LA 44ESIMA EDIZIONE DELLA FIERA ITALIANA LEADER NELL’HO.RE.CA., CON IL NUOVO BRAND HOSPITALITY – IL SALONE DELL’ACCOGLIENZA, É IN PROGRAMMA A RIVA DEL GARDA DAL 2 AL 5 FEBBRAIO 2020.

“HOSPITALITY – IL SALONE DELL’ACCOGLIENZA” SI RINNOVA

Scritto da Franca Dell’Arciprete Scotti on . Postato in Appuntamenti, Food&Drink

LA 44ESIMA EDIZIONE DELLA FIERA ITALIANA LEADER NELL’HO.RE.CA., CON IL NUOVO BRAND  HOSPITALITY – IL SALONE DELL’ACCOGLIENZA, É IN PROGRAMMA A RIVA DEL GARDA DAL 2 AL 5 FEBBRAIO 2020.

LA 44ESIMA EDIZIONE DELLA FIERA ITALIANA LEADER NELL’HO.RE.CA., CON IL NUOVO BRAND  “HOSPITALITY – IL SALONE DELL’ACCOGLIENZA”, É IN PROGRAMMA A RIVA DEL GARDA DAL 2 AL 5 FEBBRAIO 2020.

Milano, Italia.
Evoluzione di Expo Riva Hotel, “Hospitality -Il salone dell’accoglienza” offre dalla prossima edizione una nuova immagine più contemporanea e internazionale.

Come osserva Carla Costa, responsabile Area Fiere di Riva del Garda Fierecongressi: “Negli anni la fiera é cresciuta e si é evoluta, grazie alla capacità di adattarsi ai cambiamenti del mercato e alle esigenze degli espositori. Dopo 43 edizioni era giunto il momento di avere un nuovo nome e una nuova identità visiva che meglio connotassero la fiera come punto di riferimento per il mondo dell’ospitalità e della ristorazione  e come hub internazionale di business e di aggiornamento per i professionisti del settore”.

Ecco dunque le caratteristiche e le novità, illustrate dal  Presidente di Riva del Garda Fierecongressi, Roberto Pellegrini.

Il quartiere fieristico di Riva del Garda offre oltre 40.000 metri quadrati, dodici padiglioni in quattro strutture integrate tra loro; situato in una posizione strategica, negli anni si è affermato come hub di tendenze e luogo di incontro per lo sviluppo di business oltre ad aver contribuito all’espansione del sistema turistico ed economico del Trentino.

Numeri molto incoraggianti per questa edizione: in aumento del 43,6% (rispetto allo stesso periodo del 2018) le aziende espositrici che hanno confermato la loro partecipazione, crescita dei produttori diretti e quella dei grandi brand, adesione  di nuovi brand che hanno scelto di essere presenti a Hospitality per la prima volta.

Quattro aree tematiche caratterizzano la fiera: Contract & Wellness, Beverage, Food & Equipment, Renovation & Tech, in un percorso espositivo unico e completo dalle materie prime, alle attrezzature per l’hotellerie e la ristorazione, fino all’impiantistica per la produzione della birra.

Tra le novità della prossima edizione l’ampliamento del padiglione dedicato al Food – 1.500 metri quadrati in più rispetto allo scorso anno – che ospiterà anche nuove tipologie di prodotti, come il pesce surgelato e le carni rosse, e più spazio per la gelateria e la pasticceria, a seguito del crescente interesse da parte dei produttori diretti di materie prime, e i percorsi dedicati alle nuove abitudini alimentari, come Gluten Free, Vegan, Halal e Kosher.

 Altra  novità per il 2020 l’inedito progetto “Cucina in Emergenza” di FIC-Federazione Italiana Cuochi, che debutterà proprio a Hospitality.

Nei quattro giorni di manifestazione, per visitatori e professionisti, più di 100 appuntamenti tra seminari, tavole rotonde e workshop di approfondimento sui trend, le strategie e le novità del mondo Ho.Re.Ca. con gli incontri di formazione a cura di Hospitality Academy.

Confermate anche per l’edizione 2020 del Salone le due aree speciali del settore beverage, Solobirra e RPM – Riva Pianeta Mixology.

Da sempre attenta alla sostenibilità e alla responsabilità sociale, Riva del Garda Fierecongressi dal 2016 aderisce al progetto Food For Good, che prevede il recupero delle eccedenze alimentari degli eventi con l’obiettivo di trasformare l’abbondanza in una risorsa preziosa e dare il proprio contributo alla lotta allo spreco alimentare.
Info: https://hosp-itality.it/it
@hospitalityriva #hospitalityriva

Franca Dell’Arciprete Scotti

Franca Dell’Arciprete Scotti

Mille interessi potrebbero portare alla dispersione. Per fortuna non è così. Milanese di adozione, adora questa città che dà tutto, compresa la possibilità di sperimentare il giornalismo in vari settori, dalla moda, al beauty, al design. Ma la passione rimane quella dei viaggi a breve e lungo raggio, per cui scrive su varie testate, anche con proprie rubriche di benessere, gastronomia, cultura. La laurea in Lettere Classiche le ha regalato il piacere della precisione e del metodo, accompagnati dalla scoperta del bello e della leggerezza.