AccorHotels: l’orto del futuro in albergo

Scritto da Ivan Burroni on . Postato in Alberghi e Spa

Milano, Italia.
Quando si parla di innovazione Milano è sempre in prima linea, in Italia e nel mondo. Così è proprio la città meneghina a celebrare la nuova importante partnership tra AccorHotels e la startup italiana Hexagro Urban Farming, con la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale pensato per essere usato in ambienti indoor, in mostra nel lounge bar del Novotel di Ca’ Granda dal 15 dicembre scorso.

L’ecosostenibilità sarà la chiave della sopravvivenza del genere umano nel prossimo futuro: il tema della nutrizione, dell’impatto dell’agricoltura sulla salute del pianeta e degli esseri umani, e quello non secondario della produzione agricola in un’epoca di cambiamenti climatici imprevedibili e di una crescita abnorme della popolazione umana. Mancanza di suolo da un lato e urbanizzazione dall’altro porteranno l’agricoltura a essere sempre più verticale e indoor.

Living Farming Tree rappresenta, in questo senso, una visione futuribile dell’agricoltura di domani. Un concentrato d’ingegneria che unisce la tecnica di coltivazione aeroponica, senza l’utilizzo di terra e fertilizzanti, un cervello elettronico che permette il funzionamento automatico dei sistemi d’irrigazione e d’illuminazione, e un design accattivante che lo rende elemento d’arredo, adatto, a seconda della versione, a luoghi più ampi come le hall degli hotel o agli spazi ridotti di un appartamento. Il risultato è la produzione a metro zero di erbe aromatiche e verdura di qualità, con alti valori nutritivi e organolettici, in ogni momento dell’anno, con un bassissimo impatto ambientale (si parla di un risparmio idrico che arriva al 90% rispetto all’agricoltura tradizionale).

Il progetto s’inserisce nel programma di sviluppo sostenibile di AccorHotels, Planet21, pensato e lanciato nel 2011 con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale passando dalla riduzione dello spreco alimentare fino all’utilizzo di prodotti locali.

Ivan Burroni
ivan@agendaviaggi.com

Ivan Burroni

Ivan Burroni

Personaggio dai mille interessi, la maggior parte dei quali ha una vita breve quanto quella di una farfalla Effimera. In mezzo al marasma di entusiasmo per le cose della vita tuttavia esistono delle costanti, tra le quali il viaggio e la scrittura. Sogna di unire alle sue due passioni anche l’altro grande amore: quello per la sociologia e lo studio dell’uomo. Cosa ama fare in vacanza? Affittare una vespa e girare senza meta, perdersi nella giungla cittadina o nella natura inesplorata di un luogo esotico e registrare impressioni su carta, magari su un tavolino che dà direttamente sull’oceano, con un bicchiere di vino in mano e la luce del tramonto che lentamente affievolisce per lasciare il posto all’ebbrezza della notte.