse potrebbe essere presente tra gli spettatori; l’americana Amanda Toy, famosa per i suoi tatuaggi giocosi e coloratissimi: bambole dagli occhioni languidi, matrioske, unicorni e arcobaleni; Roberto Borsi, uno dei pochi italiani che tatua con la tecnica Tebori, la tecnica tradizionale manuale giapponese che utilizza bacchette d’acciaio invece della classica macchinetta; l’inglese Josh Peacock, famosissimo perché inserisce dei denti di grandi dimensione in ogni suo soggetto… e molti altri.

Ospite d’onore della manifestazione l’esponente italiana del movimento Suicide Girl: Riae Suicide. Seguitissima sui social (con più di 5.000.000 di follower su Instagram), Riae sarà a disposizione del pubblico per i 3 giorni in convention per foto e video con i fan.

A contorno dei tatuatori ci saranno musica, spettacoli e gli immancabili tattoo contest che si terranno nei tre giorni di manifestazione e premieranno i migliori lavori eseguiti durante la convention nelle varie categorie.

Sarà presente una mostra dedicata alla Storia del Tatuaggio nella quale saranno esposte le macchinette che hanno segnato la storia del settore dai primi del 1900 ai giorni nostri. Inoltre il Roma Tattoo Museum porterà parte della sua collezione permanente in esposizione. La mostra è stata creata nel tempo con un lavoro durato oltre trent’anni da un tatuatore appassionato che ha dedicato tutta la sua vita a questo mestiere. I rapporti ultratrentennali stabiliti con altri grandi collezionisti in tutto il mondo e con altri musei del tatuaggio, hanno permesso di rendere questa collezione una delle più complete al mondo.

In mostra durante la Convention anche una bellissima collezione di tavole da skate decorate da Egidio Aldo Boni, Marco Matarese, Francesco Cuomo, Amanda Toy, Alessandro El Tanque e tanti altri.

INFO:
Quando
7. 8. 9. FEBBRAIO 2020
Dove
Fiera Milano City
Ingresso GATE 13 – Via Gattamelata – Milano
Orari
Venerdì 7 : 14:00 – 23:00; sabato 8: 12:00 – 23:00; domenica 9: 12:00 – 20:00
Prezzi
INGRESSO 1 GIORNO € 25,00
INGRESSO 3 GIORNI € 60,00
www.milanotattooconvention.it

Alfredo Rossi

Alfredo Rossi

Milanese di nascita, monzese di residenza, sono sposato e ho quattro figli e cinque nipoti: Sebastiano, Irene Lola, Isabella, Sergio e, arrivata da pochissimo, Corallo. Giornalista professionista, ho lavorato a Il corriere dei ragazzi, Max, Sale & Pepe, Chi (quando si chiamava ancora Noi), Donna Moderna, Sorrisi & Canzoni, Io Donna, Novella 2000, Sette. Ho scritto centinaia di sceneggiature per fumetti e fotoromanzi. Appassionato di teatro, lo frequento molto, sia sulle poltroncine rosse da spettatore sia sulle tavole del palcoscenico come... attore. Mille interessi, nessuno mai approfondito in modo sistematico, forse perché non amo la routine. Il mio motto? "La vita è bella, ma può sempre diventare ancora più bella”