BOLOGNA SI FA GREEN CON DIVERDEINVERDE

Scritto da Ivan Burroni on . Postato in Appuntamenti

Panorama Bologna da torre Asinelli

Bologna, Italia.
L’appuntamento più green di Bologna, Diverdeinverde – Giardini aperti della città e della collina, è giunto ormai alla sua terza edizione. La manifestazione, che racconta di un lato nascosto e talvolta sorprendente del capoluogo emiliano, aprirà i battenti di una cinquantina tra i giardini privati più belli della città dal pomeriggio di venerdì 20 alla sera di domenica 22 maggio 2016.

Un evento perfetto non solo per gli amanti della botanica e dell’arte dei giardini, che potranno cimentarsi in un percorso alla scoperta delle differenti tipologie di verde cittadino presenti a Bologna, dal centro storico alla prima pianura, passando per giardini e parchi della pedecollina, ma anche e soprattutto per visitatori, turisti e flâneur, che potranno entrare in contatto con una Bologna diversa e inaspettata, quel tesoro verde della città celato alla vista da muri e portoni.

tn_3-Bologna-di-verde-in-verdeLa 3 giorni s’inserisce in un fitto calendario di appuntamenti primaverili che prende il nome di Springtime is Bologna e che riempirà i weekend (e non solo) dei bolognesi con feste, mostre, kermesse di ogni tipo fino al 21 giugno.

Per vivere al meglio la manifestazione, Bolognawelcome ha creato una speciale offerta: una tessera che, al costo di 49 euro, oltre all’accesso a tutti i luoghi di Diverdeinverde – Giardini aperti della città e della collina, comprenderà pernottamento e prima colazione in hotel (tariffa in camera doppia – min. 2 persone).

 

Per il programma della manifestazione andare sul sito di Diverdeinverde.

 

Ivan Burroni
ivan@agendaviaggi.com

 

photo credits www.bolognawelcome.com

 

Ivan Burroni

Ivan Burroni

Personaggio dai mille interessi, la maggior parte dei quali ha una vita breve quanto quella di una farfalla Effimera. In mezzo al marasma di entusiasmo per le cose della vita tuttavia esistono delle costanti, tra le quali il viaggio e la scrittura. Sogna di unire alle sue due passioni anche l’altro grande amore: quello per la sociologia e lo studio dell’uomo. Cosa ama fare in vacanza? Affittare una vespa e girare senza meta, perdersi nella giungla cittadina o nella natura inesplorata di un luogo esotico e registrare impressioni su carta, magari su un tavolino che dà direttamente sull’oceano, con un bicchiere di vino in mano e la luce del tramonto che lentamente affievolisce per lasciare il posto all’ebbrezza della notte.