Andrà in scena al teatro Nazionale Che Banca! di Milano fino al 27 ottobre il musical “Balliamo sul mondo”, che racconta una storia dei nostri giorni ritmata sulle canzoni più conosciute di Luciano Ligabue. A firmare il testo, a cui ha contribuito lo stesso Ligabue, e la regia Chiara Noschese.

Il Liga formato musical

Scritto da Alfredo Rossi on . Postato in Appuntamenti, cinema

Andrà in scena al teatro Nazionale Che Banca! di Milano fino al 27 ottobre il musical “Balliamo sul mondo”, che racconta una storia dei nostri giorni ritmata sulle canzoni più conosciute di Luciano Ligabue. A firmare il testo, a cui ha contribuito lo stesso Ligabue, e la regia Chiara Noschese.

Un momento del musical “Ballando sul mondo” .
Foto piccola in alto Chiara Noschese, figlia del grande imitatore Alighieri, regista e autrice di “Ballando sul mondo”.

Andrà in scena al teatro Nazionale Che Banca! di Milano fino al prossimo 27 ottobre il musical “Balliamo sul mondo”, che racconta una storia dei giorni nostri ritmata sulle canzoni più conosciute di Luciano Ligabue. A firmare il testo, a cui ha contribuito lo stesso Ligabue, e la regia Chiara Noschese.

Milano, Italia.
Alla prima del musical “Balliamo sul mondo” c’era tra gli spettatori anche Luciano Ligabue che alla fine si è detto più che soddisfatto di quello che aveva visto in scena. E anche Chiara Noschese, nel presentarlo, è stata molto… chiara: “La scrittura e la regia di BALLIAMO SUL MONDO sono stati uno dei ‘viaggi’ più belli della mia vita: mentre scrivevo mi batteva forte il cuore per le sorti dei 13 protagonisti. La musica di Luciano traghetta, con decisione, nell’emozione… l’emozione di una storia semplice, una storia di tutti e per tutti. Vera, e per questo molto godibile”.

La storia è presto raccontata. È il capodanno del 1990: una comitiva di ragazzi di provincia si ritrova, come capita spesso, al Bar Mario per festeggiare l’arrivo del primo anno in cui tutti loro diventano maggiorenni. Tutti loro hanno progetti, speranze, amori, passioni, ma anche tante incertezze sul loro futuro e anche vecchi rancori, che non sono mai stati risolti. Comunque tutti promettono di ritrovarsi in quello stesso posto dieci anni dopo, sapendo già che, per tutti, niente sarà più la stessa cosa dopo quella notte di festa passata insieme. Nei dieci anni che passano, la vita di ognuno di loro cambierà, ognuno seguirà il proprio percorso, mettendoli di fronte a scelte e a realtà inaspettate. Ma, malgrado tutto, la promessa viene mantenuta e nel capodanno 200= si ritrovano tutti al Bar Mario. Non sarà facile rimettere insieme i pezzi, eppure tutti sono consapevoli che ritrovarsi e cercare di ricostruire insieme è per tutti l’ancora di salvezza…


Video di Ligabue che parla del musical dopo averlo visto

Le vite dei 13 protagonisti del musical s’intrecciano, scandite dai più grandi successi di Luciano Ligabue, da “Certe Notti” a “Non è tempo per noi”, da “Tra palco e realtà” a “Urlando contro il cielo” e tante altre… tra cui ovviamente “Balliamo sul mondo”, la storica hit del Liga che dà il titolo al musical.
Molto bravi gli interpreti, che fanno capire di divertirsi sul palco e quindi divertono gli spettatori.

Orari spettacolo:
Da mercoledì a venerdì ore 20.45
Sabato doppio spettacolo alle ore 15.30 e alle ore 20.45
Domenica pomeriggio alle ore 15.30
Info per acquisto biglietti:
www.ticketone.it

Biglietteria Teatro Nazionale CheBanca!
Via Giordano Rota 1, Milano
Aperta da martedì a domenica dalle 14.00 alle 19.00
Infoline 02 00640888 (attiva da martedì a sabato dalle 15:00 alle 18:00)
Servizio SMS e WhatsApp 344 1996621
www.ligabue.com
www.teatronazionale.it
facebook: Chiara Noschese “Official Page”

Alfredo Rossi

Alfredo Rossi

Milanese di nascita, monzese di residenza, sono sposato e ho quattro figli e quattro nipoti (quasi cinque). Giornalista professionista, ho lavorato a Il corriere dei ragazzi, Max, Sale & Pepe, Chi (quando si chiamava ancora Noi), Donna Moderna, Sorrisi & Canzoni, Io Donna, Novella 2000, Sette. Ho scritto centinaia di sceneggiature per fumetti e fotoromanzi. Appassionato di teatro, lo frequento molto, sia sulle poltroncine rosse da spettatore sia sulle tavole del palcoscenico come... attore. Mille interessi, nessuno mai approfondito in modo sistematico, forse perché non amo la routine. Il mio motto? "La vita è bella, ma può sempre diventare ancora più bella”.